SHOUD 09: “Keahak II”

IL MATERIALE DEL CRIMSON CIRCLE

La Serie [NEXT]

SHOUD 9: “Keahak II” con Adamus Saint-Germain canalizzato da G. Hoppe

presentato al Crimson Circle il  2 aprile 2011

www.crimsoncircle.com


Io Sono Quello che Sono, Adamus del Dominio Sovrano.

In questo mondo perfetto, in questo universo perfetto oggi sono deliziato di essere qui con tutti questi pirati spirituali. Aargh! Aargh! (il pubblico risponde “Aargh! Aargh!”) State scoreggiando o commentando?!

Fate un respiro profondo, ma non se state emettendo aria. Fate un respiro profondo, cari Shaumbra. È una delizia essere qui con voi ed è una delizia che possiate ridere di tutto questo. Ora, il povero Tobias ha dovuto avere a che fare con voi per i molti anni in cui riuscivate a malapena a fare un sorriso! Ora possiamo ridere apertamente.

Certo, ci sono giorni pesanti, è così ma non devono essere giornate brutte. A voi piace una bella sfida, vero?

EDITH: Certo.

ADAMUS: Certo, ecco perché siete qui. Volete più di una sfida?

EDITH: Certo, perché no?

ADAMUS: Perché no. Oh, non dirlo! Why not. (Adamus ride) O se lo fai, parla solo per te.

Ne abbiamo già parlato, voi conoscete i tempi in cui vivete. Non ci dovrebbe essere nessun dubbio e non dovreste avere assolutamente nessuna paura. È il momento di sorridere, di godersi la vita, è il momento di entrare in quella sfida, è il momento di viverci dentro perché non è qui per mettervi sotto, ma per portarvi dentro di voi.

Nessuno degli eventi che accadono nel mondo e neppure i vostri eventi personali sono qui per distruggervi o farvi a pezzi: sono qui per servirvi. L’energia serve il Maestro. Ci credete? (alcuni tra il pubblico dicono ”Sì”) Davvero? Bene. L’energia serve il Maestro e questo è un momento di energia molto alta. Sono momenti incredibili e sarebbe davvero triste se vi bloccaste in questi momenti, se fingeste che non stanno accadendo, se vi nascondeste sottoterra come avete fatto una volta ad Atlantide senza godervela.

Essere Sensuali

Sapete, gli umani - gli angeli in particolare - gli angeli umani sono esseri molto sensuali. Sapevate questa cosa degli angeli? Sono esseri molto sensuali e anche se non pensate a un angelo come non essere sensuale, lo è.

Ora - io uso la parola ‘sensuale’ - che non significa per forza sexy, anche se alcuni indossano questi cappelli rosa selvaggi. No, sensuale significa che quell’angelo ama sentire, fare esperienza ed essere nella vita. Questo tipo di angeli ama creare e poi immergersi nelle sue creazioni, cuocerle a fuoco lento, a volte combatte per trovare il suo modo per entrare e uscire dalle creazioni - ma questo è essere sensuali. Gli angeli amano i colori, i suoni e le sensazioni-gli angeli amano la musica, in particolare la musica umana proprio perché è così sensuale. Non c’è proprio nulla di sbagliato nell’essere sensuali; non confondetelo con l’essere sessuali - cosa che alcuni di voi si sono dimenticati del tutto - mi spiace proprio doverlo dire. No, essere sensuali è l’incarnazione e l’esperienza della vita stessa. (dà una pacca sulla spalla a qualcuno) Questo non è sensuale, vero? È una sensazione, è solo la sensazione. Che hai fatto al tuo piede? ( si riferisce al piede ferito di qualcuno) In un certo senso è sensuale, è un po’ pazzo, ma…

Sapete, gli angeli hanno proprio questo desiderio profondo di essere sensuali, di entrarci dentro e di fare l’esperienza. Gli umani invece hanno cercato di tagliarsi fuori, gli angeli umani ci hanno provato davvero. Perché? Beh, forse si sentono dipendenti o sopraffatti dalla sensualità, ma quando arrivate a questo punto del vostro viaggio potete fare un respiro profondo. Nello stato di ahmyo, nello stato di grazia non dovete preoccuparvi che vi sconvolgano - le esperienze, le sensazioni , le attività quotidiane e il cibo e il ballo e il sesso e la passione.

Vedete, gli umani hanno un loro modo di… si sono tagliati fuori dalla sensualità o meglio ne hanno ristretto il flusso pensando che si trattasse di qualcosa di sbagliato perché qualcuno ha detto loro è sbagliato e questa cosa gli è arrivata al cervello: “Non posso mangiare i cibi se non quelli che non mi piacciono proprio. Non riesco a godermi un bicchiere di vino perché in passato sono stato un ubriacone.” Ora non lo siete più.. “ Non riesco proprio a godere della parte sessuale di me perché le suore mi hanno detto che avere questo tipo di impurità è una cosa cattiva e mi cresceranno i peli sulle mani.” Questa battuta era carina ( il pubblico ride) era proprio carina. E così gli umani hanno rimosso quella parte di sé, ma mentre vi riconnettete con voi, mentre tornate alle radici di chi siete e vi permettete di essere di nuovo un angelo e quindi potete essere sensuali. E’ ok, potete farlo e ciò significa assaporare la vita. Sì.

Per tutto cià fate un respiro profondo, voi pirati sensuali, voi. (il pubblico  risponde “Aargh! Aargh!”) Aargh. In realtà è più un  a-a-rgh-h (con una voce sexy e tutti ridono) Questo è essere un pirata sensuale - a-a-argh-h. Riuscite a farlo? (il pubblico risponde “A-a-argh-h”) Oh no, sexy - oggi vi voglio sexy! (Il pubblico ci riprova) Suonate come un pneumatico sgonfio in una vecchia auto. Proviamoci insieme e io vi darò un esempio - in realtà, sarà Linda a darvene un esempio.

LINDA: A-a-argh. (fa una specie di fusa)

ADAMUS: Ah! Ahhh! Ok, riuscite a farlo? (il pubblico ripete “A-a-argh”) Vi state ancora trattenendo, come se diceste: “Non posso essere troppo sensuale perché diventerò troppo sessuale o troppo umano.”  Certo, la maggior parte di voi sta cercando di lasciare questo dannato pianeta e pensate che se diventate sensuali rimarrete di nuovo bloccati qui e vi ritroverete a dipendere dall’essere sensuali, quindi la mantenete al minimo assoluto ma tutto ciò non vi fa bene, non vi fa per nulla bene. No, in realtà irrigidisce la vostra energia e irrigidisce anche il vostro sfintere e poi non vi divertite più.

Spero proprio che uno di voi scriva un manuale: “Come Lasciare Questo Pianeta Per Quelli Che Lo Vogliono Davvero.”  E’ un libro corto, ha solo un capitolo e non molte parole - siete voi che v’immergete dentro, lo fate in modo assoluto.

Voi non ve ne state seduti sulla cima di una collina a meditare. L’avete già fatto e guardate - siete ancora qui. Non vi attaccate a nuove pratiche - che siano le litanie o la preghiera o l’adorazione dei cristalli o cose del genere -  perché avete già fatto tutto. Non isolatevi in un monastero, perché l’avete già fatto. Non andate a sedervi su un’isola da qualche parte per 62 anni tutti da soli pensando così di trovare Dio. No, voi non lo fate, voi non lo fate: voi vi immergete dentro la vita.

In passato tutte queste cose le avete già fatto le, ognuno di voi è stato nei monasteri e anche nei conventi. Avete affrontato da soli questa ricerca spirituale, vi siete costretti a soffrire e a seguire una disciplina. Sapete che cos’è una disciplina? (qualcuno dice “Makyo”) E’ makyo, grazie: il makyo mentale, proprio il makyo mentale. La disciplina restringe le energie - è divertente da imparare, ma una volta che l’avete imparata liberatevene. La disciplina è un modo per mettervi sulla croce, per soffrire un po’ ma voi tutte queste cose le avete già fatte e ora ci sono altri che le fanno.

Per un po’ in passato avete fatto quelli che tenevano l’energia e ne eravate fieri, finché Tobias ha detto: ““Ptt! Lasciate perdere.” Avete tenuto l’energia per qualsiasi cosa e in realtà lo sapete, quelli che tengono l’energia hanno servito uno scopo: hanno tenuto i semi energetici di Lemuria, di Atlantide, delle famiglie stellari e li hanno mantenuti intatti di modo che non lasciassero la coscienza umana. Avete fatto un bel po’ di lavoro, perché avete tenuto queste energie per molto, moltissimo tempo e restate ancora imprigionati in questa abitudine - essere quelli che tengono l’energia.

Mi chiedete: “Beh, se non tengo l’energia per i delfini e le balene, chi lo farà al posto mio?” Beh, molte altre persone. Ve ne siete accorti, stanno arrivando molti nuovi che per un certo periodo serviranno come tenitori di energia ma non a lungo quanto voi. (cambia bevanda) Loro impareranno com’è mantenere e gestire davvero l’energia, ma ora cominciano a muovere un po’ di questa energia.

LINDA: Tu e Cauldre dovete proprio sistemare questa storia delle bevande.

ADAMUS: Ah, certo. Vorrei  un caffè senza zucchero e con il latte.

LINDA:  E’ un piacere per me.

ADAMUS: Sì, grazie.

LINDA: Permettimi di servirti. (va a prendere il caffè)

ADAMUS: TI ORDINO DI SERVIRMI! (il pubblico approva e applaude) Lei è dolce, è così dolce e non m’interessa che cosa dice Cauldre, ma anche lui dice che è dolce! È molto, molto dolce.

Ecco, cari Shaumbra, ora le energie si muovono. Vi trovate un luogo del tutto diverso, in una coscienza del tutto diversa perché siete andati oltre. Ora siete i pirati spirituali sensuali  - che gran bel titolo - ora muovete le energie.

In effetti, muovere non significa spingere né forzare: muovere l’energia significa cavalcarla, saltare su quell’onda, quella che realtà avete creato voi - quell’onda di coscienza, di cambiamento che avete creato. Voi l’avete già creata: è come una grande onda e ora la state surfando. Perché no? Perché come essere sensuale volete sentire e sperimentare come far parte di ciò che avete già creato. Non pensateci troppo, altrimenti vi ritroverete molto confusi - sentitelo e basta. Ah… (prende il caffè e i biscotti e il pubblici ride)      

LINDA: Un vero piacere. (va a prendere i biscotti)

ADAMUS: (lo sorseggia) Ahh! Siate sensuali - con il vostro cibo, con ciò che bevete - se ve lo mettete in bocca, almeno godetevelo. Davvero, non sfuggitelo. Tobias ve ne ha già parlato e ve lo ripeterò: a volte noi siamo stupiti che gli esseri spirituali, gli insegnanti spirituali continuino a tagliarsi fuori dalla vita per paura di: “Ho sentito dire che il caffè non mi fa bene.”  Pff! Niente vi fa davvero male, proprio niente - eccetto voi. Lo voglio vedere scritto su un poster da qualche parte.

Perché? Perché voi stessi vi mettete di mezzo e poi ci chiamate con lo Skype spirituale e piangete per ciò che sta accadendo. Cari Shaumbra, se mangiate qualcosa, godetevelo; se lo fate, amatelo. Se volete rimanere qui, fate l’esperienza della vita. Questo è il modo per lasciare il pianeta; è un po’ un’ironia, perché nel momento in cui imparate davvero a godere di questo pianeta, il… ah, sì! (Linda gli porta un piatto di dolcetti) Nel momento in cui imparate a godervela davvero… mmm mmm mmm mmm mmm. (il pubblico ride mentre si gode un bel morso di dolce)

Ci sono angeli che non sono mai stati prima sulla Terra e che stanno morendo per vivere qui sulla Terra e che darebbero qualsiasi cosa - come dite voi, il vostro braccio destro? Loro non sanno che cosa sia - darebbero la loro ala sinistra solo per essere in grado di fare ciò che Cauldre sta facendo proprio adesso! (morde di nuovo il dolce) E invece alcuni di voi resistono, lottano, si forniscono delle scuse: “Se è così buono, non è buono per me. Se è buono deve essere cattivo. Se è sensuale, allora lo archivio e lo rendo noioso come un panino cotto male.” Intendo dire noioso e basta, noioso noioso.

No, se volete stare qui, fatelo. Ecco perché vi dico vestitevi bene, divertitevi, giocate. Vi renderete conto di quanto sia restrittivo a livello anale -  è un termine di Cauldre, non io - quanto siete stati restrittivi a livello anale. (prende il cappello di qualcuno e lo indossa) E poi divertitevi! Indossate un cappello da cowboy rosa mentre fate una canalizzazione. Perchè no, Cauldre? Smettila di nasconderti, vieni fuori. Si, ti fanno delle foto e poi vengono pubblicate e tutti dicono: “Questo sarebbe un insegnante spirituale?” Certo che si! È così! Andate a fare in culo! Sì, sì!

Ecco … (Adamus ridacchia) E’ proprio facile, facilissimo. Tutto questo studiare e tutto il resto…sono proprio felice che sia uscito questo libro* e ce ne saranno altri simili. “L’Angelo Sensuale” - un gran titolo per un libro.” Sì, mmm, Sì. “Come Lasciare Il Pianeta Con Una Grande Risata.” “Come sorridere”. Vi siete mai accorti che i ricercatori spirituali non sorridono? Sorridere è considerata una cosa cattiva: “Ma allora potrei godermi troppo la vita, potrei emettere il segnale sbagliato e cioè che qui mi sto divertendo un casino.” Ecco cosa trovate là fuori. (si riferisce alla  “Spiritualità del Vaffanculo”o “ F**k It Spirituality,” di cui ha parlato prima dello Shoud -www.thefuckitway.com/)

Edith, l’ironia è che se lo fai di nuovo e ti diverti e torni di nuovo a essere sensuale  - ecco l’ironia - allora vuoi restare. Ah, ah, aha. Dici: “Ma no, voglio andarmene e tutto ciò mi crea un dilemma.” Proprio per niente, proprio per niente perché esiste una nuova classe di essere ascesi che stanno tornando qui. È piuttosto difficile da spiegare ma - vedete - loro ascendono e non devono tornare per forza; in realtà ciò permette loro di tornare e quindi tornano e non rimarranno mai bloccati. Tornano - esattamente come sta facendo Tobias - e non certo perché il mondo abbia bisogno di essere salvato e neanche perché si porterà dietro una saggezza profonda, cosa che farà in ogni caso, ma perché era molto rigido, voglio dire, rigido come solo un ebreo può essere e lo è stato per molto, per moltissimo tempo.

Ha passato una vita dopo l’altra a studiare un maledetto libro - non il libro “Vaffanculo”, l’altro libro (la Thorà)  nel tentativo di seguire le regole. Sapete -voglio assicurarmi che Tobias non mi stia ascoltando - aveva delle regole su quando poteva fare sesso, su come poteva fare sesso e fino a che punto poteva divertirsi facendo sesso. (qualcuno dice “Wow”) Non dire wow - tu fai le stesse cose! Aveva moltissime regole su ciò che poteva mangiare in certi giorni e tutto il resto: questo non è godersi la vita, questo non è essere spirituali -questa è proprio l’opposto dell’essere sensuali.

Proprio per loro natura gli angeli sono molto sensuali, ecco perché vogliono venire qua, ecco perché vogliono il vostro posto - questa era divertente come battuta. Se siete un angelo che cerca di venire qui, è terribilmente divertente ma a volte loro non riescono a capire perché sprecate i vostri preziosi, preziosissimi momenti e il vostro respiro molto prezioso con tutte queste regole, regolamenti e tutto il resto. Gli angeli vogliono essere sensuali e basta perché loro in fondo sanno che nessuno resta davvero bloccato qui, anche se avete l’impressione di essere bloccati. In fondo, la morte non esiste - avete l’impressione di morire finché in realtà morite e poi tornate dall’altra parte e vi ricordate com’era essere sensuali e vorreste non avere vissuto la vostra morte qui sulla Terra. (il pubblico ride) Whew! Non pensateci troppo sopra.

Io incoraggio ognuno di voi, come parte del vostro processo di ascensione vivente, come parte di essere un insegnante spirituale e uno Standard per gli altri - vivete in modo sensuale. Vivete in modo oltraggioso, come direbbe  Aandrah. A volte m’infilo nei vostri corsi e spero che non vi dispiaccia.  (Aandrah dice: “Tu non paghi”) e nei giorni migliori ci sono… no, io non pago ma in realtà in un modo o nell’altro pago; nei giorni migliori Ohamah e Adamus insieme si divertono molto. Ogni tanto m’infilo e Aandrah e On – Norma e Garret –  in realtà cercano solo di far vivere le persone in modo oltraggioso. Sì, in modo oltraggioso. Linda e Geoffrey mi dicono che forse questi incontri diventano un po’ troppo oltraggiosi e di certo non rientrano nella norma delle riunioni spirituali - grazie a Dio, vaffanculo - potete dire tutto nella stessa frase.


Oltre la Realtà Basata sul Tempo     
Arrivo… io sono qui dal futuro. Non si tratta di un futuro lineare, non si tratta di un futuro che segue la linea temporale; io sono asceso molto tempo fa e in fondo ciò che è accaduto è che non sono tornato ad incarnarmi in un umano in forma fisica, non ho attraversato un nuovo processo di rinascita e quindi lavoro con - Cauldre mi  corregge - io lavoro con esseri disponibili che accettano di riportare dentro un potenziale. Vedete, potreste dire che mentre ascendevo ho sparso là fuori questi potenziali, in ciò che ora definite il futuro. Sono sparsi un po’ dappertutto e sopra c’è il vostro nome: non il nome di qualcun altro e basta, anche se presumo che altri possano attingervi, ma su questi potenziali è indicata in forma scritta la nostra connessione.

E così ho sparpagliato là fuori questi potenziali e ho detto che dipende da voi scegliere quali di questi potenziali volete mentre progredite lungo la vostra linea temporale - perché vi trovate ancora all’interno di questa cornice temporale che procede momento-per-momento, mese-per-mese e anno-per- anno. Lentamente state imparando come liberarvene, ma ci siete ancora dentro e ora state incontrando i potenziali sparsi che ho lasciato in giro.

I potenziali sono reali, non sono energia. I potenziali sono piccole macchie di coscienza, piccole perle di coscienza che galleggiano tutt’intorno là fuori.   Quando vengono attivati dagli umani, da voi, attraverso un realizzazione chiara e cosciente, allora quei potenziali attirano a loro energia e poi la portano in vita, quasi come una bella palla di coscienza che ora è stratificata con energia molto dinamica che si può manifestare o sperimentare sulla Terra.

Per un attimo sarò sensuale. Grazie! (afferra una bevanda) Ah! Non era quella, è questa! (Adamus bacia Linda)           

LINDA: Di più, baby.  

ADAMUS: Ah! (molti ridono quando Adamus bacia Garret)
              

A questo punto potreste dire che oggi vengo dal futuro e vi incontro in una specie di momento Ora in cui vi trovate, perché voi avete richiamato il potenziale - avete attivato il potenziale - di ciò di cui parleremo oggi, di quella che è l’essenza di oggi. Oggi non è solo come siete arrivati qui, come si sente in questo momento la vostra schiena o il vostro culo né ciò che state pensando - quelle sono tutte distrazioni. Il potenziale riguardava l’essenza di ciò che stiamo facendo qui proprio in questo momento.

Potreste dire che sono venuto dal futuro e che sto incontrando con voi nel momento Ora, ma per un attimo vi chiederò di cambiare tutto ciò. Prima di tutto vi chiederò di fare un respiro profondo, di rilassarvi, di mettervi a vostro agio in un’esperienza di vita che si basa sul tempo. Ciò che intendo dire è che voi tendete a fare l’esperienza oggi e poi domani e poi il giorno successivo come se fosse una sequenza. Una delle condizioni di base che avete con la realtà - la vostra realtà - è il tempo. Il tempo non esiste affatto, mentre esiste l’evoluzione dell’esperienza.

Ora, alcuni diranno che tutto accade simultaneamente. È opinabile, ma in fondo non importa perché ciò che posso dire è che gli esseri angelici non indossano orologi e quindi non devono controllarli. Ciò che hanno è uno svolgersi, un dipanarsi di alcune esperienze che sono davvero grandi, vaste e tendono ad espandersi e a manifestarsi in un modo molto dinamico; altre sono piccole esperienze ma tutte - come direste voi - creano lo svolgimento o la fioritura. Gli angeli possono guardarsi indietro - non è un termine davvero buono ma non ce n’è un altro - possono guardare lo svolgersi dell’esperienza e ciò fornisce loro un concetto di ciò che voi potreste definire passato. In realtà non si tratta del passato, è lo svolgimento di un’esperienza - che li aiuta a determinare i potenziali che vogliono scegliere per l’esperienza successiva. Hah! (Adamus fa un sospiro profondo)  

Ok, ecco come vi relazionate a tutto ciò, ecco come lo fate. Voi fate esperienze che si basano sul tempo e quando considerate il passato dite: “Questo è successo 10 anni, quello è successo 30 fa in una certa data.” Voi ponete dei segnali sul vostro sentiero, fate delle piccole tacche sul vostro sviluppo che si basa sul tempo e che è molto, molto lineare e molto limitato. Adesso prendetevi un attimo e rilassatevi…rilassate il vostro concetto del tempo - le esperienze che si basano sul tempo.

Come si fa? Fate un respiro profondo: è naturale, mentre è innaturale vivere dentro il tempo - è molto innaturale. Oltre tutto ci sono molte influenze planetarie, il sole che nasce e che tramonta e tutte queste cose si solidificano in ciò che definite il tempo. Per dove vi trovate ora nella vostra evoluzione, è arrivato il momento di liberarvi del tempo.

Ora, una delle preoccupazioni della mente e del corpo è che abbandoniate il tempo - di colpo vi troverete non più legati, come se scivolaste nello spazio interno, come se galleggiaste là fuori. Non è affatto così. Non appena vi libererete delle credenze e delle esperienze basate sul tempo vi sentirete radicati, più reali e sì, più sensuali. Facciamolo.

Prima di tutto fate un respiro profondo - se lo scegliete - e anche se non lo scegliete va bene; se lo scegliete, fate un respiro profondo e permettetevi di rilassarvi nella vostra credenza che si basa sul tempo. (pausa) 


I Potenziali Oltre il Tempo        
In secondo luogo, io dico che vengo dal futuro ma diciamolo in un modo un po’ diverso: io vengo da un potenziale di cui non avete ancora fatto esperienza. Io vengo da là fuori dove c’è un campo di potenziali, la mia coscienza si è sparsa dappertutto - anche voi un giorno lo farete - si tratta di potenziali che non avete ancora sperimentato. Ciò che sto per chiedervi di fare è permettervi di elevarvi, di galleggiare o altro - rilassatevi - e venite a incontrarmi prima di un’esperienza che avete fatto.

In altre parole, abbandonate la percezione di questo momento Ora. Venite a incontrarmi fuori in un campo di potenziali - si tratta di esperienze che non sono ancora avvenute - immaginatelo e basta, immaginatevi di galleggiare là fuori e basta. Non vi perderete.

Noi trascendiamo il tempo, trascendiamo l’esperienza lineare e di colpo cominciate a rendervi conto, forse non proprio ora ma magari un po’ più avanti che: “Caro Diosè, c’è molto altro che sto percependo.”

Se state combattendo nella vostra mente - proprio in questo momento circa il 63% di voi lo sta facendo - lasciate andare. Mollate. Io lo vedo, lo so, voi non siete gli unici ma siete i testimonials perfetti di quelli che restano bloccati nella testa. (si rivolge a una persona del pubblico) Siete bloccati nella testa - lasciatela andare perché non avete niente da perdere e tutto da guadagnare, capite?

Ora fate un respiro profondo, uscite dalla testa e passate a ciò che definisco il Vero Cuore, la sensazione, l’esperienza - l’esperienza.

Io vengo dal giardino di potenziali, un giardino lussureggiante, bello e colorato dove i fiori cantano, il terreno balla e il sole piove, capite? Io vengo da questo campo di potenziali. Venite a incontrarmi, raggiungetemi qui, venite dove mi trovo. Smettetela di fare in modo che tutte le volte ci incontriamo nella vostra esperienza temporale - venite a incontrarmi dove sono. (pausa)     

Ci state provando con troppa intensità. Vedete, questo è il problema - ci state provando troppo - state cercando di pensare come arrivarci. Fatelo e basta, voi essere sensuali, proprio voi. (pausa)
               

Ora dite: “Ma cosa dovrei sentire?” Lo sentirete, lo sentirete  poi mi  direte delle parolacce perché vi avrò fatto aprire così e questa è la cosa meravigliosa.

Fate un respiro profondo…(pausa)    e venite a incontrarmi da qualche parte là fuori.

Ora la domanda è: che cos’è più reale? Cari, cari amici, non è appena successo qualcosa?

Ok, ora ecco il punto. Vi aspettate che la cosa avvenga come avveniva prima ma non è così. Vi guardate indietro e dite: “Beh, voglio una qualche grande esperienza” o “Voglio un roveto ardente” o “Voglio che di colpo Cauldre inizi a levitare e galleggi intorno alla stanza” o cose del genere. Questa è roba davvero vecchia. La nuova esperienza - ci vuole un po’ per abituarsi - la nuova esperienza è diversa e quando voi… posso riprendere in prestito quel cappello come esempio? (prende il cappello rosa) Quando vi permettete di elevarvi nell’esperienza, di abbandonare il modo lineare avvengono alcune cose interessanti - molto, molto interessanti - ed è qui che trovarsi sulla Terra diventa divertente.

Se volete, immaginate di vedere questo cappello sempre e solo di fronte - ecco come conoscete il cappello: è di colore rosa, sopra c’è una piccola tiara ed è così che avete sempre percepito il cappello, perché da quest’esperienza che si basa sul tempo, ecco come lo percepirete sempre. Avrete una visione univoca del cappello ed è tutto ciò che avrete e darete per scontato che il cappello è rosa, ha una curva qui e nel mezzo c’è questa piccola tiara preziosa. Ecco come lo percepirete sempre.

Quando uscite dall’esperienza che si basa sul tempo, quando vi permettete di espandervi nei nuovi potenziali, di colpo vedrete che il cappello ha anche un lato posteriore. (fa girare il cappello e lo ribalta) Di colpo vedete che ci sono altri lati, c’è la parte superiore e c’è un interno. Di colpo cominciate a vedere che è come se: “Non ho mai davvero considerato l’interno.” Cominciate a vedere una profondità diversa, delle ombre e vi rendete conto che questo cappello non è rosa! Non lo è, perché ci sono dei blu e ci devono essere, c’è del giallo ed è necessario che ci sia. C’è del verde e naturalmente anche del rosso e persino del nero. Deve essere così, ma il potenziale che è saltato fuori verso di voi proprio perché state considerando la vita di fronte è che vedete il rosa. Alcuni di voi combattono ancora, strizzano gli occhi e dicono: “Accidenti, è ancora rosa.” Non lo è, in realtà non è così.

Intendo dire letteralmente che da un punto di vista strettamente fisico ci deve essere  anche un po’ di blu, altrimenti il rosa non sarebbe rosa. Ci deve essere anche un po’ di giallo - voglio dire, questa è scienza umana e non certo una scienza spirituale woo-woo. Eppure la percezione è sempre stata che il cappello sia rosa.

Questo punto è importante, perché quel cappello non sarà mai più lo stesso e quindi è un punto importante. Quando m’incontrate oltre la vostra cornice temporale, quando venite qui (disegna) ora che ci stiamo fondendo in un luogo diverso, invece che io debba spendere moltissima energia per arrivare qui a farvi visita - c’incontriamo a metà strada. Ciò non significa che voi siate del tutto ignoranti della realtà temporale; significa solo che ora siete flessibili e potete fare entrambe le cose - la realtà temporale e la realtà esperienziale.

La parte significativa qui… arriverò al punto? mi sta chiedendo Cauldre. La cosa significativa qui che è molto, molto importante è che quando uscite dalla percezione che si basa sul tempo, di colpo arriverete a capire che il passato - la vostra percezione del passato - in realtà è molto rosa. La vostra percezione del passato è limitata.

Ci sono umani che faranno a braccio di ferro con me - e probabilmente vinceranno perché lo vogliono - faranno a braccio di ferro con me dicendo: “No, quando avevo quattro anni sono stato abusato accidenti, questa la mia storia e ci rimango attaccato,” Ci sono umani che dicono: “Beh, giusto una settimana scorsa ho avuto un incidente di macchina. Che cosa significa, che non è preciso?” e insisteranno su questo punto.

Questa è una delle cose più toste da insegnare agli avanzati - li definiamo avanzati, i pirati sensuali davvero evoluti - perché c’è ancora la tendenza a dire: “Accidenti no, accidenti questo è successo.” Ecco una foto e voi ci credete: “Bene, quella è una foto. È la foto di un gruppo di Shaumbra su una barca a Kauai. Maledizione, è ciò che è.” No, no, no, no, no.             

Dave lo sa bene: quando scatta una foto del gruppo in piedi sulla barca pronto a scagliarsi sulla colazione, con l’acqua blu e una parte della barca che non si vede, quella foto è davvero tutto ciò che c’era? No! Quella è una visione miope, una visione concentrata di ciò che c’era.

Cos’altro c’era? Beh, nella cabina c’era la colazione ma non pensateci o vi sentirete male. C’erano degli uccelli nel cielo e nell’oceano c’erano i pesci, c’era il sole che dopo 3 ore sarebbe tramontato. Era notte e potrei andare avanti per un bel po’. Vedete, quella fotografia non è davvero accurata, a meno che non usciate da questo modo molto lineare di fare l’esperienza. Di colpo sarete in grado di vedere una fotografia e di considerarla da un ologramma - a 360° - e vi renderete conto che potete vederla davvero, che c’è e vi renderete conto che non state impazzendo se cominciate a vedere le fate e i deva e la magia tutto intorno a voi. Questo si chiama vivere, questo si chiama essere sensuali - ecco dove vi trovate, ecco dove stiamo andando.

Oltre La Linea Temporale

Ora questo punto è particolarmente importante, perché voi considerate il vostro passato come una foto, come uno scatto e dite che avvengono certe cose, tirate delle linee temporali. Potete andare indietro e dire: “Mi sono laureato in questo e questo anno con una laurea in… diciamo psicologia.” Voi dite, ”Ho fatto il primo lavoro in questa data, mi sono sposato e ho avuto dei bambini.” Fate la mappa di tutto - è falso, assolutamente… falso. Volevo avere l’ok per poter dire qualche parolaccia - è falso, molto falso (risate mentre Linda annuisce in modo molto deliberato) è falso quanto la foto di cui abbiamo appena parlato. Prendetevi un momento qui e orai e rendetevi conto che il vostro passato in realtà non è tutta la fotografia.

Fate un respiro profondo mentre vi espandete oltre la realtà lineare. (pausa)      
Iniziate a capire che quel cappello non è rosa e non c’è nessuna tiara - almeno non quando lo guardate dalla parte posteriore e all’interno. Ciò mi porta a concludere che il vostro passato non è per niente il vostro passato, eppure ci restate attaccati con grande passione. Combattete per lui e combattete me per lui. Lo maledite, lo prendete a parolacce - ma ci restate attaccati. Perché? Per così dire, nessuno vi ha mai detto: “In realtà non è vostro.”In altre parole, potete considerare le cose che vi sono accadute molto tempo fa in modo olistico, come se fosse un ologramma. Cominciate a camminare intorno e a galleggiare intorno al vostro passato individuale: oltre a ciò di cui non eravate consapevoli c’è  moltissimo perché indossavate una mascherina - avete concentrato le lenti della macchina fotografica su una sola cosa e ci siete rimasti attaccati alla grande.

Mentre vi rilassate nella vostra ascensione, comincerete a capire quale cosa gloriosa sia stato il vostro passato, ciò che è avvenuto davvero e non solo agli occhi di umano, ma ciò che stava avvenendo davvero. Comincerete a capire che c’era molto più di voi di quanto foste consapevoli. Di colpo il passato non è il passato, capite? Di colpo scoprirete che la vostra storia è davvero molto incompleta, è stata molto limitata e molto concentrata su cose su cui ora non avete più bisogno di concentrarvi. Di colpo l’esperienza di ciò che è avvenuto a voi si dipana e non è solo un dolore o una ferita: c’è molto di più che sta accadendo e ciò cambia proprio tutto.

Per favore non rafforzate questo concetto. In altre parole, non cercate di capirlo perché non farà altro che mantenervi in un’esperienza di vita lineare. Per voi è naturale trovarvi in un’esistenza di tipo esperienziale piuttosto di un’esistenza che si basa sul tempo. In altre parole, fate un respiro profondo e rilassatevi. Tornate a ciò che è naturale, tornate alla sensualità. Tornate all’espansione, perché non si tratta di un cappello rosa ma è anche blu e giallo e non è solo una tiara ma c’è una parte davanti, una dietro e un interno - quindi non è solo un cappello, è molte cose.

Questa non è una teoria o un concetto esoterico qualsiasi: questo è com’è la vita reale. Il modo in cui un umano fa esperienza della vita credo che sia interessante fino a un certo punto e di nuovo, proprio come una lente concentrata di una macchina fotografica, si tratta di percepire o di essere consapevoli solo di uno spettro ristretto di ciò che avviene davvero. Voi siete quasi pronti ad andare oltre, a balzare fuori per avere l’esperienza più piena della vita.

Ciò significa che poiché iniziate a comprendere la vera natura del vostro passato - il fatto che il vostro passato non è un semplice cappello rosa - di colpo quella consapevolezza, la consapevolezza più ampia del vostro passato vi rende consapevoli della natura più ampia dei vostri potenziali futuri, o meglio definiamoli i potenziali della prossima sequenza. Anni fa Tobias ha detto: “Il futuro è il passato guarito” e io dico: “Superate il passato, fatevene una ragione.”

Di colpo, la percezione di ciò che è avvenuto ieri cambia. Non c’è mai stato un ieri e non è avvenuto come pensavate. È molto più ampio e più colorato e ciò vi fornirà una nuova consapevolezza di ciò che accadrà in futuro.

Proprio in questo momento avete una visione piuttosto limitata di ciò che accadrà, del tipo: “Beh, domani accadranno delle cose.” In un certo senso  seguite questa progressione lineare e nel domani - o meglio, nella nuova esperienza - non c’è molto di ciò che sentite come scelta o diversità. Non appena scendete dalla linea del tempo vi rendete conto che: “Oh mio Diosè, là fuori c’è molto di più!” Nelle previsioni di domani non c’è solo un cappello rosa, ci sono anche i blu e i gialli e ci sono berretti e anche guanti. Tutto si apre e in realtà fa un po’ paura, perché di colpo vi rendete conto che potrebbe essere un po’ sconvolgente - ma non lo è. Fate un respiro profondo, fate un respiro profondo.

Ecco, cari Shaumbra, un punto importante è che il passato non è ciò che pensate che sia. Smettetela di lottare con me su questo punto, smettetela di restarci attaccati perché non vi sta più bene addosso. Il vostro passato è come un abito senza colore.           

Un Punto di  Separazione           
Cari Shaumbra, Shaumbra, Shaumbra, proprio in questo momento siete a un punto di separazione. Quando siete arrivati qui nel mio mondo, per un po’ siete usciti dal vostro mondo; quando vi siete permessi di elevarvi qui in questo potenziale di ciò che sperimenteremo oggi, avete sentite qualcosa di divertente dell’aria? Spero di sì, perché c’è molto che sta accadendo. Bene.

Ora il punto è che vi trovate a un punto di separazione. Di nuovo, diciamo che state procedendo lungo l’esperienza della vita lineare - quella che va dal punto A al punto B e poi al punto C fino alla nausea. (disegna una linea temporale) Un punto di separazione significa quando di colpo cambiate coscienza; in questo caso significa che non seguite più la linea diritta. Arrivati al punto di separazione come in questo momento è un po’ scoraggiante, perché almeno sapete come va questa storia. Potete quasi dire che sapete qual è l’ultimo capitolo: conoscete la storia e in un certo senso è noioso, quasi doloroso.

Arrivate a questo punto di separazione e dite: “Ok, sono pronto a fare questo grande salto.” Il salto avverrà comunque, se non l’avete ancora capito. C’è qualcosa nel vostro Vero Cuore che farà in modo che saltiate; potete saltare perché volete quell’espressione libera o potete saltare perché c’è qualcuno che accende un fuoco proprio dietro al vostro culo e quel qualcuno che accende il fuoco siete voi, è il vostro Vero Cuore, è il vostro spirito.

Proprio qui vi trovate a un punto di separazione (disegna una X sulla linea del tempo) pronti a uscirne. L’avete affrontato centinaia di volte e quindi sapete esattamente com’è. Certo, è sempre pieno di ansia, di eccitazione, di trepidazione e di molti dei vostri aspetti che arrivano dal vostro… aspetti che amano mettersi in coda sulla vostra linea temporale, sul vostro passato. Amano farlo, davvero! Ci restano attaccati! Non avete capito che…. Aandrah ha capito che gli aspetti restano attaccati alla linea temporale come se fosse una corda. Gli aspetti si sentono ringalluzziti per quanto riguarda il passato in quanto solidifica la loro percezione di se stessi e quindi non vogliono mollarlo. Cercano di convincervi a fare lo stesso, anche se in realtà voi lo odiate e ciò rinforza il passato: a quel punto è come portarsi dietro una corda enorme, una corda molto rigida su cui stanno appesi un bel mucchio di aspetti. Quello è il vostro passato.

Qui siamo a un punto di separazione e io mi sto divertendo. Non so voi, ma… (risate) stavo parlando con Cauldre.             

Vi trovate a un punto di separazione. È arrivato il momento di scendere dall’esperienza temporale e passare a un modo del tutto diverso di percepire la realtà.

Ci sono un paio di cose su cui dovete fare una scelta - beh, vorrei che facesse una scelta - non una scelta mentale, ma una scelta di sensazioni. Sapete qual è la differenza? La prima vi fa venire un bel mal di testa, l’altra vi fa provare gioia - è vero, è proprio così. Una scelta mentale… (prova un altro cappello) accidenti, è viola ed è piccolo. (cerca di ficcarselo in testa) E’ davvero piccolo, ma a volte avete una gran testa e il vecchio semplicemente non vi va più bene. (lo passa a Linda)

LINDA: Oh!       
ADAMUS: É il mio regalo per te, cara.

Dov’eravamo rimasti? Guardate fuori, fuori dalla vostra esperienza di tempo lineare - vedete, in realtà noi non siamo qui (sulla linea temporale) ma ci troviamo da qualche parte qui (lontani dalla linea temporale) eppure una parte di voi crede ancora che siate qui - ma non è così.

Siete a questo punto di separazione e ciò significa che state lasciando il vecchio sentiero. Vi chiederò di sentire e di prendere in considerazione un paio di cose e poi di scegliere partendo dal vostro cuore - non dal vostro cervello. Il vostro cervello - e la vostra bocca  - diranno: “Sì, lo voglio” ma prima di tutto sentitelo dentro di voi.

Questo punto di separazione in realtà non è solo per voi, ma per tutto il gruppo di Shaumbra con cui continuerò a lavorare.

LINDA: Hmmm.         
ADAMUS: Hmmm. Forse qualcuno dovrà farsi da parte, ma va bene. Qualcuno ha bisogno di dare una ripulita ai lati della strada. Era una battuta divertente.

LINDA: Ha, ha, ha, ha, ha.     
ADAMUS: Grazie. Qui inseriamo una risata finta.C’è un punto di separazione e un paio di scelte che è necessario fare.   


La Scelta #1             
Avete finito con l’elaborazione e la a guarigione? Non voglio andare avanti con angeli umani a cui piace ancora elaborare e guarire e per alcuni di voi è ancora così - è proprio così. Vi siete immersi nell’elaborazione e nella guarigione, è diventato il vostro modo di vivere. Siete vampiri energetici, se continuate a elaborare e a guarire siete un vampiro energetico perché lo fate a spese di qualcun altro, persino a spese vostre e se restate bloccati in quel ciclo è difficile uscirne perché è pieno del dramma; è molto mentale e si basa sul tempo, perché l’elaborazione non è altro che correre in giro intorno al vostro passato. È uno spreco orribile di tempo. Guarire? Basta col guarire!

LINDA: Cos’hai detto?

ADAMUS: (sputa) Basta con il guarire! Non vi siete guariti abbastanza? Non ha funzionato molto bene vero? Sì, forse un po’ ma non poi molto. Sapete, vi ha fornito la consapevolezza, quella per cui un’altra persona non può farlo al posto vostro; vi ha fornito la consapevolezza che vi hanno appena fregato $ 500 e da soli avreste fatto di meglio. Vi siete resi conto che sì, ci sono delle energie e parecchio di voi è uscito dalla mente, ma io non voglio proseguire con esseri che hanno ancora dentro tutto questo makyo perché consuma me in particolare e sta consumando tutti voi.

Stiamo cercando di scrivere nuovi libri, ma potrebbero non essere libri. Stiamo cercando di creare nuovi potenziali, ma non possiamo farlo con un gruppo di persone ‘in via di guarigione’, con persone ‘ferite’, con rottami a brandelli e altri che si rifiutano di abbandonare il loro passato. Sono le persone che insistono su questi punti, proprio come con la foto fatta sulla barca che secondo loro è la foto fatta sulla barca. Non li reggo proprio! Ha senso? (alcuni Shaumbra dicono “Sì”) Davvero? Ci credete davvero?  (alcuni Shaumbra rispondono di nuovo “Sì”) Wow, bene, bene.

Per quelli che andranno avanti, basta con l’elaborazione e con tutto questo lavoro di guarigione. Equilibrio e adattamento energetico va bene - se vi chiedete qual è la differenza, parlatene con Aandrah - c’è una bella differenza.

Sapete, vivete in un ambiente davvero molto denso e a volte dovete prendervi una pausa e fare un respiro profondo, o immergervi in una vasca o fare una passeggiata e respirare e respirare e respirare, si ascoltare buona musica perché le vostre connessioni energetiche - ogni parte della vostra realtà, voi inclusi - stanno cambiando, proprio tutte.

Ricordatevi il vecchio - entro nella banca dei ricordi di Cauldre, credo che sia molto vecchia - si ricorda ancora i vecchi centralini telefonici. Vi ricordate quando dovevate inserire i cavetti come faceva l’operatore… sì, proprio così.

Prima era così - 5 anni fa - ogni tanto c’era un nuovo collegamento… estraevate il cavetto e lo spostavate in una presa nuova - una diversa. Avveniva ogni tanto - e poi vi lamentavate - ma ora, di colpo, avete bisogno di 10 braccia e spostate i cavi uno dopo l’altro, senza sosta. Siete al punto in cui non avete bisogno di fare alcuno sforzo, perché i cavetti si spostano da soli, quindi potete rilassarvi e ammirare quanto siete flessibili.

Come vi connette alla Terra, a quella che definite energia della luce: esiste un flusso costante di prana - credo che lo definiate così - l’energia della forza vitale.  Prima avevate un vostro modo di connettervi, proprio come tutti gli altri: c’era una grande, enorme matrice unica in cui inserivi il cavetto, e diventavi stupido e - oggi il pubblico è tosto! -  dopodiché te ne dimenticavi del tutto.

Ciò che accade ora è che c’è ancora quest’energia della forza vitale, ma esiste una corrente diversa, un flusso diverso cui potete attingere. Una vita dopo l’altra avete attinto allo stesso vecchio flusso e ne volevate sempre di più. Ora state imparando che potete attingere a una parte diversa di quel flusso e quindi non avete più bisogno di estrarre molta energia dalla forza vitale perché in fondo state togliendo tutte le connessioni. Questo sarà il tema di una prossima discussione, sì.

Torniamo al punto - l’elaborazione. Sapete, se continuate ad elaborare, se siete costantemente nel passato scoprirete che vi risulterà molto difficile riconnettervi al momento presente. Il momento presente non ha nulla a che fare con il tempo. Ve ne rendete conto? Il momento presente non è oggi: il momento presente è l’esperienza che si sta manifestando in questo momento e somiglia molto a un ologramma. Fatevi una passeggiata intorno a questo ologramma - in alto, in basso e dall’interno - vi renderete conto che sta accadendo molto di più.

Elaborare è un punto di separazione. Avete finito con l’elaborazione? (il pubblico risponde, “Sì!”) Ah, dite di sì, dite di sì. Dici che domattina mi amerai, ma… (risate) Domattina, naturalmente. (qualcuno dice “Aargh!”) Aargh! Oh! Linda sa come farlo. Come lo fai?

LINDA: A-a-argh-h!    
ADAMUS: A-a-argh-h! Sei come un grosso gatto. A-a-argh-h.         

Il punto di separazione (scrive) La guarigione e l’elaborazione riguardano il passato e quando il passato non è più il passato, ne avete davvero bisogno? Assolutamente no! Non è semplice? (il pubblico risponde “Sì”) Bene.


La Scelta #2             
Il secondo punto di separazione è vecchissimo. Il punto di separazione - non posso andare avanti con un gruppo o con individui che continuano a cercare e a ricercare, perché la ricerca implica che c’è qualcosa che non avete ancora raggiunto, che là fuori c’è qualcosa. Vi hanno ingannati facendovi credere che ci siano dei segreti e dei misteri. La prima cosa che facciamo nelle Scuole Misteriche è dire che non ci sono altri misteri - se non voi! A volte voi siete il mistero. Qui inseriamo una traccia di risate.

LINDA: Ha, ha, ha! Ha, ha. Ha, ha, ha.           
ADAMUS: Ho bisogno di un bottone? (Adamus ridacchia) Sì, un segnale, sì. Ecco che.. (Adamus fa una pausa)  
LINDA: Che cosa?!

What?! 
ADAMUS: Ho buttato fuori del tutto Cauldre. Non so dove sia andato.

LINDA: Huh!     
ADAMUS: Abbiamo bisogno di lui qui. Aspetta un attimo. (si siede e respira)

LINDA: Posso aiutarti?

ADAMUS: Fai un respiro profondo. Ok, bene.Cercare e ricercare…sì, se n’è andato per un momento. Si sentiva molto in imbarazzo o qualcosa del genere.

LINDA: Per cosa?

ADAMUS: Per me!       
LINDA: Oh.       
ADAMUS: Ecco il punto successivo: cercare e ricercare. Se cercate e ricercate, ciò vi dà l’impressione che ci sia qualcosa che non sapete e di solito si tratta di un’attività esterna. Non c’è alcun mistero, proprio nessuno se non il fatto che accade che vi dimenticate. C’è quasi una tentazione nella ricerca e quindi ne diventate dipendenti; diventa una passione, una ragione di vita e ognuno di voi qui lo sa perché c’è già passato.

Dove andiamo da qui riguarda la scoperta e riguarda l’esperienza ma per favore, basta cercare e ricercare perché cercare e ricercare rientrano in una visione limitata del passato. Non cercate più: scoprite. Scoprite che cosa è già presente in questo grande campo di potenziali; scoprite che potete davvero -dovreste davvero - creare ciò che volete. Scoprite che nell’universo non ci sono affatto questi grandi esseri che hanno questa grande risposta, quella che moltissimi umani stanno cercando. A volte mi chiedo perché gli umani vanno così in profondità nel passato… a ciò che è avvenuto 2000 anni fa con… Gesù Cristo!

Prima tutto non è affatto accurato - proprio no - e poi fa parte di una ricerca sul passato. Sapete, c’è la ricerca del passato, c’è la ricerca del futuro e nessuna di loro vi porterà da qualche parte. Entrambe - come dire - non vi forniranno l’esperienza piena di vivere proprio ora. Gli umani cercano di capire che cos’è accaduto 2000 anni fa o che cosa è accaduto 500 anni fa o ad Atlantide e ci restano incastrati: non importa, perché la storia è falsa. La storia è assolutamente falsa perché è limitata - in generale si tratta della percezione della storia di una singola persona che non vede… è come il cappello rosa visto solo di fronte, quindi non vede ciò che sta succedendo davvero.

Le storie che ho sentito su Yeshua mi fanno venire voglia di saltare su quella croce. Nessuna di loro è vera! Sono tutte distorte, sono limitate e soprattutto sono tristi. Yeshua ha vissuto una buona vita, davvero. Si, ha affrontato le sfide umane come voi, ma ha avuto la gran bella vita. Il suo traguardo era essere un essere umano sensuale e in realtà si è goduto la vita.

Quando c’è ancora tutto questo cercare e ricercare, ciò vi limita.  Siete pronti a smetterla? (il pubblico dice “Sì”)            
LINDA: Sì.         
ADAMUS: Bene, bene.

EDITH: Siamo pronti per scoprire.

ADAMUS: La scoperta.



La Scelta #3             
Il punto successivo sulla lista è questo desiderio di successo o di realizzazione. Ora, in un certo senso è inserito nel vostro DNA, nel vostro karma ancestrale, vi è stato inculcato. Non sto parlando… tutto ciò non ha niente a che vedere con l’abbondanza - sto parlando proprio dei vostri traguardi. Voi avete questi desideri di avere successo, di essere una persona spirituale di successo, di essere una persona che fa affari e ha successo. Perché, perchè è così importante?

EDITH: Ci paghi i conti.

ADAMUS: Ci pagate i conti - molto pragmatico, davvero molto pragmatico - e ciò solidifica la vostra identità, la percezione che avete su chi siete. Quando fate qualche cosa che ha successo, alcuni aspetti di voi vi fanno l’occhiolino e annuiscono.

Ora, non sto dicendo che la creazione e lo svolgersi… danno una bella sensazione e non sto dicendo che sia negativa, ma la mente si concentra sui traguardi e il suo successo e voi mi giudicate in base a ciò che potete scrivere sul vostro curriculum, su quanto denaro avete in banca e come vi vanno le relazioni o lo sport.

Non possiamo andare avanti se questi sono i vostri criteri - realizzarvi. Se pensate di poter dire: “Sì, andrò avanti con Shaumbra, con Adamus, con il Crimson Council” e di colpo dite agli altri: “Guardami. Guarda che cosa ho realizzato: passo al prossimo livello” vi siete persi il punto.

Molto spesso il vostro successo si basa anche sul vostro passato, perché state cercando di elaborare le cose con i vostri aspetti che vi dicono che siete un coglione (alcuni ridono) - questa è davvero divertente - vi dicono che siete deboli o stupidi, quindi cercate di negoziare con loro e grazie ai vostri successi cercate di dire loro: “No, io vado davvero bene perché ho fatto questo e questo quest’altro.”

I vostri aspetti ridono, sghignazzano perché tutto ciò cadrà a pezzi, i vostri successi cadranno a pezzi. Se fate un mucchio di soldi, perderete un mucchio di soldi. Se siete belli e forti, alla fine vi ritroverete vecchi e deboli. I vostri aspetti sanno già che cosa accadrà: tutto cadrà a pezzi.

Non è una cosa cattiva, perché è semplice energia in cambiamento. In altre parole, non sto dicendo che tutto va al diavolo, ma che tutto cambia - sempre. Esattamente come fate e perdete denaro potete anche fare più denaro con facilità: è davvero semplice e poi lo date via. Fate una scelta cosciente di perderlo dandolo via e osservate come ne arriva ancora di più. (il pubblico ride mentre mette le mani in tasca, tira fuori alcune banconote e comincia a distribuirle) Datelo via! Distribuitelo!  Sì, perché ne arriverà molto di più, capite? Non c’è proprio nulla per cui irrigidirsi! (si rivolge a Linda) Hai proprio bisogno di controllare le sue tasche prima che esca da casa.
LINDA: Lo pensi davvero?

ADAMUS: Sì.    
LINDA: No, non sono mica sono madre!

ADAMUS: Tutto questo concetto di realizzazione, di successo e poi diventate come vi hanno programmato molti dei vostri insegnanti e i vostri genitori, ha rinforzato ciò che stavate già tentando di manipolare o di distorcere con i vostri aspetti, ma in fin dei conti non importa. Tutto gira intorno al fare esperienza e qui non c’è alcun traguardo, in tutto ciò non abbiamo alcun obiettivo. Qui si tratta di permettervi di fare esperienza in un modo nuovo e alcuni di voi - lo so già - stanno cercando di elaborare tutto nella loro testa. Fermatevi proprio qui, fermatevi proprio qui.

Non avete più bisogno di queste cose e stranamente la prossima definizione o la prossima evoluzione di queste cose avviene a prescindere. È naturale: il successo, la realizzazione, l’abbondanza e il flusso - tutto arriva. È tutto già presente quando ci espandiamo oltre l’esperienza basata sul tempo e quando venite dal vostro stesso futuro, quando venite dalla vostra evoluzione personale e tornate nella vostra esperienza - perché di colpo potrete selezionare e scegliere. Non dovrete provarci e non dovrete prefissarvi qualcosa da realizzare.

Quando venite dal vostro stesso futuro e tornate alle esperienze che avete scelto per quello che definireste il vostro passato e che invece è la vostra evoluzione, allora non dovete preoccuparvi di cose come realizzare qualcosa: l’abbondanza, la guarigione e tutto il resto. Ciò che volete è già qui e vi aspetta.

In effetti è un po’ strano… alla mente non piace molto, ma immaginatevi di essere liberi e già ascesi - o come volete definirlo. Voi siete già l’Io Sono e ora siete liberi-  in un momento non lineare - di fare l’esperienza di come volete sperimentarlo.

Tutto ciò ci riporta alla nostra discussione del mese scorso sul keahak.     


Richiamare Dentro L’Energia

Vi ho già detto che proprio in questo momento c’è un contenitore di energia in attesa di servirvi: è un grande contenitore, è così grande che non si potrà mai svuotare. C’è dentro talmente tanto che potete mangiare con voracità tutto ciò che volete e ce ne sarà ancora più che abbastanza per tutti gli altri. Quel concetto di limite per cui “Non ce n’è abbastanza” è un’energia vecchia e limitante - ce n’è in abbondanza per tutti.

Ecco, in questo momento tutt’intorno a voi c’è questo grande contenitore di energia in attesa di essere attivato, di essere richiamato per servirvi, per entrare nella vostra realtà     
Come vi ho detto il mese scorso, la mente - i vostri pensieri - non possiedono una carica importante e quindi non richiamano dentro molta energia; in particolare la mente, per sua natura, è molto limitata e quindi richiama solo una quantità di energia limitata.

Finora la mente ha creduto nei suoi limiti e quindi in qualsiasi cosa fa inserisce il parametro del limite. Tutto ciò ha senso? (qualcuno tra il pubblico dice “Sì”) Bene, perché Cauldre si è perso davvero. (Adamus ridacchia) Gli ho detto che questo non sarebbe stato un lavoro facile.

La mente crede a questi limiti ma mentre ci troviamo in un Corpo di Coscienza, non avete bisogno di combattere la vostra mente: permettete che si integri dentro di voi e basta.

Le emozioni e il dramma richiamano più energia. L’energia è composta da queste minuscole particelle che si trovano parcheggiate in uno stato neutro -sapete, proprio come le macchine parcheggiate a lato della strada - in attesa di essere attivate e una volta attivate possono andare avanti e indietro, ma anche di lato, in alto e in basso.

Queste particelle energetiche sono in attesa e basta. Bene, il dramma e l’emozione possiedono una carica maggiore rispetto alla mente. Ecco perché gli umani tendono a usare molto dramma e molta emozione - perché entrambi attivano queste particelle, che da neutre entrano nella loro vita. A volte poi qualcosa arriva ruggendo nella loro vita e determina risultati che a volte sono dolorosi, poco comodi e soprattutto imprevedibili. Agli umani tutto ciò non piace, quindi chiudono tutto  e iniziano una battaglia con la loro mente dicendo: “Non mi piace per niente tutta questa roba emozionale, chiudiamola a chiave.”

La chiudono a chiave e l’energia si esaurisce, torna  a un punto di stallo, al che dicono: “No, ho bisogno di qualcosa, ho bisogno di sentire qualcosa” e quindi tornano alle emozioni e voi tutti sapete come vanno le cose. Avete avuto dei momenti molto emotivi e quando la situazione tornava tranquilla, quando le cose cominciavano a stabilizzarsi, avete riattivato le emozioni: avete richiamato l’energia per soddisfare le emozioni e poi ve ne siete lamentati.

Le energie del vero cuore, queste energie profonde ed essenziali sono ciò che richiama davvero molta energia se siete disposti ad andarci, se siete disponibili a scoprire che cosa c’è nel vero cuore. Ciò che si trova nel vero cuore probabilmente non è ciò cui state pensando qui - nella testa - o come risultato del dramma. Il vero cuore è reale: comprende tutto e sente tutto.

Ora la domanda è: che cos’è successo lungo il percorso? Perché non è più presente? A un certo punto di questo viaggio umano avete cominciato a credere nel passato, a restare attaccati a quella storia, a concentrarvi su ciò che è avvenuto allora; avete cominciato a focalizzarvi sulle vostre ferite, su qualcosa di molto lineare e così avete bloccato la percezione del vostro vero cuore, della vostra vera anima. Lei è ancora lì, ma vi siete allenati per ignorarla e quando cerca di fare un passo avanti, fate il ninja che si è allenato a criticarla, a fingere che non ci sia ma lei c’è, è qui proprio adesso. Vedete, in questo momento ci troviamo in una realtà diversa - oggi non abbiamo seguito una realtà lineare, siamo da qualche altra parte - quindi in questa realtà potete davvero percepire il vostro vero cuore.

Una parte del problema è che comunque vi siete portati dietro il vostro cervello, ma non come fate di solito.


Il Vero Cuore

Allora, di che cosa volete fare esperienza? Questa è una domanda da sentire. Che cosa volete?

Sapete, a volte quando faccio questa domanda - che cosa vuoi? - ricevo la risposta “Un milione di dollari.” Ok, bene ma davvero, se vai in profondità nel vero cuore, nelle tue sensazioni reali, che cosa vuoi davvero? Alcuni mi parlano di cose molto materiali e tutto ciò va bene, ma non è per forza molto importante.

In questo momento siamo davvero in uno spazio dove la coscienza è più reale. Siamo saltati fuori per un attimo dal vecchio sentiero lineare. Che cosa c’è nel vero cuore? Volete sentirlo proprio adesso? Sentitelo. Che cosa c’è dentro? Che cosa vi darebbe la gioia dell’esperienza?

Che cosa c’è lì dentro? Fate un respiro profondo. (pausa)   
Ora fate un altro respiro profondo e liberatevi un po’ di più del tempo, del vostro passato e del vostro futuro già previsto. Che cosa c’è dentro davvero? Qual è la gioia? (pausa)   
Quando entrate nel vero cuore, che cosa vi fa cantare, espandere e ballare? Che cosa vi fa sentire liberi? (pausa)             Fate un respiro profondo e continuate a respirarci dentro e se ci state pensando, smettete di pensarci.

Sto parlando di sentire che cosa rende calda la vostra pancia, che cosa fa espandere il vostro petto e non sempre ci sono parole per definirlo. Quando andate nel vostro vero cuore, che cosa vi dà la libertà? (lunga pausa)      Se dite: “Non lo so” va bene, in realtà va bene. Forse si tratta di un primo passo e non sapete perché e diventate mentali su questo punto. Si tratta di una sensazione in modo assoluto e potrebbero volerci mesi, forse un paio di anni prima che riusciate ad associarci delle parole. In realtà è una buona cosa - per favore tornate nell’esperienza di ciò che vi dà la libertà. Tornateci - immergetevi - senza cercare di metterci parole finché non lo sentite dentro di voi; finché sentite come un vulcano che risale dentro di voi; finché non è qui nella testa, Orso Che Ride, finché è nel cuore; finché il vostro corpo non s’illumina del tutto; finché non sentite che esce e vi viene voglia di alzarvi e ballare. E quando qualcuno vi chiede: “Per cosa balli?” “Non lo so proprio - e poi non importa!” É così e basta, vedete? Quella sensazione, non da qui (testa) ma è quella sensazione che richiama dentro l’energia in dose enormi, in dose davvero enormi.

Partendo da lì, una volta che attingi al vero cuore, tutto il resto in un certo senso diventa secondario, ma in realtà si tratta di scelte molto semplici. Denaro? Nessun problema. Equilibrio della salute? È facile come fare un respiro.            

Le relazioni giuste - non le relazioni sbagliate, di quelle ne avete avute abbastanza - ma le connessioni giuste con le altre persone, quelle che vi stimoleranno e vi sosterranno, quelle che risponderanno a chi siete davvero e non a chi è il vostro passato. Sapete, una cosa davvero orribile è che tendete ad attrarre persone che reagiscono al vostro passato; non reagiscono a voi, reagiscono al vostro passato e quindi salgono su quella corda della linea temporale e voi cominciate a portarvi dietro anche loro. Immaginate com’è facile fare un respiro e le persone che reagiscono a voi in quanto essere sovrano entrano nella vostra vita - e non le persone che lo fanno a causa di un vecchio karma di merda. È una cosa incredibile.


Keahak 

Abbiamo parlato di keahak, che significa energia che fluisce, in moto, in azione. Significa lo spirito - voi - che fa esperienza. Metteteli insieme e sono molto, molto dinamici.
Nello stato di  keahak, connessi alle vostre sensazioni reali, non qui (testa) ma qui (cuore) vi chiedo ciò che più tardi vi chiederete - che cosa vi libera? Questa è una buona domanda per entrare nelle vostre sensazioni. Che cosa vi libera?        
EDITH: Puoi darci un aiutino? (risate)            
ADAMUS: No – in una sola parola. Sarebbe la mia scoperta, non la vostra. Sarebbe ciò che io vorrei che sperimentaste. Che cosa vi libera - e non da un punto di vista umano;dall’essenza - che cosa vi libera?

EDITH: Beh, pensavo all’amore incondizionato e all’aver fiducia in sé.

ADAMUS: Oh, quello è un bel po’ di makyo, è makyo totale. Sapete, in realtà…

LINDA: Whoa, whoa. Possiamo ripeterlo così che le persone possano sentirlo?

EDITH: Beh, ha detto che è makyo.    
ADAMUS: (ridacchia) Sì.         
LINDA: Hai il microfono e puoi parlarci dentro.

EDITH: Beh, non voglio usare troppo il makyo. Ho detto, potrebbe essere la fiducia incondizionata e l’amore verso sé stessi?

LINDA: Di cosa stai parlando?

EDITH: La domanda che ha fatto.

ADAMUS: Che cosa ti libera.

EDITH: Sì.         
ADAMUS: La ragione per cui ti dico che è makyo è perché posso vederlo e penso che lo vedano anche gli altri - viene da qui sopra, ma è un clichè carino.

EDITH: Ma c’è anche una bella sensazione.

ADAMUS: Bene, bene e allora è qui che vuoi giocare - in quella bella sensazione che c’è, ma non qui. Giocaci. Abbandona le parole perché c’è qualche cosa di più, c’è più profondità e significato.

Ciò porta dentro nel momento volumi di energia e in quel momento - eccoci al punto di tutto - allora puoi fare le scelte per le cose più superficiali della tua vita. Di colpo ti rendi conto di ciò che significano davvero… beh, non mi piace quella parola, Cauldre. Che cosa fa uscire il meglio della vostra essenza in quest’esperienza fisica sensuale?

A quel punto, tutto diventa piuttosto secondario. Potete semplicemente… a livello letterale voi cominciate a dirigere le energie e basta, esattamente così (lo dimostra muovendo le mani) nei confronti del denaro, dell’equilibrio fisico, dell’integrazione corpo/mente/spirito e delle relazioni. È un po’ una cosa da maghi. Sapete, alcuni di voi usano un touch screen (uno schermo che funziona toccandolo) ma è ancora più facile - whoosh! - e porti dentro le energie per realizzare tutto ciò.

Proprio perché di colpo ve ne rendete conto, non resterete incastrati nelle dipendenze umane, non rimarrete intrappolati nei vecchi modelli umani -perché il passato non è avvenuto comunque e sicuramente non come pensate che sia avvenuto - di colpo non avete paura di restare bloccati nei vecchi percorsi. Di colpo vi ritrovate ad essere oltraggiosi assegnando le energie ad ambiti diversi.

Se siete preoccupati di ferire gli altri non ci riuscirete, davvero. Non ce la farete proprio. Se siete preoccupati di essere egoisti, non ci riuscirete. Potete distribuire il denaro come ho appena fatto io senza preoccuparvene -  è il denaro di Cauldre, perché dovrei preoccuparmene (risate mentre distribuisce altro denaro) senza preoccuparvene perché - whoosh! - ne portate dentro ancora di più. Non dovete preoccuparvi di essere edonistici, perché penso che alcuni di voi ne abbiano una gran paura. “E se mollo tutto? Diventerò un edonista.” E allora diventatelo, fatevi quest’esperienza e poi ci rimarrete incastrati dentro - non potete, non potete proprio e per voi diventerà sempre più difficile restare incastrati anche nelle cause; so che molti di voi finora si sono divertiti molto, ma in questa non si rimarrete incastrati. Ora vi divertirete, ci andrete dentro.


Il Progetto Keahak            

Detto questo, voglio creare un gruppo keahak, un’esperienza. Voglio lavorare intensamente con… scusami, mi sono dimenticato di parlartene. (si rivolge a Linda) Durante il prossimo anno voglio lavorare in modo intenso con diciamo 99 umani fino al 1º aprile dell’anno prossimo. È una bella data, certo -  voglio lavorare con questi individui su base regolare e quindi saremo regolarmente in contatto tra noi. 99 - vi costerà entrarci, perché ci sarà un mucchio di lavoro da parte del Crimson Circle, ma si tratta anche di un investimento su di voi. Avrete regolarmente dei compiti da portare a termine e delle assegnazioni; ci saranno cose da fare e a volte mi maledirete, ma questo…

LINDA: A volte?

ADAMUS: (ridacchia) Mi maledirete più spesso. Avrete bisogno di tenere un diario e anche di condividere quel diario all’interno del vostro gruppo.

Vi chiederanno di partecipare a discussioni di gruppo che potranno avvenire o di persona o attraverso le onde sonore e le vostre tecnologie. Ogni settimana vi verrà chiesto di dedicare almeno una notte del vostro stato di sogno a fare del lavoro inteso in questo ambito. Ciò significa che forse il giorno dopo vi sentirete di merda ma va bene, perché ultimamente vi sta già capitando.

Vi chiederò di tenere un diario scritto, perché voglio usare proprio il lavoro che farò con questo gruppo di 99 persone e documentarlo per mostrarne i risultati clinici, lo svolgersi clinico su come portare il keahak nella vostra vita; come portare l’energia in azione, lo spirito in moto e con il grande contenitore di energia e i nuovi tempi - e come farlo funzionare. Questo, cari amici, questo supera di 10 passi il progetto del nostro primo gruppo - il libro sui Maestri nella Nuova Energia.  Si andrà molto, molto più in profondità e alla fine sia che si tratti di un libro, di un corso o di qualcosa che gli insegnanti possono insegnare, lo svilupperemo nel corso del prossimo anno. Il suo nome sarà il Progetto Keahak.           
Per non sconvolgere Linda - Cauldre se n’è già andato un bel po’ fa (risate) non riusciva reggere tutto questo - per la logistica avrete un bellissimo gruppo di persone che vi aiuterà con la logistica e metterà insieme tutto questo.

Ora, quelli che non faranno parte in modo diretto di questo progetto, potranno scegliere di farlo in modo indiretto. Potete connettervi a questo progetto in modo energetico e conscio e quindi non dovrete tenere un diario. Naturalmente non farete parte delle discussioni regolari che avverranno all’interno di questo gruppo, ma a livello energetico ne farete parte, proprio come fate parte di Shaumbra, del Crimson Circle e di Awakening Zone. Se scegliete di far parte di questo gruppo posso darvi - vi darò - dei dettagli, ma non tutti.

Alcuni dettagli riguardano il fatto che sarà intenso: sarà molto, molto intenso. Potrebbero esserci momenti di frustrazioni e sarà un anno intero di evoluzione, di cambiamento. Ciò che faremo vi butterà fuori dalla vostra realtà che si basa sul tempo e se siete attaccati alla vostra storia - a volte la storia significa la vostra famiglia, il vostro lavoro e le cose cui siete molto attaccati - questo potrebbe non essere progetto per voi, perché vi butterà fuori dal vostro passato.

Certo è che se state elaborando o guarendo, se vi sentite ancora un guerriero ferito - fatevene una ragione - non dovreste far parte di questo gruppo. Se state ancora lavorando sulla realizzazione o sul successo, se siete ancora un ricercatore spirituale, per favore questo non è il posto per voi perché verrete buttati fuori quasi immediatamente. Rivorrete indietro i vostri soldi, ma non li riavrete. È divertente.

Gli angeli hanno un senso dell’umorismo diverso rispetto agli umani. Sì, gli umani riescono a ridere quando vedono gli altri che soffrono, ma non fanno lo stesso quando a soffrire sono loro. Gli angeli - alcuni angeli - possono davvero ridere di sé stessi e questo è il miglior umorismo che esiste.

Ecco, questo è il progetto, ecco dove stiamo andando. Naturalmente tutti saranno coinvolti, ma 99 saranno - come dite voi - all’avanguardia? Sì.

DOMANDE & RISPOSTE

ADAMUS: Detto questo, cari Shaumbra, sono rimasti pochi minuti e sarei felice di accettare qualche domanda. Sì.

LINDA: Wow.   
ADAMUS: Linda arriverà con il microfono da chi alza la mano. Là in fondo.

LINDA: Ok, eccomi.

DOMANDA DA SHAUMBRA 1 (donna): Capisco, bene, avete…

ADAMUS: Ti spiace alzarti in piedi, così tutto il mondo potrà vedere la tua bellezza?

SHAUMBRA 1: Da un po’ ci dici che Gaia ci sta lasciando.

ADAMUS: Sì.    
SHAUMBRA 1: E noi diventeremo gli assistenti della Terra. Va bene…

ADAMUS: La domanda è?

SHAUMBRA 1: La domanda è che sento dire che Gaia non se ne sta andando. C’è un qualche cosa di tecnico che mi perdo?

ADAMUS: No, fermati, fermati per un attimo. È comunque una domanda eccellente, davvero eccellente.Gaia se ne sta andando no? Non importa davvero, a meno che non teniate traccia delle energie e dei movimenti chiedendovi che cosa sta succedendo sulla Terra - dipende da voi decidere.

Parliamo per un attimo del discernimento. Il discernimento: come sapete bene stanno accadendo molte cose; in questi giorni non avete certo bisogno di essere un veggente per capire che cosa sta accadendo, ma poi vi confondete perché mischiate tutto con le cose che stanno avvenendo dentro di voi. In parte lo fate perché esiste un parallelo - ciò che avviene dentro di voi e ciò che avviene nel mondo intorno a voi. Proprio come alcuni credono che Gaia se ne sta andando… non sto parlando certo di domani, parlo dei prossimi 1000 o forse 5000 anni. Quando prendete in considerazione l’età della Terra e da quanto tempo Gaia è in giro, si tratta di un’uscita decisamente veloce ma sarà anche un rilascio morbido.

Detto questo, come discernete che cosa è vostro e che cosa appartiene al mondo esterno? Li avete mischiati insieme, intessuti l’uno dentro l’altro, ma in fondo ciò che sta avvenendo nel mondo esteriore in generale è un riflesso di ciò che sta accadendo a voi o che vi è successo. Molto di voi è stato integrato e si è riunito; i vecchi aspetti in qualche modo se ne sono andati così potete riunirvi, per così dire. In fondo non importa.

Ora, come potete dire ciò che sta avvenendo in particolare negli eventi esterni, nel mondo esterno? Beh, non pensateci, perché ciò non farà altro che mescolare il nuovo tutto. Ecco che cosa fate:

Chiudete gli occhi…fate un respiro gentile e lento attraverso il naso...

Odorate l’energia. Sentite l’odore della coscienza - e se sentite l’odore del vostro vicino potrebbe venire voglia di spostarvi - ma sentitene l’odore, perché è nell’aria.

Ora, invece di respirare nel vostro cervello, respirate nel vostro corpo di coscienza. (pausa)      

Respirate dentro di voi, respirate nel vostro Io Sono senza cercare di ottenere niente in questo momento - state solo percependo le energie. Respiratelo dentro e sentitelo, senza cercare di definirlo. Sentitelo. (pausa)         

Dopo che vi sarete permessi di sentirlo, di nuovo senza cercare di definirlo, lasciatelo andare. Lasciatelo andare.

La definizione si arriverà - magari tra un attimo,o forse domani -  e di colpo avrete la risposta. Si tratterà di una risposta migliore di quella che potrei darvi io qui e ora, perché dovrei usare le parole e quindi dovrei ridurre ciò che potrei dire.Capirete - Gaia se ne sta andando o no? Poi comincerete a sentire l’odore e avrete la sensazione di quello che sarà il prossimo evento che accadrà. Qui non si tratta di essere un profeta o avere proprietà medianiche; sto parlando di sentire le energie di ciò che sta avvenendo proprio in questo momento. Non si tratta di dire che il prossimo terremoto avverrà nella California del Sud il 14 giugno o in qualsiasi altra data. Dico: quali sono i movimenti energetici stanno avvenendo? Percepitelo.

Vi ho chiesto di chiudere gli occhi quando lo fate. Gli occhi sono i più grandi ingannatori della realtà - sì, è sicuramente così. Quando inspirate, permettetevi di sentire l’odore delle energie perché ogni volta che qualcosa sta per succedere, ogni volta che c’è un movimento energetico c’è un fremito, risuona nell’aria, non è solo l’ossigeno, è tutto intorno a voi. Tutto ciò che dovete fare è sentirne l’odore. Direi che l’olfatto è il senso migliore, perché a volte il vostro udito è distorto - attinge direttamente al cervello - il gusto in fondo è mezzo morto, quindi usate l’olfatto. Il senso dell’olfatto è l’intuizione, quindi sentitene l’odore senza cercare di ottenere una risposta nel cervello.

Io vi fornirò la risposta: certo, Gaia se se ne sta andando. Non ha servito abbastanza gli umani su questo pianeta? Non è arrivato il momento che vada in pensione? Pensava che sarebbe andata in pensione dopo Atlantide, ma poi vi siete nascosti nei buchi nel terreno e siete rimasti in giro, cosa che ha fatto anche lei.

Certo, è arrivato il suo momento e la onoriamo, l’amiamo e la ringraziamo, ma Gaia è uno spirito come voi. Accettereste un progetto - cosa che alcuni di voi faranno - cioè andare in questi altri pianeti dell’universo fisico e nonfisico? Pete, tu farai esattamente ciò che ha fatto Gaia: andrai là fuori nel tuo stato di essere sovrano e infonderai te stesso in quella grande roccia che se ne va in giro nel cielo e le infonderai l’energia della forza vitale. In quella roccia onoreranno il pianeta Pete, lo spirito del Grande Pete.

Poi quella roccia prenderà vita e probabilmente comincerà ad avere gli attributi di questo pianeta fisico, perché è stata infusa con qualcuno che ha fatto l’esperienza della Terra, quindi germoglierà il regno animale e il regno delle piante che assorbiranno le energie della forza vitale che attraversano il cosmo. Pete, te ne andrai in giro mentre gli angeli, da tutte le diverse famiglie spirituali parcheggeranno lì per un po’, imparando come essere in un Corpo di Coscienza e ci andranno come esseri di luce sensuali che vogliono una esperienza profonda nella materia. Pete fornirà loro il parco giochi, ma non pensate che a un certo punto vorrà che escano e quindi dirà a tutti quegli angeli: “Ehi, ora il possesso del parco giochi passa a voi.”  Pete vorrà che usciate e respirate e basta e ballate da soli per un po’, e poi se ne andrà in giro con qualcuno di voi ragazzi.

Certo, Gaia se ne sta andando ma alcuni hanno investito sul fatto che Gaia rimanga e diranno: “Certo, Gaia non se ne sta andando. Di che diavolo sta parlando questo gruppo? Con che stronzate se ne viene fuori? Prima dicono che le nostre guide spirituali se ne stanno andando - quello è un bel mucchio di sciocchezze perché ne abbiamo migliaia e tu puoi pagarmi e ti dirò tutti i loro nomi. Inoltre questo gruppo dice che i vostri spiriti guida se ne stanno andando e poi anche di smettere di meditare, poi di respirare e nient’altro. Pensate davvero di poter guarire attraverso il respiro?” Certo, ma loro non ci credono, non ci credono perché sono immersi nella guarigione - amano guarire - al punto tale da volere che tutti gli altri continuino a guarire. Beh, arriverà un punto in cui non guarirete più e basta. Dite: “Vaffanculo!” al vostro passato (risate) Certo - certo che sì.
Sì, Gaia se ne sta andando e non c’è molto dramma intorno a questo. Voi state per prendere il controllo della Terra e così sia. Bella domanda. La prossima? E poi, importa davvero? Vi fa piangere sapere che Gaia se ne sta andando?

SHAUMBRA 1: Sì, fa paura…

LINDA: Non volevi la prossima domanda?

ADAMUS: Tra un attimo. Ti fa morire di paura?

SHAUMBRA 1: E’ quello che ho detto - cavolo.

ADAMUS: Oh, ti fa proprio paura. Perché?

SHAUMBRA 1: Mi sforzo di essere uno spirito più grande o consapevole…

ADAMUS: Smettila di sforzarti. Basta cercare. Tu  sei un grande spirito.

SHAUMBRA 1: Ok, mi sto sforzando di essere consapevole di essere un grande spirito e penso ai milioni di persone cui non interessa nulla; loro sono l’umanità che dovrà farsi carico della Terra quando Gaia se ne andrà?

ADAMUS: Certo.

SHAUMBRA 1: Questo mi fa paura.

ADAMUS: Oh, no, è una cosa meravigliosa perché verranno per imparare a farlo, come stanno già facendo: rispettare l’acqua, rispettare l’aria e rispettare gli animali. Sai, in realtà più Gaia continua a starsene in giro, meno motivati sono gli umani nel considerarne le conseguenze. Quando c’è questa cosa nell’aria - “Gaia se ne sta andando, sarà meglio prenderci cura di questo pianeta” ma non da fanatici, piuttosto in un modo pieno d’amore.

Sapete davvero che cosa c’è di importante su questo pianeta? È come una specie di… monumento non è la parola esatta. Questa è una… non è proprio la parola giusta, Cauldre. É come… non riesce a pensare alla parola giusta: un tempio. Per tutti gli altri esseri di tutta la creazione, questo è qualcosa da vedere, perché è stato il primo luogo della realtà fisica e voi siete i primi che lo attraversano. La Terra dovrebbe essere un tempio; dovrebbe essere - come lo definite voi - un monumento storico. Questa è una cattedrale, questa è la libreria della Nuova Energia, proprio qui. In realtà è davvero molto bello che Gaia permetta gli umani di assumersi la responsabilità del pianeta e che tutti siano più consapevoli di questo pianeta e della loro relazione con lui. Certo, è così.

La prossima domanda è: credete di avere la possibilità di accettare La vostra connessione, la vostra responsabilità verso la Terra? Capite la vostra relazione con la Terra?

SHAUMBRA 1: Il mio sé divino la conosce, ma il mio sé umano è limitato.

ADAMUS: Sì, esattamente.

SHAUMBRA 1: Ecco perché mi fa paura.

ADAMUS: Il tuo sé divino non ne sa un bel niente perché non c’è mai stato. Il tuo divino non lo sa, non capisce proprio tutta questa cosa dell’essere… è da qualche parte là fuori, mentre tu sei qui a combattere e ad affrontare l’esperienza fisica. Ora però sta entrando per essere con te e non deve avere per forza le risposte. Rimarresti sorpresa da ciò che il tuo ‘divino’ non sa: quando il tuo divino entra non è certo per correggere la tua vita, ma per fare esperienza della tua vita con te. Non è certo qui per fornire risposte; è qui per ballare e giocare e avere esperienze sensuali con te. In base ai criteri umani il tuo divino non è molto intelligente, anzi è molto semplice ed è molto elegante. È molto sensuale, ma non è molto furbo per quanto riguarda le cose umane ed ecco perché tu sei qui. In ogni caso sei tu che racconti al tuo divino come vanno le cose qui.

SHAUMBRA 1: Siamo nei guai.

LINDA: È uno scambio di vincitori di Premi?

ADAMUS: Certo. Trova altri soldi e trova l’onorato e prestigioso Premio Adamus. Grazie, la prossima domanda.

DOMANDA DA SHAUMBRA 2: (uomo): Voglio essere una delle persone che fotterai fino all’anno prossimo. Come finisco sulla lista? (il pubblico ride e qualcuno applaude)

ADAMUS: Noi…tutto ciò che devi fare è dare una bustarella a Linda proprio in questo momento.

LINDA: Fatto.

ADAMUS: Lo staff del Crimson Circle dovrà pensare alla logistica e comunque avranno bisogno di almeno un’ora per sistemare il tutto. (risate)

LINDA: (ridendo) Oh che grande che sei! Entro domani lo sapremo.

ADAMUS: Dateci un paio di settimane. Sì.

LINDA: Ok, grazie.

DOMANDA DA SHAUMBRA 3 (ragazza): Se noi ragazzi siamo quelli che cambieranno il mondo, perché non ci è permesso frequentare alcuni seminari? (qualcuno tra il pubblico applaude)

ADAMUS: Ah! Quale vorresti frequentare?

SHAUMBRA 3: Umm, la Scuola di Energie Sessuali.             
ADAMUS: Sì. Oltre all’SES - mi rivolgo agli elementi umani qui presenti, forse ciò potrebbe incoraggiare da sviluppare una scuola di energie sessuali per I minorenni. Credo che si dica così a livello politico ma ci sono alcune questioni legali di cui gli umani sono preoccupati. Sì, ma grazie per averci parlato di questo tema. Tu vorresti frequentare la Scuola di Energie Sessuali?

SHAUMBRA 3: Sì.        
ADAMUS: Bene.          
LINDA: Sua madre è vicino a lei e credo che possa dare il permesso legale.

ADAMUS: Sì.    
LULU (la madre): Beh, vuole sempre venire a ogni seminario che frequento  e dico va bene, ma non so se ha il permesso e infatti continua a farmi quella domanda.

ADAMUS: Sì e devo insistere sul fatto che esiste il Crimson Circle che opera nei reami angelici. Nella maggior parte dei casi non interferiamo con il lavoro del Crimson Circle sulla Terra. In altre parole, non stiamo tirando i fili dicendo loro come operare, perché fa tutto parte della vostra esperienza. Si

LULU: Avrei un piccolo commento.

ADAMUS: Sì.

LULU: A Gaia è stato chiesto perché se ne andasse e se poteva restare. Scusa, sono un po’ nervosa.

ADAMUS: Certo, va bene.

LULU: Respira. (Adamus e lei fanno un respiro profondo) Ok.

ADAMUS: Vedi, ti rendi conto che ieri tutta qui e ora sei…Ah! Sì.   
LULU: Ora sto per levitare.

ADAMUS: Bene.

LULU: Ok, questa persona le ha chiesto se poteva restare e quindi non andarsene.

ADAMUS: Sì.    
LULU: E poi Gaia ha chiesto: “Vai da qualche parte?” e la persona ha risposto “Non che io sappia” e Gaia: “Beh, quando muoio lascerò il mio corpo e poi me ne andrò.” E Gaia ha detto:  “Sì, farai così. Sono così anche io: questo è il mio corpo, dammi l’onore dell’evoluzione. Credo sia comprensibile e dovremmo concederle quell’onore. Grazie.

ADAMUS: Grazie.  Stiamo arrivando al punto in cui quando ognuno di voi se ne va, quando lascia il pianeta si porterà dietro il suo corpo di coscienza. Ecco perché ne ho parlato ultimamente, perché quando ve ne andate le portate dietro gli attributi del vostro corpo fisico e non sto parlando dei tessuti morti; sto parlando degli attributi o della coscienza di un corpo.

Anche voi siete venuti qui sulla Terra con la definizione di corpi di luce. Avete trascorso ere intere in questo vostro corpo fisico per una ragione precisa e non rientrerete - farò quest’affermazione forte - non tornerete mai ad essere un semplice corpo di luce, mai, perché avete vestito, vi siete concessi, avete scelto migliaia di vite fa di capire l’integrazione di un corpo fisico e di una mente fisica e di uno spirito che ora sono tutte integrate insieme.

Dopo aver lasciato questo pianeta andate da qualsiasi parte o ascendete e quindi verrete riconosciuti dagli angeli in tutta la creazione. Gli angeli vi guarderanno e diranno: “Tu sei un Corpo di Coscienza. Tu sei stato sulla Terra. Tu ci sei stato, l’hai proprio fatto proprio. Ti sei permesso di sognare e poi di diventare.” Ciò è molto importante, capite? Sognare e diventare. È come andare all’indietro nel tempo: voi sognate e poi accade.

Gli angeli vi riconosceranno e non solo dai colori della vostra aura; vi riconosceranno - qui le parole sono limitate - dall’espansione e dalla grandezza di tutto il vostro essere. Loro sapranno che voi siete stati un sensuale pirata spirituale qui sulla Terra.

Detto questo, per favore ricordatevi che tutto è bene in tutta la creazione.

Anche ai miei amici in Polonia dico “godbere.” Verrò presto da voi. E così è.