SHOUD 04: “l Progettisti della Vita”

IL MATERIALE DEL CRIMSON CIRCLE

La Serie e_2012

SHOUD 4: “l Progettisti della Vita” – con ADAMUS, canalizzato da Geoffrey Hoppe

Presentato al Crimson Circle il 1° dicembre 2011

www.crimsoncircle.com

Io Sono Quello che Sono, il Professor Adamus Saint-Germain, ASID.            

Alcuni di voi pensano che ASID stia per Società Americana per l’Arredamento d’Interni.  Ho   l’aspetto di un arredat…- già non ho l’aspetto di un americano, meno che meno di un progettista d’interni? No, ASID sta per Società Angelica dei Progettisti Illuminati - ASID - e oggi parleremo di progettare la vita. Bel costume, mia cara. (si riferisce a una donna che indossa un costume in stile “rivoluzione francese”)             

SUSAN: Grazie.

ADAMUS: Mi sento molto lusingato. Bello, bello. Qui con Shaumbra mi sento in paradiso - i vostri costumi! Oh, so che alcuni di voi non li indossano, ma sono comunque dei gran bei costumi. I vostri ornamenti! Fanno cantare il mio cuore. Rivoglio la mia spada. Grazie, caro, sì.

MARY: Buon Natale.  

ADAMUS: E buon… oh, eccellente! Tutto è bene in tutta la creazione. Ughh! (risate mentre Adamus finge di colpirsi con la spada) Ecco, sì, oggi ASID - Società Angelica di Progettisti Illuminati - e anche voi potete esserlo.  

Oggi, prima di… bello (a Linda). Guarda cosa ti ha comprato Cauldre. (indica la sua collana) Mm-mm-mm-mm-mmmm. (al cameramen) Mi fai un primo piano, sì? Non è bello?  Stava per darmi una sberla, ma si sarebbe fatto male solo lui! Questa è la cosa bella di essere canalizzati.
LINDA: Sì, è davvero bello.

ADAMUS: Ma certo.

LINDA: Grazie per averlo notato.

ADAMUS: Ecco, parleremo del progetto della vita, ma prima un paio di messaggi veloci. Stamattina alle quattro ho svegliato Cauldre - perché? Perché stava dormendo! (risate) E’ un ottimo momento per parlare e gli ho detto, “Cauldre, Linda,” ho detto, “quest’anno voglio dare a Shaumbra un regalo di Natale, voglio dare loro qualcosa di speciale” e subito dopo Cauldre ha detto, “Denaro?” (risate) ed io, “No. No, non denaro.” Io ho chiesto, “Che cosa vuole Shaumbra sopra ogni altra cosa?” e lui ha risposto di nuovo, “Denaro” ed io, “No: vogliono risposte!” ho detto, quindi oggi dedicherò la seconda metà del nostro programma alle Domande&Risposte!” (il pubblico risponde “Woo hoo!”) Ecco, mia cara Linda, per favore scrivi sulla lavagna la mail cui le persone possono inviare...

LINDA: Ok.      
ADAMUS: … le loro domande. Noi prenderemo le domande da Internet. Mm-mm-mm. Da questa parte (si rivolge al cameraman) da questa parte (la telecamera lo segue) eccoci qui. Oggi accetteremo domande da Internet, quindi scrivetele - per favore in inglese. Scrivetele e assicuratevi che abbiano un senso, che siano più corte di una pagina e che si tratti di una domanda e non di un’affermazione. Oggi accetteremo le domande. Io amo proprio le Domande&Risposte, ma ci sono tantissimi temi da trattare - ho moltissime cose di cui parlarvi - ed è difficile ripartire il tempo ma oggi, come bonus speciale per Natale per tutti voi che lavorate duro, potete approfittare di me. In secondo luogo non l’ho mai fatto prima, ma oggi...

LINDA: Possiamo dare ….

ADAMUS: Oh, certo. Prego.

LINDA: Ok. L’indirizzo è: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it..  
ADAMUS: Tutti possono inviare una domanda.

LINDA: Tutti.

ADAMUS: Ogni domanda che volete.

LINDA: Il mio computer è vivo ed emozionato.

ADAMUS: E’ pronto per partire.

LINDA: Proprio così.

ADAMUS: Puoi ripeterlo di nuovo?

LINDA: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it..      
ADAMUS: Possiamo inquadrare proprio qui? Mi piace fare il produttore, mi dispiace Jean. Ecco, in passato non l’abbiamo fatto, ma lo dedicherò… (Adamus picchietta su una tazza di caffè, a Linda manca il fiato)

LINDA: Carino!             
ADAMUS: Oh no! La tazza si è rovesciata sul Sedona Journal. Oh no! Beh, mi spiac… (sfoglia le pagine) Vedo che qui ci sono molti canalizzatori importanti. Hmm…vediamo un po’, Cauldre, dov’è la tua fotografia? Ci sono Lee Carroll, Steve Rother, Pepper Lewis ma Cauldre - qui la tua fotografia non c’è.            
LINDA: Ohhhh.            
ADAMUS: Mi chiedo come mai! Non vedo alcun articolo…             
LINDA: E’ un canalizzatore cattivo.   
ADAMUS: …su di te qui.

LINDA: Cattivone, cattivone… ( canticchia)

ADAMUS: Forse - solo forse -  a qualcuno Adamus non piace.

LINDA: (continua a cantare) I cattivoni non li vogliono!

ADAMUS: Ecco … (butta la rivista sul pavimento e ci sputa sopra; molti ridono e tra il pubblico qualcuno fischia) Sì, mettetelo sotto l’albero di Natale. (risate) E’ stato un vero incidente versarci addosso questo intruglio.

Parlando d’intrugli, parlando proprio d’intrugli - oggi apriamo il vino. È Natale! Sono le vacanze! (il pubblico risponde dicendo “Uuhh” e applaude) Perché no? Allo staff, portate del buon vino - non quello a buon mercato per il ballo che ci sarà dopo, ma il vino buono e comunque più tardi chi lo sa - la roba buona che c’è in fondo. Credo che in fondo ci sia qualche buona bottiglia.

LINDA: Oh, lascia che ti serva.

ADAMUS: E devo dire roba, roba buona. E’… in ogni caso, affiora un altro tema perché questo non è un matrimonio ebreo (molti ridono) ma voglio dire, guarda che cosa è accaduto a Gesù. Andò a un matrimonio dove avevano solo una piccola giara di vino che è finita in fretta, quindi lui ha dovuto prendere dell’acqua e fare una piccola trasformazione.    

Noi siamo Shaumbra, oggi c’è vino in abbondanza. Sì, tiriamo fuori i bicchieri e il vino - mi dispiace che non sia vino francese, ma andrà bene lo stesso. Io so quello che faccio! Muoverò le mie mani sopra il vino e fingerò che sia vino francese. (risate) fingiamo e basta!

Ecco Shaumbra, mentre il vino arriva, preparatevi… (qualcuno urla “Yay!”) Yay.       
LINDA: Lo staff sta cercando di obbedirti.

ADAMUS: Fuori dal mio palco. (spinge la rivista attraverso il pavimento giù dal palco) Hm.             

Essere I Progettisti della Vita  

Ecco, io non l’ho mai fatto prima, ma vorrei approfittare di quest’opportunità in questo Shoud davvero speciale sull’essere Progettisti della Vita, Designers Illuminati - ecco cosa state facendo; tutta la vostra vita è un progetto, è un progetto bellissimo. Vorrei dedicare questo Shoud, le sue energie, le sue speranze e i suoi potenziali a qualcuno le cui iniziali sono “L.H.” al sud. Tu sai esattamente a chi mi sto rivolgendo perché, L.H., tu stai passando moltissimo di ciò che tutti gli altri stanno sperimentando ma tu sei andato all’estremo, lo fai davvero alla grande e ricordati che proprio quando sei nel momento più oscuro, bevi del vino (risate) e ricordati anche che proprio come moltissimi di voi già sanno, nel corso di questo processo di ripulitura, in questo lasciare andare… (Suzy gli porta un bicchiere di vino) Grazie, mia cara eh-eh-eh-eh, mia cara (le bacia la mano) un vero gentiluomo non appoggia le sue labbra sudate sulle mani; si avvicina e basta. 

Ecco, salute! Aspetterò finché tutti avrete il vostro bicchiere e questo sarà il primo vero è proprio brindisi di Shaumbra a uno Shoud - non appena avrete i vostri bicchieri. Va bene?

LINDA: Certo. 
ADAMUS: Certo, certo. In tutto questo processo di ripulitura, dovete capire che entrate in questa condizione umana - naturalmente è un vostro progetto, ma poi vi dimenticate di averlo progettato voi - entrate in questa condizione umana ma poi arrivate a un punto e, per quanto difficile sia, arriva il momento di fare un po’ di ripulitura - quella che definite pulizia. Si tratta di liberarsi della propria identità e sembra davvero di morire, sembra che sia il momento più buio tra i momenti bui - ma non è così, perché questa è un’illusione. E’ la benedizione e il regalo più grande che potete farvi: liberarvi dalle energie bloccate di un’identità che finora vi ha servito, ma c’è qualcosa che è molto più grande creato da voi, il progettista - voi, il progettista della vostra vita. 

É interessante perché voi siete i Progettisti della Vita e lo fate in modo interessante. Vi dividete in segmenti, prendete quest’essenza di voi e poi la fate a parti e pezzi o vi liberate, abbandonate le parti e i pezzi. Una parte di voi si trova qui nell’esperienza umana - è grande. Se vi dimenticaste di cose come la morte o del perché vi trovate qui, se poteste eliminarle potreste davvero ballare quest’esperienza di vita.  Come progettisti, siete stati voi a mettere lì quelle cose - ciò che definite morte, ciò che definite malattia, povertà o mancanza - ce le avete messe voi come parte di questo progetto di vita. Ora siete incazzati con voi su questo punto, (risate) ma ce l’avete inseritodopo molte, molte, molte vite ed esperienze.        

Ora vi trovate nel processo del rilascio ma forse non si tratta di un vero rilascio - forse è solo accettazione. In fondo non è la stessa cosa? L’accettazione totale non è forse un rilascio dell’aspetto che pensavate avrebbe dovuto avere il vostro progetto, di come la vita ha preso una direzione tutta sua e ora state riportando indietro quel progetto?

Siete stati davvero brillanti a mettere insieme questo velo che v’impedisce del tutto di ricordarvi, ma il velo è un’illusione. É sottile, davvero sottile. Come direbbe Aandrah, “È a mezzo respiro di distanza” ma siete disposti a fare quel mezzo respiro? Siete disposti a essere davvero così audaci e coraggiosi? Perché quando lo farete, tutto cambierà.            

Nel tessuto della loro creazione, gli umani hanno inserito questa cosa del resistere al cambiamento, questa cosa del dire, “Voglio solo migliorare un po’ I’umano.” Siete davvero disposti a cambiare? Tutto si riduce - ne abbiamo parlato a Francoforte, durante il DreamWalker Life - tutto si reduce a tutto - le relazioni, il lavoro, il senso della vostra identità; non l’autostima ma l’identità - persino la vostra salute, tutto. Siete davvero pronti a superare quell’identità?      

L’identità non uscirà dall’esperienza, ma nella vostra vita e nel vostro progetto ci sarà un’ancora diversa della realtà e oggi parleremo delle ancore della realtà.   Il progetto della vostra vita è stato brillante in modi molto diversi. A voi piace pensare di avere questa cosa che definite anima e durante il prossimo anno supereremo anche questo - certo, supereremo l’anima - perché è stata uno dei passaggi o delle pietre miliari. Ciò che avete, ciò che forse avete definito la vostra anima, è la vostra saggezza - la vostra saggezza.

La vostra saggezza è proprio qui - proprio qui. E’ qui ed è qui (tocca le persone con la sua spada) e persino… (guarda il costume da egiziano che David indossa con le scarpe invernali) Queste sono vere scarpe egiziane? Che cosa sono?

DAVID: Sono egiziane del Colorado.
ADAMUS: (ridacchia) Egiziane del Colorado. Dov’ero rimasto, David? Sono così confuso. Oh, sì, sì. Oh, sì.             

Avete creato persino questa cosa che definite anima - dividersi in parti rientra nel progetto di vita - ma in realtà si tratta solo della vostra saggezza. La vostra saggezza. La saggezza è il risultato della distillazione delle vostre esperienze, è spremere fuori il meglio del meglio senza concentrarsi sul dramma, sul trauma e sul negativo delle vostre esperienze; è come prendere un’arancia e spremerne fuori il succo, estraendone la saggezza. Ecco che cos’è l’anima.             
In effetti, non c’è mai stata. (con la spada picchia sul soffitto)        
LINDA: Smettila.            
ADAMUS: Non è mai davvero…ehi, lassù c’è qualcuno. (risate) Vieni fuori! Oh. Non c’è mai stata davvero un’anima. Non c’è mai stata questa cosa del grande angelo dorato. Noi abbiamo usato quei termini perché facevano parte dell’evoluzione, facevano parte della spirale, ma ora possiamo persino superare tutto ciò e passare nella vostra saggezza, la vostra vera saggezza, il distillato delle vostre esperienze.          

Distillare

Amo il termine “distillare” - raffinare, riportare all’essenza, compiere l’alchimia della coscienza. E’ interessante che, al momento, nel nostro progetto Keahak stiamo lavorando sulla distillazione e sto incontrando più resistenza di quanto pensassi.           

I Keahakers dovevano tenere un diario. La metà di loro non lo fa...hhmm…dicevano che l’avrebbero fatto, ma non è così. L’altra metà scrive pagine, pagine e pagine e si preoccupa, è ossessionata e quasi dipendente dal suo diario. Scrivono dalla mente, parlano di ogni dettaglio che non interessa a nessuno, neppure alla loro anima, alla loro saggezza e con tutte quelle parole si procurano una specie di esplosione mentale… (si mette in posa per una foto) Grazie. Dovete essere veloci! Dovete sapere quando vi fanno una foto. Non saprete mai quando scatteranno e non c’è niente di peggio di una brutta foto su Facebook. (risata) Dovrebbe essere vietato, dovrebbe essere illegale. Io non lo so, ne ho viste alcune…non le vostre. Le vostre sono deliziose. Oggi bel vestito, sì, sì. Abbiamo vissuto momenti meravigliosi in Egitto, sì (si rivolge a qualcuno che indossa un costume da egiziano) Grandissimi costumi. Oh! Bene, grandi persone.

Io amo questo distillare, perché si riporta tutto alla sua essenza e infatti abbiamo chiesto ai Keahakers di distillare tutto nei loro diari. Avrebbero dovuto aggiornare il diario tre volta a settimana e va bene perché vi porta in connessione con voi stessi.             

Poi ho chiesto loro di distillare ancora - venticinque parole o meno tre volte a settimana - ed è qui che stanno incontrando difficoltà. Beh, io pensavo che sarebbe stato facile. Se il vostro segnante vi chiedesse, “Scrivete un tema di 2500 parole o di venticinque parole,” quale scegliereste? (qualcuno urla “Venticinque”) La maggioranza avrebbe fatto proprio così, ma loro stanno incontrando difficoltà a scrivere di sé in un processo di distillazione.

Io chiedo a voi di farlo - mi spiace, Keahakers - sto chiedendo a loro di farlo…a che punto siamo con il vino? Oh, lo stanno preparando. Oh, grande, grande. Fatemi sapere quando è pronto perché sto aspettando piuttosto impazientemente il mio.

SUZY: Se qualcuno lo vuole, l’abbiamo messo là dietro.

ADAMUS: Oh no, no, no, no, no. Non è …non c’entra niente col fatto che lo vogliano. Sì, certo. Fatelo girare! Fatelo girare!

SUZY: Ci sono dei bambini qui.

ADAMUS: Passatelo anche a loro!

LINDA: Aspetta, aspetta aspetta. Aspetta, aspetta. C’è…

ADAMUS: Non m’interessa!

LINDA: C’è una regola che dice che loro possono venire a prenderlo. (si riferisce alle regole della sala dove si tiene la riunione.)

ADAMUS: Cosa vi dico sempre sulle regole e le leggi? Non sono vostre!

LINDA: Lascia solo che…

ADAMUS: Beh, siamo su Internet o cosa?! Oh. (risate)        
LINDA: Sì.
Se vuoi del vino è disponibile, se lo vuoi.

ADAMUS: Per favore, se devo proprio farlo lo farò.

LINDA: Vuoi smetterla?

ADAMUS: Grazie. Grazie. (qualcuno gli passa qualche bicchiere di vino che lui distribuisce in giro) Facciamo così e basta, facciamo così. Grazie…, tutte queste regole, tutte queste leggi, tutte queste … oh, caspita.  Oggi parleremo di questo, il progetto della vita. Mi dispiace, non si ubriacheranno, saranno solo un po’ brilli. Io farò la mia canalizzazione e le mie risposte saranno molto migliori. (risate) Molto migliori. Noi balleremo nel corridoio centrale. (molti tra il pubblico sono andati a rifornirsi di vino)

Distillare. Distillare significa prendere… senza parole, per favore. Quante parole sono necessarie per bere del vino? Una notte abbiamo avuto un bellissimo esempio mentre eravamo sulla barca lungo il Nilo. Vi ricordate?

Eravamo seduti all’esterno con un meraviglioso paesaggio intorno a noi; Il sole stava tramontando e la barca scivolava con eleganza lungo il Nilo. Io mi sono alzato in piedi per la mia presentazione, come faccio di solito e ho guardato verso il pubblico - 108 Shaumbra da tutto il mondo - ma c’era qualcosa di sbagliato, qualcosa era assolutamente sbagliato. Nel mezzo non c’era il corridoio centrale. Come faccio ad andarmene in giro se in mezzo al pubblico non c’è un corridoio centrale?! Le sedie erano tutte ammassate insieme.

Non sto incolpando nessuno per quella mancanza di tatto. Ho detto, “Shaumbra, facciamo qualcosa qui. Facciamo qualcosa. Uscite dalla mente. Fate un respiro profondo. Respirate in profondità. Faremo qualcosa senza parlare - non una sola parola - e lo faremo in meno di un minuto.”

Dovete capire che eravamo su una nave, all’esterno e quindi non c’era alcuno spazio ai lati ma io ho detto, “Creeremo un corridoio largo così proprio nel mezzo. Fatelo senza dire una sola parola.” In molto meno di un minuto è apparso un corridoio ed era perfettamente diritto, a parte una sedia vicino al palco. Quello è stato un esempio e spero che chi era con noi in quel viaggio non lo dimenticherà mai. È stato fatto in modo facile e senza alcun problema - niente bla, bla, bla, niente parole, nessuna discussione, niente cervello. È accaduto come una magia: all’improvviso è apparso un corridoio. Ecco un esempio di com’è quando uscite dalla mente. Fate un respiro profondo, lo immaginate e quindi si fa.

Ora che abbiamo distribuito il vino… un bicchiere per Linda, per favore.

LINDA: Certo. 
ADAMUS: Ma certo. Non possiamo berlo prima… lei preferisce il vino rosso.

LINDA: No, no. Loro pensano già…

ADAMUS: Oh già, oh, bene, bene.

LINDA: Si prendono cura di me. Sono fortunata.

ADAMUS: Ecco Shaumbra, oggi parleremo del progetto della vita. Per questo, facciamo un respiro profondo.

Il Progetto di Vita

ll progetto di vita e altre cose. Il DreamWalker Life (un recente seminario) - il DreamWalker Life a Francoforte - è stata davvero un’esperienza, una di quelle esperienze da Nuova Energia. Quando vi mancano le parole per descrivere le cose, dite solo “Nuova Energia.”

EDITH: Lo facciamo.   
ADAMUS: Era una… lo facciamo. (ridacchia) È stata davvero un’esperienza incredibile e uno dei punti centrali, il punto molto semplice e facile è stato quando Kuthumi ha fatto il suo intervento, la sua presentazione - bella, una presentazione bellissima - sulla sua vita dopo l’illuminazione; dopo aver affrontato un esaurimento mentale ed essere rimasto a letto per quasi due anni, alla fine un giorno si è alzato e ha deciso che avrebbe vissuto.

Certo, questa è un po’ una sfida, perché la maggior parte dei Maestri Ascesi - sono circa 9000 quelli che sono ascesi - hanno raggiunto l’illuminazione e poi nel giro di giorni, forse settimane o forse un anno o due hanno lasciato il corpo fisico. Per loro sarebbe stato troppo difficile restare in quest’ ambiente denso. Dopo essersi illuminati, risulta molto difficile sopportare la coscienza di massa, è molto faticoso restare in questa massa solida - fa male al corpo ed è molto complicato per la coscienza - quindi molti dei Maestri Ascesi sentirono che venivano risucchiati fuori dalla loro illuminazione e anche se non accadeva davvero provavano una specie d’instabilità, come quando si va con la tavola sull’acqua. Loro si sentivano come se stesse per accadere.

Moltissimi di loro se ne andarono, ma non Kuthumi. Lui camminò sulla Terra per molti, molti, molti anni dopo la sua illuminazione e ci ha raccontato la storia di ciò che ha fatto dopo che se n’è andato. A Shaumbra ha dato questo consiglio - così semplice e così brillante - ha detto, “E’ facile come… - oh, Aandrah capirà di certo questa semplicità, questo distillato, questa saggezza. Ah, salute. (il pubblico risponde “Salute” e lui sorseggia il vino) Ah, a un nuovo anno. Il 2012 - oh, ragazzi.

Lui ha detto, “È molto semplice.” Distillate tutto fino all’essenza, ha detto. “E’ semplice come chiunque di voi che dice, ‘Sì, io sono illuminato.’ Non dice, ‘Io voglio essere illuminato’, non dice ‘Io sarò illuminato’, non dice, ‘Un giorno, forse, devo studiare per diventarlo.’ “Io sono illuminato” - è proprio così, è proprio così. Potete smetterla adesso - “Io sono illuminato” - perché nel momento in cui lo dite, comincia ad avvenire. Nel momento in cui lo sentite, comincia ad attrarre quelle energie e di colpo mentre lo sentite - “Sì, io sono illuminato”- cominciate a crederci. Cominciate a viverlo e tutti gli altri ci credono. Camminate per la strada e iniziate a parlare con le persone.

“Edith, sì, io sono illuminato,” ma lo dici con quel tono di voce - “Sì, io sono illuminato - con una specie di noncuranza… “Sì, io sono illuminato,” come per dire “E tu no?” E loro ci credono, Edith. Ci credono davvero e di colpo sono in soggezione e vogliono sapere “Come hai fatto?” A quel punto fai un respiro profondo…

EDITH: Facebook. (risate)       
ADAMUS: (ridendo) Facebook. Quella è illuminazione.
Tu dici loro, Edith, tu dici loro, “Io l’ho scelto.”

EDITH: Aha!    
ADAMUS: Ciò che accade dopo non importa. (Linda gli porge il microfono) Sia che finiscano… grazie. (il pubblico ride mentre prende il microfono e comincia a parlarci dentro dopodiché lo rende a Linda) Sia che finiscano nel Crimson Circle, da soli o con qualche altro gruppo, morti o sulla Nuova Terra non importa, ma voi dite, “Io l’ho scelto!” e poi io ho fatto un passo indietro. Ho incontrato l’inferno sul mio percorso in modo che l’illuminazione potesse essere com’è piuttosto che preoccuparmi di ogni singolo dettaglio. “Perché dovrei andare su Internet? A quale gruppo dovrei unirmi? Che cosa dovrei studiare? Non importa.” Nel momento in cui lo scegliete, lo diventate. Comincia ad accadere, comincia a crearsi da solo.

E proprio qui che vi ficcate nei guai e questa è la nostra lezione nel progettare la vita - Adamus ASID. Mi piace, vorrei riportarla sul mio biglietto da visita. Naturalmente non ho un biglietto da visita perché non me ne hanno dato uno, ma forse ora lo faranno.

LINDA: Poverino.

ADAMUS: È dura essere me. (alcuni ridono, Adamus ridacchia) Ecco, questa è una parte di questo processo del progettare la vita. Il progetto della vostra vita è assolutamente brillante. Voi dite, “Che cosa?” ma è assolutamente brillante. Come vi siete segmentati, fatti a pezzi, come vi siete dimenticati parti di voi e quindi avete fatto esperienza di voi - è stato assolutamente brillante. Davvero brillante, così brillante che questa cosa che definiamo la saggezza, l’anima, l’essenza fa parte di quel progetto di vita con voi e proprio ora lavora con voi anche se dite, “Non so, non ho mai parlato con la mia anima. Non risponde alle mie molte, molte richieste e domande. Non ho vinto la lotteria. Sto diventando un po’ più vecchio e quindi non capisco tutta questa storia dell’anima.”

Prendete in considerazione il progetto della vita - in effetti, voi siete in combutta con lui, voi ne fate parte - ma ci sono elementi che superano ciò di cui è consapevole la vostra coscienza e questa è la cosa buona. Grazie a Dio, questa è una cosa buona.

Se in questo momento fosse il sé umano a gestire tutto - il sé umano con una coscienza limitata - voi sareste un bambino di sette anni con un mucchio di giocattoli e anche la bicicletta più veloce di tutto il vicinato. (risate) Vi sareste fermati proprio lì e sarebbe accaduto perché il vostro sé umano che controlla tutto avrebbe detto, “Questo è il massimo per un bambino di sette anni.” I giocattoli, la Xbox o come la chiamate, nessuna regola da parte dei genitori, gestione totale della casa, i genitori che vi servono e vi aspettano a braccia aperte, che è comunque ciò che accade in questi giorni: una bicicletta veloce e migliore di quella di chiunque altro. Vi ricordate quando avevate più o meno quell’età? Era così! Quello era il punto supremo - era così! Non riflettevate sulle qualità spirituali e non prendevate in considerazione cose come l’esperienza della vita - eravate molto nel momento, ma anche molto nella consapevolezza limitata.

La buona notizia è che avete - che avete avuto - il progetto di questa vita che procede con la vostra saggezza che dice, “No, non avrai la bici più veloce perché non fa parte di questo bel piano.” Il progetto di vita di cui fate parte - voi non siete affatto una marionetta; ne fate parte, una parte attiva - ma quel piano di progetto di vita ha detto, “Continueremo ad andare avanti. Andremo alle elementari e poi alle medie, poi prenderemo il diploma e poi andremo all’università. Faremo tutte queste cose.” Perché? Fa parte dell’esperienza, fa parte della grande esperienza della vita, fa parte della sensualità. Fa anche parte della vita - è una parte importante della vita - perché, come ha detto Tobias, questa vita è diversa da tutte le altre.

Le Vite Precedenti           

Questa vita non è solo un’estensione delle vostre vite precedenti, non è la semplice progressione delle vostre vite precedenti - non è così. L’ho detto a Francoforte e in realtà qualcuno si è anche offeso quando ho detto: “Le vostre vite precedenti non sono voi.” Non lo sono per niente, non lo sono. Fatevene una ragione: nessuna di loro è importante e la metà è stata inventata, la metà è solo makyo di merda - davvero. L’altra metà vi serve solo per collegarvi alle energie archetipe di Yeshua, Mosé o Cleopatra, Maria Maddalena o chissà chi altro.

Sono reali, ma in realtà non lo sono. In altre parole, le vostre vite precedenti sono una parte attiva di tutta quest’esperienza che state facendo, ma c’è questa cosa che fa l’umano - l’umano limitato - che dice: “Io sono stato Maria Maddalena” e così facendo cerca di darsi un po’ di valore, almeno credo.

Beh, sì, voi siete stati una parte di Maria Maddalena, una piccola parte insieme a molti altri, ma voi non siete stati Maria Maddalena. Voi non siete Maria Maddalena.

Voi non siete le vostre vite precedenti perché loro sono i cugini della vostra anima, sono i fratelli e le sorelle o i cugini, ma sicuramente non sono voi e prima le abbandonate, prima potrete liberarvi e scaricarvi dei loro pesi e quindi superare tutta questa merda. Alcune di queste vite precedenti si trovano ancora là fuori, traumatizzate ma ancora attive, in cerca di un posto nuovo in cui stare, forse una nuova casa - voi. Loro stanno ancora… non si sono ancora liberate e l’anima, nella sua luminosità, sta permettendo loro di farlo. Voi dite, “È veramente sciocco da parte dell’anima. Perché non le richiama indietro lei, perché non le fa tornare?” Beh, voi non potete, perché un creatore non può forzare le sue creazioni a ritornare - può solo invitarle a tornare.

Ecco, là fuori ci sono molti di questi aspetti delle vite precedenti - traumatizzati, terrorizzati, vagano sulla Terra come se passeggiassero di notte - ma loro non sono voi! Questa è la cosa incredibile: non sono voi. Sono un’altra espressione della vostra anima e quindi siete collegati ma, per esempio, voi sentite di essere solo un’estensione dei vostri cugini? No! Voi siete del tutto diversi. Voi siete unici. Voi siete voi.

Fino a questa vita c’è stato un collegamento preciso tra una vita e l’altra, c’è stato una specie di progressione ma poi, nella luminosità del piano della vita e del progetto di vita dell’anima lei ha detto, “Io creerò un’espressione di me che sia diversa, che non sia una semplice altra vita.” Perché? Perché? Bene, perché l’anima si era stancata di vivere altre vite e si è resa conto che aveva bisogno di qualcosa per potersi liberare.

L’anima, voi - voi - si è resa conto che siete lo Standard per tutte le vostre altre vite precedenti, per tutti gli altri umani, per voi. Voi siete il punto d’integrazione di voi stessi. Voi siete il punto d’illuminazione per voi, non per quelle altre vite. Persino se foste stati un Buddha - non di quella vita. Questa vita, proprio qui.        

Voi siete il punto d’integrazione. Come ha detto Tobias molti anni fa, voi siete l’Ascendente Designato di voi, della vostra anima e per poterlo fare la vostra anima entra qui per unirsi a voi. La vostra saggezza arriva, la vostra saggezza arriva - è tutto qui. Mi dispiace, Bonnie, non è un grande angelo morbido (il pubblico ride perché Bonnie si è vestita proprio come un angelo) E’ la vostra saggezza che entra dagli altri reami - non si trova neppure negli altri reami, questo è un semplice blocco immaginario - ma si assorbe nel vostro Corpo di Coscienza.         

La vostra saggezza arriva e quindi avviene qualcosa d’interessante. Voi diventate lo Standard per le altre vite precedenti della vostra anima. Voi diventate l’esempio; per esempio, voi contribuite a liberarle e non significa che ve ne andate in giro con un coltello a tagliare le loro catene o le corde che li legano, ma il vostro esempio scioglierà quelle corde.

Si potrebbe dire che voi rilasciate un po’ di energia della vostra anima - la vostra saggezza. Vi liberate dal peso di pensare di essere le vostre vite precedenti e così facendo integrate tutta quell’energia e tutta quella coscienza. Tutto viene spremuto e distillato nella saggezza che sta arrivando - la saggezza arriva qui per voi.

Voi siete Progettisti della Vita - siete i Brillanti Progettisti della Vita.

Siete brillanti per come avete messo tutto insieme. Spessissimo dubitate di voi, ma l’anno prossimo soprattutto imparerete a liberarvi di quel dubbio. Vedrete come anche voi siete ASID - Progettisti Illuminati Della Vita.

La differenza è che ora siete in grado di aprire gli occhi e cominciate a vedere tutto ciò, uscite dalla vostra testa ma vent’anni fa tutto ciò sarebbe stato molto difficile. Lo stiamo facendo ora, voi lo state facendo ora - uscite dalla mente e permettete che accada.

La differenza è che voi avete attraversato l’inferno umano, avete affrontato le cose difficili. Non avrebbe potuto essere più difficile di così, giusto, LH? Non poteva essere più difficile - e ora che cosa ti resta? Goditi la vita! Che diavolo! Perché no? Liberati dei ruoli, molla tutte le cose che finora ti hanno tenuto legato.

Brillanti Progettisti della Vita, siete stati brillanti a portarvi proprio qui e proprio adesso e non c’è nient’altro che dovete fare - questa è la parte brillante. Non c’è nulla che dobbiate fare - basta mantra, basta cantilene, basta cristalli, basta… sfogliate queste pagine (quelle della rivista di Sedona) e leggetele tutte - niente di tutto questo! (risate) Niente di tutto questo, proprio niente! Basta con le letture, basta con tutto.          

Voi fate un respiro profondo; vi rendete conto che siete un Progettista della Vita e capite che tutto ciò è naturale - è tutto naturale. Ne abbiamo già parlato molte volte; state procedendo all’indietro nel tempo per fare l’esperienza di come vi siete illuminati e ora fate un semplice respiro profondo e dite, “Sì” (Shaumbra lo ripete con Adamus) “Io sono illuminato.” Sì, dovete dirlo atteggiandovi un po’, come se recitaste. Sì, sono illuminato. Sì, sono illuminato. Sì! Sono illuminato. (risate)      
Di colpo - lo dite con un sorriso e una risata - di colpo cambia tutto - l’energia, la quantità di saggezza che entra, la riunione o la riconnessione tra il sé umano e la saggezza - entra e dice, “Wow! Sono davvero lieto che alla fine ammetti di essere illuminato. Non sei più sul sentiero, non ti sforzi più d’illuminarti. Non t’interessa più. È un semplice “Sì, sono alluminato!” Perché no? Godiamoci la vita. (qualcuno gli toglie un granello dal vestito mentre cammina) Oh, pensavo cercassi di palpeggiarmi (risate)

Shaumbra, detto questo facciamo un bel respiro profondo.

La Prossima Vita

A questo proposito, la prossima vita - qui parliamo di progettare la vita - la prossima vita, come sarà? Oh, riesco a sentire che dite, “Che cosa intende con la prossima vita?! È questa! Ahia! Basta con la prossima vita. Pensavo che il Crimson Circle girasse intorno a questo, che fosse la via d’uscita. (risate) Adios e addio per sempre. È stato bello stare qui, ma sono felice di andarmene. Gaia, divertiti laggiù con tutti gli altri. Io me ne vado.” Davvero? Davvero?

Potreste fare quella scelta, ma non credo sia ciò che pensa la vostra saggezza. Bene, la vostra saggezza non pensa - sente. Non credo che sia ciò che sentirete l’anno prossimo. Perché? Perché comincerete a rendervi conto che la prossima vita… quando lo dico, voi entrate in quel “Oh mio Dio, nascere di nuovo. Che aspetto avrò? Quanto sarò intelligente? Quanti soldi avrò in tasca? Mi ritroverò con gli stessi maledetti genitori che ho avuto nelle ultime cinque vite?! (risate) No, di nuovo loro no! E i fratelli e le sorelle! Perché continuo a ritornare?!” Forse sono loro che tornano da voi.

La prossima vita - e se fosse del tutto diversa? (qualcuno dice “Sì” e il pubblico ride) vi dico che voi siete quello che si diverte ogni giorno.         

Ecco un indizio. Ora i Maestri Ascesi ritornano e lo fanno in un corpo fisico, ma in modo diverso. E se voi poteste tornare in un corpo fisico per scelta - scegliere i vostri genitori, la vostra situazione ma non con le scelte ottuse degli umani, non facendo scelte del tipo “Vincerò la lotteria ‘bleep’” perché quella è una scelta idiota. E’ la scelta più idiota che vi ho mai sentito fare: “Ho bisogno di vincere alla lotteria.” Perderete la vostra energia e la mia energia volendo vincere alla lotteria? È una cosa stupida. Mi dispiace, ma per tutti quelli che oggi venendo qua si sono fermati a fare benzina e hanno… mi dispiace! Perché? Voi desiderate e sperate. Quando giocate alla lotteria siete in piena coscienza di massa e vi mettete a gareggiare con tutti gli altri che sono degli idioti del tutto disperati che cercano di vinc…è vero! Mi dispiace. Si ritrovano così fuori…non loro - loro (guarda nella telecamera) - diventano così…non tutti voi. Due di voi si sono offesi quando l’ho detto. 
LINDA: Più di due.

ADAMUS: Ma è vero! Diciamo… dico che stiamo aumentando la chiarezza, stiamo alzando la temperatura. Quando vedremo il makyo ve lo diremo.

Dov’ero rimasto? Ah, la lotteria. Cretinate. Alla vostra anima, alla vostra saggezza non importa nulla perché in realtà ha un gran bel progetto; sa perfettamente che con tre milioni di dollari vi autodistruggerete - proprio così, vi autodistruggerete. Non farete altro che intensificare qualsiasi tipo di nutrimento che stanno già facendo su di voi. Pensate che si stiano nutrendo di voi ora? Non avete ancora visto questi polipi che vi gettano addosso i loro tentacoli finché non avrete tre milioni di dollari e poi vi domanderete se sapete che cosa farne e vi ritroverete a fare i peggiori investimenti di tutto il mondo.

SHAUMBRA 1 (donna): Per divertimento.

ADAMUS: Ma il divertimento…

SHAUMBRA 1: Per divertimento!

ADAMUS: È divertente per circa un anno.

SHAUMBRA 1: Io continuo a rovinarmi le vite, posso viverne ancora un paio!

ADAMUS: (ridacchia) Ancora un paio e basta! Poi farete gli investimenti peggiori perché inserirete il vostro denaro in uno schema, pensando di essere incredibilmente brillanti su dove investirete?

Dove dovreste investire? (qualcuno risponde “Su te stesso”) Su di voi. Grazie e quello di certo è l’ultimo posto in cui investirete i vostri soldi, quindi acquisterete qualcosa di ridicolo, ma in realtà va bene; auto sportive, qualcosa del genere perché, in effetti, non vi amate, quindi con le auto sportive avrete un bell’incidente, la vostra casa andrà in fumo per via di un incendio - e anche tutto il resto.  A quel punto non vi ritroverete con tre milioni di dollari, ma avrete dei debiti e dovrete presentare istanza per bancarotta e a quel punto con chi ve la prenderete? (il pubblico risponde “Con te”) Con me! (risate) Ma certo - con me! E mi direte “Io…”

Lo facciamo ogni notte nei vostri sogni. Ogni notte facciamo queste discussioni, queste… beh, definiamole discussioni. Vi arrabbierete con me e direte, “Perché non me l’hai detto? Tu dovresti essere un profeta.” Ho l’aspetto di un profeta?! (risate) Ehhh…no, non sono un profeta! 
Farò una profezia per l’anno prossimo - tutti fanno profezie in questo periodo - ecco una profezia profonda per il prossimo anno, per il 2012 perché intorno a quest’anno c’è un’enorme agitazione.  Allungatevi e prendete un po’ di quell’energia, perché là fuori ce n’è davvero moltissima: è l’energia del caos, è l’energia pazzoide, ma ce n’è molta. Respiratela dentro di voi, allungatevi, afferratene un po’ e portatela nella vostra vita per qualcosa che volete fare. Portatela dentro per voi e non per vincere la lotteria, ma solo per… non preoccupatevi della lotteria; l’energia sarà presente. Raggiungetela e prendetevene un po’, perché là fuori ce n’è davvero tanta.

La profezia per l’anno prossimo - vi garantisco al 100% che si avvererà - è che le cose cambieranno. (risate) Non avete bisogno di leggere questo (si riferisce alla rivista di Sedona) - lo tengo io. (si rivolge a Linda) Non avete bisogno di leggere questo o qualsiasi altra cosa e neppure ascoltare ciò che dico - sto parlando con tutti - l’anno prossimo le cose cambieranno. Voi dite, “Quali cambiamenti? Mi dici che cosa avverrà?” (Adamus sospira) Lindsay Lohan tornerà in riabilitazione (risate) e Kim Kardashian si fidanzerà con una ragazza - sì, e andrà avanti così. Chi se ne frega?

L’anno prossimo le cose cambieranno, s’intensificheranno e si faranno più caotiche e anche molto più grandi. Diventeranno… sarà un anno davvero impegnativo per molte delle persone che sono davvero bloccate - le persone che sono bloccate - perché le energie in entrata nel 2012 sono le energie del cambiamento. È stato profetizzato molto tempo fa - questo si definisce l’anno del cambiamento.

Il cambiamento non è male, il cambiamento può essere fantastico. Voi cambiate abito ogni giorno e questa è una cosa buona. Il cambiamento non è per niente negativo. (Adamus ride) Oh, pensavo che fosse divertente, forse per loro non lo è.

Torniamo al punto - la vostra prossima vita. E se la vostra prossima vita non fosse del tutto fisica? E se poteste venire qua ogni volta che lo volete? Non dovreste passare attraverso la nascita. Potreste seguire l’esempio di Tobias, quindi evitare di ripassare dalla nascita. E se non abitaste neppure qui? E se faceste come faccio io? A volte mi aggrego a un cane - un cane vero, non un… a volte mi danno un passaggio; raramente lo faccio con un uccello, mai con i pesci - o per un paio di giorni manifesterò l’illusione di un essere umano fisico. Un paio di giorni è tutto ciò che riesco a tollerare, poi cominciano a venirmi mal di testa e nausea e mi rendo conto che, “Oh, mi sto comportando proprio da umano” - quindi lascio evaporare quell’illusione.

E se poteste farlo anche voi? Essere qui quando lo volete; in simultanea, nello stesso preciso momento essere sulla Nuova Terra a scorrazzare nei boschi o a nuotare con i delfini. Perché no? Ci sono dei gran bei delfini sulla Nuova Terra - ce li avete messi voi. Galleggiare sulle nuvole, avete sempre voluto farlo e sulla Nuova Terra potreste farlo o anche solo galleggiare con una nuvola. “Oh, se a casa potessero vedermi. Wow! Galleggiare e basta, galleggiare.” (il pubblico ride quando Adamus finge di galleggiare nell’aria)

E se andaste a creare il vostro piccolo universo personale? Non deve essere per forza enorme, non deve essere grande quanto questo - lo create e basta. E se nella vostra prossima vita poteste fare tutte quelle cose - in simultanea? E se non rimaneste mai bloccati con niente? E se nella prossima vita non ci fosse né la parola né la sensazione e neppure la consapevolezza del dubbio? E se il dubbio non fosse neppure presente nella vostra consapevolezza?

Se una persona viene da voi e vi dice, ”Oh, io dubito di questo” e voi dite, “Non so di cosa stai parlando, non ho mai sentito la parola dubbio” lei cercherebbe di spiegarvelo. “Continuo a non capire cosa intendi dire. Il dubbio mi è totalmente estraneo.” Se questa fosse la vostra prossima vita? Come la volete.

Qui la vita non offre alcune cose incredibili, davvero incredibili? (il pubblico risponde “Sì”) Le buone giornate non sono davvero buone? (il pubblico di nuovo dice “Sì”) e le giornate cattive… sono davvero buone, sì, sì. Non è fantastico poter… (bacia Linda) il solo fatto di toccare un altro umano o di toccarvi? Fate una passeggiata nei boschi. Quando di recente abbiamo parlato con Shaumbra ho chiesto loro, “Bene, che cosa amate fare?” È stato semplice e bellissimo perché ho ricevuto questa risposta, “Camminare nel bosco con il mio cavallo e il mio cane.” Anche cucinare, è stato davvero bello. Non so che cosa ci fosse in quel gruppo, ma tutti volevano cucinare. Cucinare vi eccita?

LINDA: Mm hmm. (alcuni dicono “No” e altri dicono “Sì”) 
ADAMUS: Dovrebbe eccitarvi, dovrebbe proprio eccitarvi perché è sensuale - è sensuale. Prima di tutto, arrivate a… in ogni esperienza sensuale dovete odorare, vedere e ascoltare e solo dopo mangiate e poi dovete eliminare tutto. Che esperienza essere un umano!

Shaumbra, vi dico tutto questo perché l’anno prossimo sarà un anno di cambiamenti - ma cambiamenti benvenuti, assolutamente benvenuti per voi - per voi. Forse non per molti altri che sono legati ancora un po’ troppo stretti, che sono ancora un po’ troppo mentali, che vivono in un’energia vecchia che è ancora molto limitativa, che cercano ancora di capire. Voi arrivate qui e dite solo, “Sì, sono illuminato. Sono illuminato perché l’ho scelto.” Ecco, l’anno prossimo per voi ci saranno energie incredibili. Respiratele dentro di voi.

Non restate intrappolati nel dramma, nelle notizie a grandi lettere, nella cospirazione, perché quest’anno più che mai sentirete parlare di cospirazioni - tutto sarà una cospirazione. In un certo senso è così, ma è una cospirazione assolutamente idiota. Come ho detto prima, le persone che sono a capo dei governi, mi spiace dirlo, non sono abbastanza brillanti da mettere in piedi una buona cospirazione per impossessarsi del mondo. Prima di tutto, perché dovrebbero volerlo? Perché mai dovrebbero volerlo? Che cosa otterrebbero assumendo il controllo del mondo? Il mondo è in bancarotta, è pieno di malattie e ci sono un mucchio di guerre, gente che muore di fame e idioti completi. Là fuori c’è molto di tutto ciò.

Ecco, sentirete parlare moltissimo di cospirazioni. Oh, li sentirete parlare anche di me. Io li amo, li amo proprio ed è solo energia. Li sentirete parlare di Shaumbra - Shaumbra. Sapete che proprio in questo momento qualcuno - io so che ci sei (guarda dritto nella telecamera) - ci osserva e prende appunti su questo gruppo e su ciò che fa, poi estrae una parte di ciò che diciamo qui, lo pubblica su Internet e tutti ne parlano… tutti parlano di tutti i segreti che avvengono qui. Ehi! Quanto segreto può essere (la telecamera fa una panoramica) qualcosa che si fa su Internet?!

Stiamo facendo una trasmissione! Non serve neppure una parola d’ordine, un codice per entrare: noi siamo qui, quindi per favore metti giù la penna perché questo non è nulla, (la telecamera torna sul pubblico) non è altro che un gruppo di umani assolutamente illuminati, pieni d’amore e molto spirituali. Questa si può definire una cospirazione? Io la definisco la cosa più grande sulla Terra, quindi… (il pubblico applaude) mi restano cinque minuti per il mio prossimo tema prima di passare alle domande. Stanno arrivando le domande?

LINDA: Oh sì, oh sì.

ADAMUS: Hai qualche commento?  
LINDA: No, solo molte domande. Devi aiutarmi, sai, vuoi vere e proprie domande personali o vuoi quelle con una prospettiva più ampia? C’è una grande varietà tra cui scegliere.

ADAMUS: Mi piacciono le domande personali, sono sempre ottime e poi non importa. Non c’è una mail da This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.?">This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.? (risate) “Vaffanculo, Adamus! Vaffanculo!” (Adamus ridacchia e il pubblico ride)

Oh, cari Shaumbra, mi sono divertito moltissimo a Francoforte. Voi c’eravate, in un modo o nell’altro. Abbiamo celebrato la vita come solo voi riuscite a fare - lo dico seriamente. Quest’altro gruppo che mi voleva… voi non cercate un guru, non cercate tutta una serie di strutture perché siete antistruttura - il che è un’ottima cosa, perché così potete davvero muovervi. L’anno prossimo noi ci eleveremo, noi ci… noi, voi l’anno prossimo vi porterete a un nuovo livello.

Ecco il punto successivo, molto importante. (si rivolge a Linda) Ti spiacerebbe scrivere o sei occupata con il computer?

LINDA: No, no, stavo leggendo con attenzione.

ADAMUS: Bene. Il prossimo punto, molto importante per l’anno prossimo.

LINDA: Ok.                  

Il 2012                    

ADAMUS: Ok. Quest’anno è stato l’anno del riordinare. Abbiamo iniziato presto quest’anno con il nostro messaggio, la nostra discussione sul Ri-Ordinare. (altre informazioni qui su “Ri-Ordinate la Vostra Realtà”)          
LINDA: Signore? Possiamo dire ancora una volta che se volete inviare una domanda fatelo a:
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it..          
ADAMUS: Ho capito, bene. Quest’anno abbiamo parlato di ri-ordinare. Ri-ordinare significa che modificate come vi concentrate o vi focalizzate sulle cose esterne che vi circondano - la gravità, la polarità, la dualità, le forze elettromagnetiche e quelle magnetiche - tra i primi la luce e l’energia. Voi siete collegati a tutte queste cose - avete fatto la scelta di collegarvi a loro - perché le connessioni con quegli elementi primari vi permettono di fare un’esperienza nella realtà fisica. Queste cose vi hanno mantenuto in una specie di ologramma, vi hanno mantenuti focalizzati ma vi hanno anche limitato - faceva parte del progetto della vita.

L’anno che sta per finire ha avuto come fulcro dirvi che vi sareste permessi di riorientarvi in queste nuove situazioni. Perché? Perché sarebbero cambiate in ogni caso. Perché? Perché la vostra coscienza sta cambiando. In fondo si trattava di permettervi di riadattarvi alle forze magnetiche, alla gravità, all’energia, alla luce, alla Terra all’aria, all’acqua - a tutte queste cose.                             
In fondo ha influenzato il vostro DNA. Il DNA non è più dove si trovava un anno fa. Parecchi anni fa Tobias ha chiesto a qualcuno di fare da cavia, di andare a farsi testare il DNA e ripetere il test dopo dieci anni. Per sfortuna non credo che qualcuno l’abbia fatto ma se fosse così, se persino un anno fa aveste fatto testare il vostro DNA e oggi ripeteste il test sarebbe diverso, eccome. Sarebbe diverso da come’è oggi. Sta accadendo - non a tutti, non a molti umani - ma sta accadendo perché lo state permettendo.

Nel processo del ri-ordinare, cambiate come vi focalizzate o come vi adeguate alle cose. E’ come prendere un raggio di luce e modificarne la concentrazione - l’intensità, la quantità di energia necessaria a guidare quella luce, dove la luce colpisce e quanto in grande lo fa. Ecco, avete modificato il vostro fuoco o il vostro orientamento.

Voi l’avete fatto davvero con una quantità minima di ciò che definireste effetti collaterali - ammalarvi, impazzire, vedere le cose che avvengono al vostro corpo, eruzioni cutanee e altri disturbi. Molti di voi sono andati dal medico con il vecchio biglietto, “Che cosa c’è di sbagliato in me?” e il medico ha detto, “Non riesco a trovare nulla, non riesco proprio a trovare nulla” o ha pensato, “gli prescriverò qualcosa. Ecco una ricetta per qui (la testa).”  (Adamus ride alla sua battuta) Pensavo che fosse una buona battuta. “A livello fisico non c’è niente che non vada.”         
Avete affrontato molti cambiamenti, li avete attraversati con grande eleganza; l’anno prossimo passeremo al prossimo livello. Voi avete ancora quelle che io definisco le ancore della realtà - babuuum - le ancore della realtà che vengono dall’interno, non dall’esterno. L’anno scorso si è trattato dall’esterno, ma queste sono le ancore della vostra realtà.

Le Ancore della Realtà   

Voi avete decine, migliaia - chi lo sa, milioni - di ancore della realtà. I vostri cinque sensi sono una parte importante dell’ancora della realtà. Avete un certo modo di considerare le cose, di sentirle, di odorarle, di toccarle e di gustarle. Queste sono tutte ancore che vi mettete - ora farò un disegno, grazie. Queste sono tutte… grazie, grazie. (disegna una figura umana circondata da “punti di ancoraggio”) Ecco, per voi questi sono tutti modi per ancorarvi alla vostra realtà, a voi - è ciò che vi mantiene in quella che definite concentrazione, in una dimensione. Vi permette di restare più o meno qui (disegna un cerchio intorno alla figura) con un leggero movimento avanti e indietro. Io sono a posto, cara Linda.

Queste ancore della realtà sono come disponete i mobili nella vostra stanza - non è Feng Shui, è un’ancora della realtà. Li disponete voi o qualcuno lo fa per voi; ci pensate ogni giorno, esiste un determinato modello o organizzazione per tutte queste cose. Mentre costruite il nuovo luogo dite: “Beh, mettiamo la sedia qui e la libreria la.” Queste diventano ancore della realtà.

Sebbene sembrino irrilevanti non lo sono affatto, perché se qualcuno entra in casa vostra e sposta quella sedia di cinque centimetri, voi potreste accorgervene all’istante con gli occhi o nella vostra mente, quindi in quella stanza ci sarebbe un senso di disagio. “Che cosa c’è che non va in questa stanza? Ho bisogno di fumigare con la salvia o chiamare un esperto di Feng Shui.” No - è che hanno spostato un po’ la vostra ancora.

Vi ancorate con cose come la vostra automobile, la vostra auto. A volte siete tristi quando rinunciate a una vecchia auto e ne prendete una nuova, perché per voi era un’ancora. Nella vostra vita, quanto in fretta vi adattate alla nuova ancora?

Le vostre emozioni sono un’enorme ancora della realtà. Le vostre emozioni - la vostra rabbia, la vostra felicità, la vostra risata, i vostri squilibri. I vostri squilibri, che ci crediate o meno, anche se suonano come squilibri sono molto equilibrati, perché vi siete ancorati proprio dove li avete messi. Le vostre emozioni sbilanciate non vacillano né ondeggiano come tutto ciò che definite sbilanciato - sono molto bloccate. Sono i pilastri che definite squilibrio eppure ci sono, sono ancore.

Le vostre esperienze di vite precedenti sono ancore. La scuola che avete frequentato, gli insegnanti - sono tutti modi per restare in quella percezione della realtà.

Agli umani non piace affatto muovere quelle ancore ma, cari Shaumbra, che cosa pensano i pirati delle ancore presenti sulle loro navi? (qualcuno dice “Arrgh”) Arrgh. “Le ancore sono per le femminucce,” direbbe un buon pirata. “Le ancore sono per quelli che non vogliono andare da nessuna parte,” direbbe un buon pirata.

Ecco, l’anno prossimo girerà intorno al liberarvi delle ancore della realtà. Invece di sostituirle con… grazie, (si fa consegnare il pennarello da Linda) invece di sostituirle con altre ancore, (disegna un’ancora) con qualcosa che non farà altro che tenervi giù, sostituitele con un sensore. Pensateci in termini di computer digitali o cose del genere - un meccanismo sensoriale, potreste quasi dire che si tratta di un braccio sensoriale che esce ma cambia di continuo. Un’ancora affonda nella Terra e vi tiene lì per tutta la vita, mentre tutto cerca di cambiare - le acque, il vento e tutto il resto.

In effetti, per voi questi sensori - i sensori della realtà - funzioneranno come sonde per percepire l’ambiente, la vostra situazione e la vostra realtà. Vi forniranno dei riscontri ma non attraverso questa (la testa); avverrà qui (nel corpo) avrete dei riscontri sensoriali, dei riscontri a livello dei sensi riguardo ai diversi potenziali.

I vostri sensori della realtà sostituiranno gli occhi in molti modi diversi. Sostituiranno gli occhi e alcuni degli altri sensi fisici o, per meglio dire, si aggiungeranno a essi. Percepiranno cose diverse che potrebbero attrarvi - le esperienze. Vi metteranno anche sull’avviso, vi avvertiranno di certe cose in cui non vorrete imbattervi. I sensori della vostra realtà verranno co-gestiti da voi e dalla vostra saggezza - da voi e dalla vostra anima. In questo momento sta entrando la saggezza che vuole giocare, che vuole fare qualcosa e sarà parte integrante nel creare questi sensori della realtà.

Uno dei simboli più importanti di cui vi accorgerete nell’anno che sta per arrivare sarà la vostra mano - perché sarà il simbolo che vi ricorderà i sensori della realtà. Comincerete a sentire nelle vostre mani alcune deliziose e meravigliose sensazioni di calore e un formicolio piacevole, un formicolio positivo - non una sensazione d’intorpidimento, ma un prurito positivo. Non sono questi i sensori della realtà, ma ve lo ricorderanno di continuo. Stiamo alzando le ancore, le ancore della realtà.            
Ci sono ancore della realtà persino nei potenziali, nel domani. Voi le avete buttate là fuori, ce le avete piantate dicendo, “Questo è il potenziale di cui faremo esperienza.” Ppffuii! Fatele saltare in aria. L’anno prossimo - e da quel punto in poi - sarà diverso, perché voi sceglievate i potenziali basandovi sul passato, basandovi su ciò che è accaduto finora.

Vi limitate pensando, per esempio. Quando vi dico, “Come sarà la vostra prossima vita?” voi rispondete, “Oh! Non di nuovo,” bene, ci restate attaccati. Buttate via quella’ancora; quell’ancora che era ‘il corpo fisico, i limiti, la merda degli altri’.  Ecco, le eliminate e al loro posto mandate fuori il sensore della vostra realtà e percepite come potrebbe essere la vita senza ancorarsi a cose come la scienza, la matematica o altro. In altre parole, riuscite a immaginarvi come potrebbe essere la vita? Potreste stare sulla Nuova Terra a spassarvela su una nuvola? Potreste essere qui sulla Terra a tempo pieno, a part-time o proprio mai? Potrebbe essere qualsiasi cosa. Ecco, questi sensori escono ma le altre (le vecchie ancore) dovete iniziare a rilasciarle. È arrivato il momento di tirarle su, è arrivato il momento di alzare la vela nei cambiamenti che avverranno l’anno prossimo.

Per tutto l’anno prossimo parlerò ancora delle ancore della realtà. Vi ricorderò di quando le avete piantate; vi ricorderò che persino quando mi dite che non ci sono più, posso ancora vederle quando le nascondete nella stanza di dietro o nell’armadio. Perché? Perché sono comode, perché vi sono familiari, perché sapete che quando arriva una tempesta potete trovare un porto sicuro dove calare l’ancora.           
Cari Shaumbra, che cosa vi dicono quando sta arrivando un tornado e la vostra barca è all’ancora? Che cosa vi dicono di fare? Di buttare giù qualche altra ancora? No, di dirigervi verso la tempesta ed è proprio dove andremo l’anno prossimo - ci dirigeremo verso la tempesta.

Domande&Risposte

Detto questo, passiamo alle domande e risposte. Ora faremo un giochetto: Linda leggerà la domanda e tutti insieme sentiremo la risposta. Naturalmente io darò la risposta, ma tutti noi la percepiremo perché voi conoscete già la risposta. La persona che ha inviato la email conosce già la risposta e in ogni caso, sì, ne accetteremo qualcuna anche da questo gruppo, ma voglio che riconosciate tutti gli esseri meravigliosi che ci ascoltano online. So che là fuori vi sentite soli, ma non è così - voi siete proprio qui con noi. Ecco, liberatevi dell’ancora della vostra realtà che si trova nel vostro Internet o sul vostro computer; venite e unitevi a noi proprio qui.

LINDA: Ok. La maggior parte delle domande sono molto personali.

ADAMUS: Non importa.

LINDA: Non importa, ok.

ADAMUS: A caso, non importa.

LINDA: Ok.                  
ADAMUS: Non importa.

LINDA: Ok, a caso.

ADAMUS: Sì.              

DOMANDA 1: Cos’altro devo fare per guarire davvero e liberarmi della psoriasi che mi ritrovo sulle mani? Ho eliminato parecchi cibi e ciò mi ha aiutato, ma non sono mai guarito al 100%. Perché non riesco a liberarmene o a superare questa esperienza quando lo scelgo?

ADAMUS: Certo, bene. Ottima domanda, perché tutti voi avete un po’ di psoriasi o qualcosa d’altro, un piccolo disturbo. Per favore, parlate con il vostro problema fisico - parlateci. Che cosa cerca di dirvi quel disturbo? Vi risponderà, vi darà una risposta.

In generale, può essere una di molte cose. È un modo per liberarti di alcune energie molto tossiche che si sono immagazzinate nel tuo corpo ed è molto meglio avere una piccola psoriasi sulle mani che una malattia terminale mortale. Vero? (il pubblico dice “Vero) Vero. Ecco, una parte di questo disturbo è un modo per rilasciare.

A un certo punto dovete dire, “Che cosa sto ancora rilasciando e perché ci mette tutto questo tempo? Perché continuo a mantenere questo processo così lento? Perché non me ne libero tutto in una volta? Perché non dire semplicemente, “Sì, sono illuminato.” La psoriasi non riesce a sopportare troppo a lungo l’illuminazione, perché per lei non c’è posto.

L’altra cosa, come ho appena detto - le mani. Fanno parte di tutto ciò e per tutti voi, le vostre mani si faranno più intense. Potrete accorgervi persino di cambiamenti a livello delle unghie o di quanto sono calde. Parecchi di voi hanno mani fredde, non certo tu. (si rivolge a David) Mani calde, mani calde. Volevo solo stringerti la mano.

Molti di voi hanno le mani fredde, ma si scalderanno e vi chiederete perché sono così calde. C’è forse qualcosa che non va in voi? Avete bisogno di andare da un medico? No! È il sensore della vostra realtà che vi ricorda che è al lavoro, là fuori.

Soprattutto quando avete un’eruzione cutanea - o molti di voi che soffrono ancora di problemi di stomaco è perché, per dirla molto semplice, moltissimi di voi nella loro vita si portano ancora dietro i problemi legati al SES.* (SES si riferisce alla “Scuola di energie sessuali” in cui Tobias parla del virus dell’energia sessuale) In altre parole, permettete che le persone si nutrano di voi e recitate ancora il ruolo della vittima. Il vostro stomaco vi sta dicendo - lo stomaco è il luogo in cui si trova il virus dell’ SES - il vostro stomaco vi sta dicendo, “Amati. Amati.” Non potete combattere il virus dell’ SES, ma potete amarvi e i dolori allo stomaco passeranno.

Non esiste alcun dottore - forse c’è un medico, forse qualcuno in più - in questo momento sulla Terra ci sono pochissimi medici che sanno come fare la diagnosi a uno Shaumbra. Pochi, davvero pochissimi e (si rivolge a Linda) spero che questa sia un’ispirazione - nooooo, sarà un’ispirazione - per il tuo show con il Dr. Doug. Passiamo a… superiamo la parte medica e parliamo di ciò che sta accadendo davvero.

In questo momento il modo in cui i medici fanno una diagnosi è mentale e quindi molto limitato. Non è sbagliato; è limitato. Ciò che state affrontando ora è molto diverso da tutto ciò che è mai stato scritto in un testo medico. Allora, perché non usare questo show che già esiste…possiamo aprire un po’ la porta? State generando un mucchio di calore qui dentro; fa davvero caldo, e forse anche quella porta laggiù, solo per un attimo. (lo staff apre le porte)

Che grande piattaforma per…e verrò anch’io allo show, anche se Cauldre dice che non mi canalizzera più in diretta - è makyo. (risate) Verrò al tuo show e parleremo di come fare una diagnosi a uno Shaumbra. Ti va bene?

LINDA: Stai parlando di AstroDoc su awakeningzone.com, il primo mercoledì del mese? (entrambi ridacchiano)

ADAMUS: Sì, perché non lo dici a tutti?

LINDA: Presenta Douglas Davies - il Dott. Douglas Davies?
ADAMUS: Ma certo. Facciamo così - se tu e AstroDoc siete d’accordo - non parliamo più di cose mediche, parliamo di come fare una diagnosi a uno Shaumbra. Che cosa accade davvero? Che cosa accade davvero? Vedete, ora tutto ciò vi fornirà un servizio enorme.

Dunque, la psoriasi - fai un respiro profondo. Perché c’è? Perché è ancora irritata? Che cosa sta cercando di dirti? Io non voglio dirtelo; voglio che tu prenda in considerazione ciò che quel disturbo ti sta dicendo. Che cosa fa la psoriasi? Quali sono i sintomi? È secca, prude ed è irritata - ecco, usa questi elementi come una base per risolverla. C’è qualcosa nella tua vita che ti ha irritato, qualcosa che ha bisogno di attenzione - è secca. C’è bisogno di respirare. Respira nelle tue mani. Va bene? Bene.

Oh, qui dentro si gela! Per favore, chiudete quelle porte? (risate) Faccio finta di essere umano. No, lasciate aperta la porta dietro.  La prossima domanda e poi ne accetteremo una dal pubblico presente qui - il nostro meraviglioso pubblico in studio.

LINDA: Ok. Ora, questa email contiene il nome di qualcuno che tu non dovresti dire.             
DOMANDA 2: Durante gli ultimi mesi il tuo amico - inizia con la “R” - ha detto che la Romania, l’Ungheria, la Polonia e Parigi spariranno dal mondo in meno di due anni.

ADAMUS: Tch, tch, tch, tch.  
DOMANDA 2 (continua): Questo canalizzatore ha detto che quasi tutta Europa finirà completamente sott’acqua entro la fine del 2012. Come lo commenti? Tu ci dici di divertirci e Ra -… questo altro essere canalizzato ha detto che dovremo costruirci un bunker. Credo che tu ci debba dire la verità.

ADAMUS: Grazie. Ecco, ci saranno moltissimi messaggi di questo tipo - arriveranno e se ne andranno. E allora la cintura fotonica? Quanti di voi hanno speso dei soldi per prepararsi per la grande cintura fotonica circa dodici, quindici anni fa?

LINDA: Cauldre, puoi alzare la mano? (Linda ride insieme al pubblico)

ADAMUS: Perché là fuori c’è tutta questa merda? Perché le persone li leggono perché dentro c’è il dramma e poi segue la cospirazione e a quel punto possono dire, “Oh, mio Dio! La Polonia, la Russia e tutto il resto verranno cancellati del tutto dalla mappa.”

Dunque, ogni tanto la storia è una cosa buona perché vi dice che queste cose non succedono - davvero. La cosa più triste è che qualcuno dovrebbe assumersi la responsabilità di dire cose del genere e mi riferisco anche a qualcuno di quel gruppo. Loro le dicono perché gli umani ci credono - si bevono tutto. Ne restano affascinati e quindi pagano dei gran soldi. Questa è un’ottima ragione perché qualcuno che è molto meno che autentico continui a farlo ed è difficile prendersela con lui, perché bisognerebbe prendersela con quelli che sono seduti davanti a lui e che gli danno tutti questi soldi.

Su questo pianeta i cambiamenti avverranno. Per chiunque abbia un po’ d’illuminazione sarà in assoluto il momento più grande per vivere, per amare, per creare, per dare inizio a un’attività, per godersi la vita, per farsi un bicchiere di vino mentre il resto del mondo si preoccupa di cose ridicole come tutti questi paesi che potrebbero essere spazzati via dalla faccia delle mappe geografiche. È vero, tutto ciò sottrae gioia alla vostra vita. In realtà si potrebbe dire che le persone che fanno queste cose sono state infettate in modo grave dal virus dell’SES. Non posso neppure affermare che lo stanno facendo in modo deliberato; ci sono intrappolati dentro. Pensano di canalizzare - lo fanno, ma canalizzano della gran merda. (risate) No, volevo dire makyo. È così - canalizzano qualcosa, ma che cos’è?

Solo perché qualcuno canalizza, non significa che sia roba buona e solo per il fatto che mi trovo qua in piedi davanti a voi non significa che io abbia ragione. Significa solo che sono qui e spero di ispirarvi, ogni tanto spero di farvi incazzare un po’ - so che molti di voi hanno detto, “Accidenti ad Adamus!” ma spero di aver allentato un po’ quell’ancora della vecchia realtà - spero di farvi ridere, spero di ricordarvi che voi siete Dio. Nessun altro. Voi siete anche Dio - il vostro Dio personale, il vostro essere sovrano individuale. Ecco…  

LINDA: Ci sono domande a caso. Qui ne ho una buona.      
ADAMUS: Bene.          
DOMANDA 3: Come riconosco la differenza tra “Non è tuo” e “ L’ho progettato io per me?”           
ADAMUS: Questa è una bella domanda.

LINDA: E’ una bella domanda.

ADAMUS: E’ una bella domanda e la risposta è? Ciò che scegliete - ciò che scegliete. Non importa, una qualsiasi di queste cose ma poi arrivate a un punto in cui ve ne rendete conto.

Quest’anno ci concentreremo sul progetto conscio. Molto di questo progetto sembra che accada in modo inconscio ma in realtà non è così; ciò che sta accadendo è che la vostra saggezza ogni tanto dice, “Ricordati…ricordati che sarai bloccato come un bambino di sette anni con la bicicletta più veloce.” La vostra saggezza ha… bene, ecco perché è la vostra saggezza, perché è saggia e quindi dice, “Continuiamo e procediamo oltre.”                             
La saggezza - io la vedo come una specie di bella essenza color miele dorato che sgocciola nella vostra vita - e mentre entra…anzi, sta entrando. In realtà è già qui; siete voi che dovete aprire gli occhi. Mentre entra vi renderete conto che - oh, i numeri possono variare - ma direi che circa il 90% di tutto ciò che credete di voi non è vostro. Riguarda le altre persone, la coscienza di massa, gli aspetti, le vite precedenti e tutto il resto. Non è vostro - solo il 10% lo è. E ciò che scegliete, anche se il pensiero che vi attraversa la testa in questo momento è che non è vostro finché non lo scegliete davvero.

Per sfortuna, in fondo state operando con una modalità da pilota automatico. “Beh, deve essere tutto mio,” quindi scegliete in modo automatico che tutto sia vostro. Noi avremo un maggiore discernimento, saremo più concentrati e diciamocelo, in realtà quei pensieri non sono davvero vostri. Quei pensieri folli - non sono vostri, persino se vengono dal vostro cervello. Persino se venissero dal vostro cervello non sarebbero vostri finché voi, l’essere sovrano, non li sceglie e dice, “Questo mi piace. Mi piace questa sensazione, quel pensiero - è mio.” A quel punto tutte queste altre follie iniziano ad andarsene perché non ricevono attenzione o energia; cominciano ad andarsene e quindi diventate molto più consapevoli di essere un Progettista della Vita conscio, molto consapevoli di essere un membro attivo dell’ASID. Bene, grazie. La prossima.            
LINDA: La prossima.


DOMANDA 4: Perché diavolo non mi permetto di trovare un uomo da poter amare e che mi ami?!
Amore e molti apprezzamenti per ciò che fai.

ADAMUS: Io ti amo. (risate) Il tuo desiderio si è appena avverato! Ora, tu non hai detto che volevi che dormissi con te, hai detto solo di voler trovare un uomo che ti ama. Io ti amo. (risate)

LINDA: Facile.

ADAMUS: E smettila di mandare domande come questa, Linda.     

DOMANDA 5: Saresti disposto…

LINDA: Ora smettila. (lei tira fuori la lingua a lui e lui le fa vedere la sua bocca piena di cibo) Ohhh! Che brutto!

ADAMUS: Erano broccoli. Non sono brutti.

LINDA: Se lo fotografassero così, per Cauldre sarebbe l’incubo peggiore.

ADAMUS: Lui è da qualche altra parte.

LINDA: Oh, bene.

ADAMUS: Credo che sia in Australia. Come ci è arrivato? (altre risate) Presto, il tempo passa.

DOMANDA 5 (continua): Saresti disposto a parlarci un po’ della protesta e delle sommosse degli umani che sta avvenendo ultimamente nel mondo? Mi sembra che sempre più umani comincino a svegliarsi e a usare il nutrimento energetico su larga scala così come lo squilibrio che va avanti da vite e vite.                   
ADAMUS: Perché mi fai una domanda e poi mi dai la risposta? Io non capisco. Sai, è una di quelle cose di cui dobbiamo discutere sulla Nuova Terra. Perché gli umani fanno una domanda - qual è la prima parte?

LINDA: Io sono già passata alla domanda successiva.

ADAMUS: No, no. Ok, la prima parte era, “Saresti disponibile a parlare di queste sommosse?” Io stavo per dire sì. Vuoi che lo faccia ora o più avanti? (il pubblico risponde “Ora”) Sì, ma poi ha dato una risposta alla sua domanda. Molto interessante. Gli umani - credo che l’abbia detto Kuthumi - questi esseri sciocchi, davvero sciocchi. Non ha alcun senso.  Le sommosse - ora è proprio ovvio, tutto deve venire in superficie. Il 1012 sarà l’anno in cui le cose affiorano. Non sarà la fine del mondo, ma le cose cominceranno ad affiorare e verranno spinte e forzate ad affiorare.

In tutto il mondo c’è un malcontento - e ci deve essere. Deve cadere ogni muro che reprime gli angeli umani, sia essa una chiesa o una scuola, gli affari o qualsiasi altra cosa. Non deve essere violento, in realtà può accadere con grande facilità con ciò che definireste amore o compassione piuttosto che con tutta questa rabbia, ma gli umani stanno usando dei metodi davvero crudeli che si definiscono ‘i mezzi di comunicazione’. È tutto qui, sono i media. (qualcuno ride) No, questo è tutto - non è per nulla divertente, ma è tutto qui: sono solo i mezzi di comunicazione.  Si tratta di manipolazione da parte dei mezzi di comunicazione che manipolano gli umani ma va bene così, perché comunque sottolineano alcuni dei difetti dei vecchi sistemi - i sistemi finanziari e i sistemi di governo. È interessante, perché sui giornali vi ritroverete a leggere sempre più queste notizie legate al dramma - oh, diciamo che forse potrebbe esserci un famoso allenatore sportivo che con una grande storia viene colto in flagrante, in piena flagranza.

Il potenziale della coscienza che è stato scelto da un gruppo saggio di umani sta arrivando sulla Terra e non tollererà più queste menzogne come non tollererà più i secondi fini.  Ora, ciò che vedrete - è molto interessante - restate dietro il muretto.  Tra i messaggi di Tobias è quello che preferisco: quest’anno restate dietro al muretto e osservate ciò che accade, perché ora ci sono questi gruppi di Occupazione che sono partiti con una buona intenzione. Sentono la necessità di cambiare, le cose devono affiorare e poi che cosa succede? Presumiamo che il loro intento puro sia reale, ma di colpo entra quel SES (il virus dell’energia sessuale) insieme alle altre energie - i rettiliani e tutti gli altri - entra e comincia a usare queste persone.

In realtà all’interno di questi movimenti di Occupazione, dentro di loro - se solo poteste passare un po’ di tempo con loro - avvengono più stupri di quelli che in questo periodo avvengono nella società. C’è più furto energetico, ci sono più droghe e quindi c’è più abuso. Loro se la prendono con la polizia, con i cattivi genitori o con chiunque altro, ma in realtà… diciamo che hanno iniziato con un intento puro, ma poi entra quest’energia e i membri non sono abbastanza consapevoli o illuminati da sapere che cosa sta avvenendo e quindi, di colpo, quella causa vera e pura che hanno iniziato s’infetta e poi le cose diventano davvero orribili e quindi c’è la violenza.

Voi potete creare un potenziale diverso, ma solo loro possono sceglierlo. Ecco, bene, grazie.

DOMANDA 6: Quest’anno sarò più in contatto con persone più illuminate?

ADAMUS: Quest’anno non ci saranno altre persone illuminate, mi dispiace. (risate) Abbiamo raggiunto la nostra quota, è la nostra quota per quest’anno, quindi trovati quello che puoi. (risate) Vuoi essere in contatto con più persone illuminate? (il pubblico dice “Sì”!) Allora sceglilo e accadrà, accadrà. Sì.

DOMANDA 7 (da Tiffany): Ho una domanda.            
ADAMUS: Microfono, per favore         
TIFFANY: Parlavi della prossima vita…

ADAMUS: Sì.              
TIFFANY: …di giocare sulle nuvole della Nuova Terra e divertirsi…

ADAMUS: Sì, sì, sì.

TIFFANY: …e poi riuscire a fare tutte quelle cose.

ADAMUS: Giusto.     
TIFFANY: Ciò che mi chiedo è: possiamo farlo in questa vita?

ADAMUS: (sospira) Oh!          
TIFFANY: Perché io voglio farlo ora.

ADAMUS: Hai rovinato del tutto la mia affermazione di chiusura (risate) e con mezz’ora di anticipo. Ora, come credi che mi faccia sentire tutto ciò?! Io ero un’altezza reale, io sono asceso. In un certo senso sono molto famoso in tutti i circoli angelici e tu ti prendi tutto il merito?

TIFFANY: Io sono illuminata.

ADAMUS: Tu sei illuminata. Grazie. (Adamus ridacchia e il pubblico applaude) Grazie.

Certo, è proprio così. Siamo appena tornati indietro nel tempo. Facciamo finta che manchino tre minuti alle cinque e siamo appena tornati indietro nel tempo, quindi ora farò la mia affermazione conclusiva. Oh … ecco, mi hai sbarellato ma sì, certo. Perché aspettare... (risate)

Perché aspettare fino alla vostra prossima vita? Oh, questa è la risposta migliore, perché non cominciate proprio ora la vostra prossima vita? Proprio ora! (alcuni applaudono) Perché no? Non elencatemi tutte le ragioni scientifiche per cui non potete - voi potete liberarvi di tutti vecchi punti di ancoraggio, cari pirati. Liberatevene ora e cominciate la vostra prossima vita, ma certo.

Dopo aver detto tutto ciò permettetelo, perché un mucchio di cose cominceranno a modificarsi e a cambiare e io non sto parlando di limiti, ma abbiate un po’ di pazienza perché vi trovate un sistema fisico che è stato progettato molto tempo fa e intorno a voi c’è ancora molta coscienza di massa. Ci vorrà un po’ ma in effetti in questo momento è già al lavoro, perché voi siete simultaneamente anche sulla Nuova Terra. Proprio in questo momento mentre siete seduti qui e mi sorridete sapendo cosa mi avete fatto, state facendo circa sedici sogni diversi. In un certo senso state cercando nei potenziali.

Stanno accadendo molte cose. In questo momento la domanda è: quanto tempo ci vorrà per il cambiamento nella coscienza o per l’apertura della consapevolezza che vi permette di sapere che queste cose stanno avvenendo? L’equazione, la scriverò il prossimo mese se Linda me lo ricorda, è qualcosa che ha l’effetto di… è una formula o una proporzione tra il dubbio e l’espansione, una specie di formula come quella di Einstein, con cui ho collaborato (alcuni ridono) ma è molto simile. Avremo una formula che vi fa passare dal dubbio alla realtà e ne parleremo.

Detto questo, ecco la fine del nostro discorso, Feliz Navidad e a presto. No! Noi procederemo all’indietro nel tempo. Ok, ecco ora non siamo alla fine ma siamo più o meno a metà.  Io mi sono liberato delle mie ancore, quindi non devo fare un’affermazione conclusiva.

LINDA: Ok. Un’altra domanda?

ADAMUS: Qui e poi torniamo da Edith.        
LINDA: Ok.                  

DOMANDA 8: Adamus, perché non ci parli degli UFOs? In passato hai detto che ce ne avresti parlato.

ADAMUS: Perché non mi piacciono! (risate) Perché mi fanno venire la nausea e poi è Cauldre che vomita, non io. (risate) Tobias ne ha parlato e ha detto che - lo scriverò qui - ha detto che gli alieni sono una bugia.  (scrive A LIE = una bugia ) Alien= a lie = una bugia. Beh, a quel tempo non lo ascoltavate. Sono una bugia, fanno parte di questo grande ed enorme teoria per cui “gli umani sono dei perditempo.”        

Il fatto di credere che nel cosmo esistano questi grandi esseri intelligenti, cosa che non è vera, vi porta a negare la vostra presenza qui. Voi arrivate a pensare che qualcuno arriverà e vi salverà oppure prima v’inserirà le sonde anali e poi vi salverà. (risate) È una forma di rifiuto e in ogni caso non fa nessuna differenza, perché gli alieni sono irrilevanti. Gli esseri che vengono dalle altre dimensioni esistono e in generale non hanno neanche una natura fisica. Liberatevi di quest’idea, perché gli alieni non hanno un fisico; sono una specie di… hanno un tipo di essenza diversa, ma non hanno un corpo fisico.

Quelli che se ne vanno in giro e finiscono qui per errore, odiano tutto di qui. Odiano questo luogo e le storie raggiungono il resto dell’universo, della creazione e tutte parlano di quanto la Terra sia terribile perché è densa e gli alieni non sono abituati a corpi densi. Sulla Terra c’è una gravità energetica; non solo la gravità fisica della Terra, ma una gravità della coscienza che risucchia dentro le persone o gli esseri, gli alieni - li risucchia dentro. Vengono risucchiati qui e poi si dimenticano di essere alieni e cominciano a pensare di essere umani. Poi nascono dai genitori, sapete, fanno le loro cose e si beccano un corpo fisico e poi si trovano nella stessa barca in cui vi trovate voi, ma loro si trovano a poppa della barca. Vivono molte vite e poi un giorno hanno un incidente di macchina, perdono i sensi e poi si svegliano e dicono, “Non dovrei essere qui. Io sono un alieno! Io vengo da un altro luogo! Che diavolo sto facendo qui?!” e subito dopo iniziano a farsi fare delle letture o vanno dai medium o altro e i medium restano intrappolati in tutto quel dramma - sapete, le razze aliene.

Oh, a proposito, vi suona come la vostra storia? È proprio così! Voi siete gli alieni!! (risate) Voi siete gli UFOs! Voi non appartenete a questo luogo!  Voi ci siete rimasti bloccati. Oggi mi sto divertendo troppo con voi. Cauldre mi sta chiedendo - è esattamente ciò che dice - di darmi una calmata, ma perché? Perché? No, no.          
LINDA: La prossima domanda?          
ADAMUS: No, io ho chiuso con gli alieni. (alcuni ridono) Ci sono alcune forze vitali che sono molto, molto interessate alla Terra; non sono stupidi, però e infatti ci osservano da una certa distanza e nel caso inviano delle sonde - inviano delle sonde.

LINDA: Allora è vero? South Park aveva ragione?

ADAMUS: Sì, ma quello è un tipo di sonda diversa. Loro inviano l’energia che voi definite raggi o onde e a volte li percepite come piccole navicelle metalliche con luci che si muovono in cerchio. Nella maggior parte dei casi non sono fisiche, ma quella è la vostra ancora perché voi dovete renderla fisica per cercare di capirla, quindi i vostri occhi la vedono come una navicella metallica che galleggia in aria.

Loro hanno superato da tempo l’idea di inviare navicelle metalliche perché sarebbe una perdita di buon metallo, quindi ora usano queste speciali sonde di luce. Gli alieni non sono più avanzati di noi; tecnicamente potremmo dire che lo sono, hanno alcune cose che voi non avete e comunque non sono più avanti di voi. In realtà non esiste un luogo più avanzato della Terra.

Se fossero davvero così avanti, sarebbero già scesi per dirci che, “Anche voi siete Dio, ora liberatevi di tutto il resto.” Ecco che cosa ci avrebbero detto. Avrebbero detto, “Che cosa state cercando? Cominciate a viverlo.” Loro sono interessati a qualcosa che voi avete e che loro non hanno - ne sono affascinati, ne sono intrigati. Vorrebbero produrlo, imballarlo, magari anche venderlo ad altri pianeti e si chiama amore. Amore. Amore.

L’amore è stato inventato qui, è stato creato qui e se ne fa esperienza qui, proprio qui sulla Terra. L’amore non è arrivato da un altro pianeta e non è arrivato neppure da Dio. Dio non sapeva nulla dell’amore finché non è capitato a voi - nulla. Come avrebbe mai potuto conoscerlo lo Spirito? Lo Spirito conosceva la connessione con voi, ma lo Spirito non sapeva che cosa fosse l’amore e ora grazie a voi lo sa, grazie a ciò di cui avete fatto esperienza. Quando l’avete sperimentato, avete percepito quel desiderio dentro di voi e per un attimo vi siete espansi fino alle altre dimensioni, siete tornati fino a Casa e avete detto, “Io ti amo, caro Dio,” come se diceste a voi stessi, “Io mi amo.” Dio l’ha sentito e poiché non aveva mai provato l’amore e non aveva mai saputo che cosa fosse, ne è stato travolto e ha detto, “Anch’io ti amo. Ti ringrazio per avermi fatto vedere che cos’è l’amore.”

Queste altre forze vitali, quelle che definite le forze vitali altamente evolute e intelligenti - non sanno cosa sia l’amore. Lo vogliono, stanno cercando di analizzarlo. Ecco la cosa astuta di quest’amore che avete creato. Non si trova nel vostro sangue; a volte loro lo analizzano, ma lì non c’è. Non è nel vostro cervello, grazie a Dio - quest’amore non è lì. L’amore non è intrappolato in quest’organo che chiamate cuore o nella vostra pelle; non potete intrappolarlo o limitarlo, neppure se ne parlate in una canzone o in un libro.                         

In tutta la creazione, l’amore è una delle poche - se non l’unica - sostanza che non si può individuare. Non potete analizzarla, non potete misurarla, non potete rilevarla; potete solo farne esperienza.              

Ecco, gli alieni? Gli UFOs? Pffluiii! (sputa per terra, alcuni ridono) Sì, bene. Ora sapete cosa provo. Sono gli umani , ah, che contano. 

Le persone si lasciano distrarre da queste cose sia perché si tratta di qualcuno che li salva o qualcosa che aspira a farlo, ma non è così. È tutto proprio qui, proprio qui, seduto in queste sedie che ascolta Internet - ecco dov’è. Ecco perché sono qui e voi siete qui ed ecco perché stiamo parlando di vita, di vivere - di vivere la vita in modo assoluto. Ecco, grazie.

LINDA: Edith ha il microfono.

ADAMUS: Certo.

EDITH: Bene, da un po’ di tempo stiamo integrando e adesso arriva questa realizzazione; io ho solo bisogno di un piccolo chiarimento sulla differenza tra le vite precedenti che non vogliono tornare e gli aspetti - gli aspetti integrati. Qual è la differenza e in questi ultimi anni che cosa stiamo facendo?

ADAMUS: Se prendete in considerazione la quantità di particelle di voi che si trovano là fuori - frammenti o essenze di voi - è un numero incredibile. Per la vostra anima si è trattato di oltre 1000 vite e poi avete preso ogni esperienza umana e tutti i frammenti di cui è composta - milioni e miliardi, alcuni dei quali qui sulla Terra - molti di loro sono qui e altri si trovano in altri reami.

Ora eccovi qui a integrarli, a rimetterli di nuovo insieme senza forzarli, ma - è un dato di fatto che in questo siete molto bravi, nell’integrare molti aspetti - ma chi avrebbe mai neppure aspirato a cercare di farlo in una sola vita? Solo cinquant’anni fa sarebbe stata considerata una follia pura - persino ieri! (risate) Parecchio tempo fa sarebbe stata considerata una follia pura perché l’energia funzionava in modo diverso e la coscienza era molto più rigida ma voi e altri intorno al mondo avete detto, “No, noi integreremo” e ciò non significa forzare proprio nulla - è l’esatto opposto. L’integrazione riguarda l’accettazione e non la forzatura. Voi non potete obbligare quegli aspetti a venire a casa, non potete forzarli a farlo.

L’integrazione delle vite precedenti è un po’ diversa perché in realtà - se vogliamo proprio essere specifici - in realtà loro non tornano da voi, ma rientrano in ciò che definireste la vostra anima, dentro la vostra saggezza. Le vostre vite precedenti - in un certo senso sì, potremmo discuterne e dire, “Beh, allora tornano da me” - ma in un certo senso non lo fanno davvero. Le vite precedenti tornano nell’anima, ma voi contribuite a liberarli.

Voi e la vostra anima, la vostra saggezza siete davvero… voi siete qui; siete focalizzati qui sulla Terra. La vostra anima, la saggezza si sta unendo a voi qui e quando accade, cominciate a fare dei DreamWalks nelle vite precedenti dell’anima. Ora voi a un certo livello riconoscete che, “Ah, queste non sono mie” e quindi non restate del tutto impelagati dentro di loro. Cominciate a fare - questa è una lezione molto più lunga, per favore non pensate proprio che questo tema inizi e finisca qui - voi e la vostra essenza dell’anima, quello che siete ora - cominciate a tornare indietro nel tempo e vi presentate agli aspetti di vite precedenti della vostra anima. 

La cosa bella è che quando incontrate queste vite precedenti non ci restate incastrati dentro del tutto dicendo, “Oh, sono io in una vita precedente!” ma piuttosto dite, “Oh, interessante, io resto dietro il muretto. Queste vite sono della mia anima, quindi io ho una connessione con loro,” ma non ci restate incastrati dentro.

Ora procedete all’indietro, in un certo senso - non letteralmente, ma in un certo senso tornate indietro nel tempo - e incontrate una vita passata, una vita precedente che forse è ancora bloccata o traumatizzata o si gode solo le sue esperienze in quel determinato periodo. Voi arrivate e incontrate quest’aspetto di una vita precedente - può avvenire in sogno o nella realtà - e forse lo incontrate sotto forma di un’altra persona o di un’apparizione, come un essere che somiglia a un angelo e vi presentate a quell’aspetto. Lui vi riconosce e scoppia a piangere perché può percepire l’amore; si rende conto che non è solo e che è molto più grande di ciò che pensava di essere.

Voi lo fate partendo dal momento Ora e tornate nel passato, ma in un certo senso non è solo il passato, perché sta accadendo proprio ora; la vostra anima gioisce perché insieme con voi ha liberato anche una parte di sé, si è riportata a casa. Una parte di tutto il disegno per cui siete qui in questa vita, il progetto di questa vita è proprio fare questo.

Qui non si tratta di recuperare l’anima - si tratta solo di presentarvi alle vite precedenti. “Io Sono quello che Sono. Qui, io - la mia anima - l’ho fatto, l’ho fatto in questa vita,” sia che si tratti di 10.000 anni nel futuro o di 10.000 anni nel passato. “Io l’ho fatto in questa vita. Io Sono quello che Sono.” Io ho detto, “Sì, sono illuminato e quindi lo sono diventato e ora torno per salutarti. Io sono un viaggiatore del tempo, Oh-be-Ahn, con amore.” Buum! Quella vita precedente di colpo è libera; di colpo la sua percezione del suo viaggio, la natura mentale e quindi molto lineare del suo viaggio si trasforma del tutto.

Ecco, la domanda è: quella vita precedente è accaduta davvero come l’aspetto pensava? Sì… e no. È avvenuta, ma con molte iterazioni. E’ avvenuta una storia più grande, una storia multidimensionale e quindi quel piccolo umano lineare torna in quella vita precedente e la storia è ancora reale, ma non è l’unica storia. Quando quella vita precedente sarà in grado dirà, “Le mie altre storie? Che altro è accaduto davvero? Qual era l’immagine più grande? Qual era l’altro lato del cappello da cowboy rosa?” e poi continua, “Caro Dio, Io Sono quello che Sono,” e ha luogo quella riunione con l’anima. È un processo molto bello ed è una delle molte ragioni per cui siete qui.

Non consideratela per niente una responsabilità e neppure un dovere. Accettatelo con gioia o non fatelo proprio - non importa; è una delle cose che la vostra vera passione, lavorando con la vostra saggezza ha detto, “Facciamolo. Torniamo indietro e andiamo a trovare tutti i nostri potenziali, tutte le nostre vite precedenti…” Lo so, ci sono altre domande ma io mi sto divertendo.

LINDA: No, no, no. Mi sono solo girata verso di te…

ADAMUS: Lo so.

LINDA: … per godermela e basta.

ADAMUS: Ecco, Edith, che cosa fate proprio ora e poi è facile per il sé umano - il bambino di sette anni con la bicicletta veloce - dire, “Beh, come mai le cose non migliorano? Perché mi sento così limitato?” Beh, smettila di sentirti così limitato. Sì, tu sei illuminato. Prendi in considerazione ciò che fai proprio ora, tutto di te e inserisci un potenziale per la Terra e per la Nuova Terra. Tu vai indietro per aprire le prospettive delle vite precedenti, contribuendo a… non a liberarle, questo non è il termine esatto, Cauldre, ma contribuisci a illuminare le tue vite precedenti. Quando ciò accade, quando accade una cosa del genere Immagina tutto il cambiamento delle dinamiche.

Poiché stai per chiedermelo, perché non lo fai proprio adesso? Perché in questo momento non fai il DreamWalk a te stessa? In altre parole, perché non presenti te stessa a te - la tua anima a te? È tutto qui - presentarti a te. È una cosa incredibile ed è un momento reale nel DreamWalk del momento Ora.                               

Ecco un altro punto per il mese prossimo. Il mese prossimo faremo un DreamWalk dentro di voi. Edith, io amo la tua saggezza. Grazie.

EDITH: Anch’io ti amo.            
ADAMUS: Grazie, ora un’altra domanda da qui, sì. Meglio di quelle che vengono da fuori. (alcuni ridono)

LINDA: Ohhhhh…     
ADAMUS: Sì.              
MARY: Mi sento frustrata dallo yo-yo tra la mia mente e il mio cuore.

ADAMUS: Sì!              
MARY: Sto molto nella mente e poi scelgo di passare al cuore e proprio in quell’istante la mente, con uno strattone, me ne tira fuori - la coscienza di massa o qualsiasi altra cosa. Come posso stare di più nel mio cuore, perché ora sento che la mia mente mi limita davvero?       
ADAMUS: Dove preferisci essere?

MARY: Nel mio cuore.             
ADAMUS: Nel tuo cuore. Perché allora la tua mente fa questo gioco? Sono domande insidiose, non ti piacciono?

MARY: Sì, sì.

ADAMUS: Non ti piace? Perché la tua mente fa questo gioco? (Mary fa una pausa)

MARY: Ecco perché te lo chiedo.

ADAMUS: Sì, per tutte queste ragioni. Perché lo permetti.
MARY: Ok.                  
ADAMUS: Una parte di te si diverte; una parte di te non pensa che tu possa fare di meglio. In realtà la tua mente è una parte di quel progetto di vita e tu stessa sei una progettista, quindi cerca di capire la metafora.

MARY: Mm hmm, sì.
ADAMUS: La bellezza del progetto e persino ciò che una persona potrebbe percepire come un progetto difettoso non lo è affatto - è solo un’esperienza.          
in fondo hai dato il permesso alla tua mente ed è proprio ciò che lei sta facendo. La tua mente non è per nulla il tuo nemico. La tua mente è stata programmata da te e dagli altri. La tua mente è stata programmata per discutere, negare e dubitare. Tu hai dato alla tua mente il dominio sul tuo cuore.

Non sta al tuo cuore combattere. Qui non si tratta di una gara tra il tuo cuore e la tua mente, perché così ti verrà un attacco di cuore e nello stesso tempo avrai anche il mal di testa - davvero - e sarà tutto lì.  A quel punto avrai un’altra vita, il che non è poi così male, è una cosa buona - ma perché? Perché non farlo proprio ora?

Ecco, tu devi intervenire, mia cara. Devi intervenire e questo è il vero problema, non tu. A te piacerebbe proprio fingere che, “Oh, la mia povera mente.” Beh, deprogramma la tua mente.  
MARY: Ok.                  
ADAMUS: Solo tu puoi farlo - io no.

MARY: Va bene.

ADAMUS: Io non posso farlo. Io posso aggiungere un altro programma alla tua mente. Vuoi un piccolo programma? Un piccolo extra? Questa settimana c’è un buono sui programmi.

MARY: Credo che la mia mente abbia abbastanza programmi. No.

ADAMUS: Puoi de-programmare la tua mente. Come si fa? Come…

MARY: Lo scegli e basta.

ADAMUS: Grazie. Là dietro c’è il tuo ragazzo. Tu lo scegli, fai un bel respiro profondo, la smetti di preoccuparti, la smetti di chiederti se puoi farlo. Dici, “Sì, sono illuminata. Caspita! De-programma.” Buum! E poi succede e a quel punto vivi l’esperienza.

Non te ne vai in giro tra… non esci dalla porta dopo aver detto, “Sì, sono illuminata” e cammini davanti a un’automobile per vedere se lo sei davvero, perché in fondo questo significa di nuovo dubitare. Tu presumi di poter andare a piedi dappertutto in pace e sicurezza. Tu, al contrario…ecco una delle cose che fanno gli umani. Dicono, “Mi metto alla prova. Ho appena detto, ‘Sì, sono illuminato’ e ora prendo dell’acqua e me la verso su una mano per vedere se davvero…”  
MARY: Wow, oh.      
ADAMUS: No, stai solo dubitando e quindi non stai vivendo. Ecco, questa lotta tra la mente il cuore - gestiscila, gestiscila.

MARY: Grazie.           
ADAMUS: Sì e qui non si tratta neppure di negare la mente o concedere un nuovo status superiore al cuore. Si tratta di te, si tratta dell’Io Sono. Sì. Si tratta di respirare e mannaggia, mannaggia, mannaggia, a volte ti piace proprio dubitare.

MARY: Sento che è un po’ come accettarmi.

ADAMUS: Sì, come amarti. Sì, sì. Fai lunghe passeggiate?

MARY: Non molte.

ADAMUS: Mai. (Adamus ridacchia)  
MARY: Beh…              
ADAMUS: Sì, lunghe passeggiate, per favore.

MARY: Sì, ok.

ADAMUS: Lunghe passeggiate.

MARY: Grazie.

ADAMUS: Per farlo hai a disposizione una delle più belle aree di tutto il mondo, quindi fai lunghe passeggiate perché ti portano fuori dalla testa. È meglio se riformulo la frase: espande la mente e poi la mente e il cuore iniziano a danzare insieme.

MARY: Allora il piede che mi fa male è una semplice scusa per non camminare?

ADAMUS: Oh sì, certo. Non hai tempo, ti fa male il ginocchio o qualsiasi altra cosa. No, le lunghe passeggiate sono fantastiche. Che cosa faceva Steve Jobs, il nostro ospite della settimana scorsa (del mese scorso) che cosa faceva? Continuava a fare lunghe passeggiate. Non se ne stava seduto in…

LINDA: É morto.

ADAMUS: (ridacchia) È illuminato. Non se ne stava seduto in una sala conferenze. a meno che non fosse obbligato a farlo. Lui prendeva i managers delle aziende che appartengono alla lista delle 500 di Fortune e usciva a fare lunghe passeggiate nei dintorni, nel bosco e nei centri commerciali. Questo era il suo modo - camminare. Camminare può fare miracoli, in particolare in natura. Altre due domande.

LINDA: Ok, dovrò riassumerle perché le sto selezionando…

ADAMUS: Sì, sì.

LINDA: … e ci sono moltissime domande sul cancro, una in particolare - leggerò questa.

DOMANDA 10: Non c’è stato alcun miglioramento a livello di sopravvivenza al cancro da quando Nixon gli ha dichiarato guerra nel 1971. In alcuni casi c’è stato un aumento. Dici che questo è uno dei modi con cui abbiamo scelto di darci delle opportunità per ascendere e per illuminarci? (in quel preciso momento un cagnolino abbaia sul retro; il pubblico ride e applaude)                                       
ADAMUS: Toh!          
DOMANDA 10 (prosegue): O senza tentare direttamente di curare quelle persone che hanno il cancro, come può Shaumbra aumentare le possibilità - per chi le ha - di risvegliarsi seguendo i suoi tempi?

LINDA: Qui ci sono moltissime domande sul cancro per Shaumbra e anche per i non-Shaumbra. 
ADAMUS: Oh bene, bene. On (Garret), ti spiacerebbe rispondere? E’ ovvio che hai fatto l’esperienza e naturalmente hai una visione interiore migliore della mia. Il cancro. Perché c’è, quale scopo serve e come lo si può gestire?

ON: Beh, credo che abbia risposto alla sua stessa domanda.

ADAMUS: Sì, certo. Non ti piace?      
ON: Si tratta di un’esperienza che può essere del tutto liberatoria, può liberarvi da alcune delle vostre ancore, se scegliete che sia così.

ADAMUS: Sì.              
ON: Ecco, non è una bella esperienza ma non è una cattiva esperienza. È un’esperienza per liberarsi.

ADAMUS: E la cosa peggiore è, qual è?

ON: Che muori.

ADAMUS: Tu muori e sai - sul serio - morire è più facile che nascere e voi l’avete già fatto parecchie volte e quella vostra identità urla e dice, “Ma io non posso morire!” Beh, lo farete comunque ma anche questa è un’ancora - sfuggire alla morte. Una volta che accettate il fatto che morirete, che l’avete già fatto tante e tante e tante volte, alla fine arriverete al punto in cui sarà come dire, “Accipicchia! Va bene, ma almeno nel frattempo vivo.” Ora lo scopo del cancro - energeticamente che cos’è il cancro?    
ON: È solo una mancanza d’equilibrio.         
ADAMUS: Uno squilibrio, sì ed io mi spingerei a dire che di solito è presente la rabbia o l’odio…

ON: Sì.                          
ADAMUS: … che sono le cose in squilibrio. In questo momento la ricerca che si fa sul cancro non si occupa dei problemi energetici ma solo di quelli biologici - l’interazione tra le cellule, gli enzimi e le sostanze chimiche - ma comincerà a prendere in considerazione anche l’interazione energetica.

Mettete insieme un po’ di cellule cancerogene, attivatele, fate in modo che combattano tra loro perché ecco da dove vengono - la battaglia, la lotta, la rabbia. Osservatele, osservate come interagiscono tra loro quando combattono nelle piccole provette per test. Nutritele e qualcuna diventerà più forte, qualche altra s’indebolirà e altre si trasmuteranno e ce ne saranno alcune che cercheranno di ri-cancerizzare quelle che si sono trasmutate. Osservatele attraverso un microscopio, a livello energetico e non biologico e avrete la risposta.

Ora la domanda è: la coscienza è pronta per la cura del cancro? No, in realtà non lo è.  Quanti anni ancora? Qualcuno vuole indovinare - On? Una tua congettura.

ON: Beh, è solo una congettura. Mi piace l’idea che quando abbastanza Shaumbra, abbastanza persone si libereranno della loro paura e della loro rabbia, ciò si propagherà come il fuoco selvaggio attraverso la coscienza di massa.

ADAMUS: Sì, è proprio così ed io direi - e tu hai ragione - che per altri vent’anni circa il cancro sarà predominante ma non ci si deve ancorare a questo perché può cambiare molto, davvero molto in fretta. Se consideri la tendenza attuale parliamo di vent’anni, ma potrebbe cambiare. Potrebbe cambiare, perché Shaumbra sa da dove viene il cancro e riconosce che non può definirlo solo cattivo, perché serve uno scopo. Porta molte persone a pensare alla loro vita prima di morire e diversamente dal morire in battaglia - in battaglia avviene piuttosto in fretta - con il cancro hanno davvero il tempo di riflettere sul significato della vita e quindi da un certo punto serve uno scopo di coscienza ma, detto questo, non ci sono modi migliori? Certo che sì, assolutamente.

Ecco, per gli Shaumbra che hanno a che fare con il cancro, a livello energetico tende a essere un residuo di rabbia e di odio. Tutto ciò è molto semplice - non pensateci troppo - che cosa serve per trascendere il cancro? (qualcuno dice “la Scelta”; un altro “Scegliere”) Amarsi. Scegliete e amatevi. Voi potete fare una scelta, ma se non vi amate quel cancro continuerà a essere presente.

In ogni caso, ognuno di voi qui ha il cancro. Ognuno di voi - mi dispiace. Ognuno di voi nel suo corpo ha delle cellule cancerogene che sono potenziali e forse non sono attive e forse non lo saranno mai. Solo una piccola, piccola percentuale di voi lo avrà - anche se potete cambiare la situazione.                  
Quelle cellule cancerogene sono presenti e sono le ombre dell’auto-dubbio, dell’odio e della paura e voi potete lasciarle affiorare in superficie o potete liberarvene. Ecco perché parleremo ancora dei punti di ancoraggio, di lasciarli andare, di cambiare l’energia, i modelli e le dinamiche.

Se avete il cancro amatevi e in ogni caso accettatevi. Smettetela di combattere. Tu, On, hai scoperto in fretta che non avresti mai potuto vincere la battaglia con il cancro perché avresti combattuto qualcosa che tu stesso hai progettato. Ora, ciò che puoi fare è amare la tua via attraverso il cancro, amare come lo affronti e ciò trasmuterà tutta quell’energia bloccata e farà in modo che tutto il tuo corpo risplenda e a quel punto ti godrai la vita comunque.

LINDA: L’ultima domanda?

ADAMUS: Sì, l’ultima domanda.

LINDA: Ok, questa si riferisce a una domanda precedente. La domanda precedente era, “Perché diavolo non mi permetto di trovare un uomo da poter amare e che mi amerà?” (domanda 4) Ok, questa è la risposta dalla persona cui hai risposto.

ADAMUS: Sì, sì, le è piaciuta la risposta e ora vuole un appuntamento galante con me e… vai avanti.

LINDA: Gira pure il coltello nella piaga!

ADAMUS: Continuo a farlo! Ok.         
DOMANDA 11: Perché la mia domanda è stata messa in ridicolo? L’ho fatta col cuore e mi crea un disagio forte come un eczema, ma a questo rispondi seriamente.

ADAMUS: Sì, certo. Certo, non intendevo offenderti ma devi riuscire a ridere di queste cose, almeno un po’. Ora affondiamo pure il coltello nella piaga, visto che ci siamo.

Prima di tutto si tratta di amarvi e voi avete messo in piedi un progetto di vita - l’avete fatto tutti, in un modo o nell’altro - che gira intorno all’amarvi. Voi non troverete un uomo. Perché? Perché la vostra anima è abbastanza brillante e intelligente da sapere che un uomo è appiccicoso - è roba appiccicosa. Trovare qualcun altro significa distrarsi. Qui si tratta di amarvi e quindi non troverete nessun altro finché non potrete amarvi. È un piano davvero bello.

Se v’interessano le statistiche, prendete in considerazione le statistiche su quanti Shaumbra sono single, single senza figli o single con figli - non importa. Perché? Perché? Perché hanno l’alito che puzza? No. Perché non hanno molta personalità? Assolutamente no -  tutti voi avete una grandissima personalità. Voi l’avete progettato così per avere il tempo d’innamorarvi di voi. Voi non avete bisogno di un uomo, di una donna o di qualcos’altro; non avete neppure bisogno di un cane o di un gatto. Tutto gira intorno a voi e il progetto della vostra vita dice, “Scopri te stesso.”

Ora mi rivolgo a chi mi ha scritto e ti chiedo, perché sei così alla ricerca disperata di un uomo? Perché? Non sarà altro che un’altra vita con un’altra di queste esperienze con gli uomini. Questa è la vita per stare con te. Perché non prendi quella stessa passione e quella stessa energia e inviti la tua anima nella tua vita? Invece di condividere il tuo letto con un vecchio che puzza, (risate) perché non lo condividi con la tua anima?  Invece di farti dare un passaggio da un uomo e poi dover…

LINDA: Puoi fare entrambe le cose? (qualcuno dice, “Sì, puoi farle entrambe.”)               
ADAMUS: Sì, certo che puoi. Bella domanda, ma io ti conosco su Internet. Tu prima cercherai un uomo e solo dopo l’illuminazione. Il-bambino-di-sette-anni-con-la-bici-più-veloce-del-quartiere - sette-anni - non funzionerà. Hai già fatto il progetto della tua vita per essere con te.
L’uomo sei tu!

Feliz Navidad! Godetevela! Godetevi la vita!

Io Sono quello che Sono! Tutto è bene in tutta la creazione. Amatevi.  Noël. Amen. (il pubblico applaude)