SHOUD 05 - LA NUOVA TERRA

La serie dell’Umanodivino

SHOUD5 - LA NUOVA TERRA

presentato al Crimson Circle l’8 dicembre 2002

E è così, cari amici, che ci riuniamo di nuovo come famiglia, come Shaumbra.

Noi condividiamo le nostre energie, condividiamo il nostro amore e condividiamo il nostro viaggio. È vero che a me, Tobias, piace tanto arrivare rombando, come dice Cauldre. Mi piace entrare nel vostro spazio, sedermi accanto a voi, stare con voi, sentirvi così vicini. Noi che stiamo da questa parte del velo, non possiamo avvicinarci a voi a meno che non ce lo permettiate e naturalmente non possiamo interferire. Non possiamo neanche avvicinarci a voi a meno che voi non ci diate il permesso e non apriate i vostri cuori.

Ecco perché è una grande gioia per me, Tobias e per tutti gli altri angeli ed entità che siedono nel Secondo Cerchio riunirci con voi in questo modo. Oh, loro sono eccitati quanto lo sono io, sono qui oggi a riempire il Secondo Cerchio centinaia e centinaia di angeli ed entità che, in un certo senso, devono acquistare i biglietti per questo show perché per mantenere un certo equilibrio, noi limitiamo il numero e il quoziente energetico che entra.

Gli angeli arrivano, attendono di stare con voi, attendono di sentire la vostra energia e il vostro amore, attendono di vedere questa sorprendente creatura chiamata umano che ora si sta trasformando in un Umano Divino. Vengono per osservare perché sanno che arriverà il loro momento di entrare in un corpo fisico e di camminare sulla Terra come umani. Gli angeli sono affascinati da tutto ciò che fate, prendono nota, trascrivono. Stanno osservando come il primo gruppo di umani si sta integrando pienamente nella Nuova Energia. Stanno aspettando che voi comunichiate con loro al vostro livello, che parliate loro e li sentiate. Sì, è verso questo che state andando - parlare loro dal cuore e sentire la loro risposta senza filtri, senza gli strati che interferiscono con le comunicazioni. Come fate a realizzare questo, cari amici? Lo fate aprendovi, ma piuttosto che con il pensiero, lo fate attraverso il sentire. Sentirete le loro vibrazioni, li canalizzerete, davvero, mentre imparate a canalizzare voi stessi e gli altri umani. Poi, li canalizzerete e ciò che sentirete da loro, dietro a tutte le parole, dietro a tutti i sentimenti è che voi siete i gloriosi, siete coloro che hanno intrapreso il viaggio difficile. Siete i loro insegnanti: ecco cosa sentirete.

Noi amiamo tanto queste riunioni! Amiamo questo tempo passato insieme a voi e proprio tanto di ciò che viene detto va oltre le parole. Sì, come Cauldre stava dicendo prima della canalizzazione, egli ha imparato – voi state imparando – che non si tratta delle parole… si tratta delle energie e cari amici, quando voi, come Shaumbra, imparerete a canalizzare, imparerete a capire queste energie e non dovrete preoccuparvi delle parole. Non dovrete tradurle in parole. Si possono dire tante cose senza le parole perché senza le parole si aggira il cervello, la mente e si va direttamente nel cuore, si va direttamente verso la profondità. Gran parte di ciò che viene detto alle nostre riunioni non viene espressa in parole. Ecco perché moltissimi di voi entrano nella “zona” e altri scivolano via, perché vi permettete di ricevere queste energie.

Che gruppo meraviglioso abbiamo qui oggi, quelli seduti sulle sedie e quelli che si sono connessi da tutto il mondo - un gruppo di persone, come dicevamo, che alzarono la mano quando la tromba di Gabriele suonò e dissero: “Caro Dio, caro Spirito, mi dedico al servizio. Farò qualunque cosa.” Eccovi qui seduti, dopo molti anni, dopo molti anni, dopo aver attraversato molte difficoltà e sfide, dopo aver rinunciato a tutto ciò che pensavate di essere per diventare tutto quello che vi è possibile diventare.  Eccovi qui seduti, pronti per affrontare dell’altro, in attesa di ciò che seguirà, mentre cantate ancora la canzone del vostro cuore che dice: “Spirito, io mi metto al tuo servizio, al servizio del Tutto.” Ci incontriamo in questo modo tante volte quando sognate, quando di notte state dormendo. Sì, tutti noi ci incontriamo in questo modo, come gruppo. Se è per questo che l’energia sembra tanto familiare è perché ci incontriamo davvero e molto spesso stiamo seduti così, in silenzio, spesso a sentire solo le vibrazioni. Ecco dove andate di notte, tra gli altri vostri viaggi. Voi venite in questo posto di energia ‘shaumbratica’, stiamo seduti e sorridiamo. Ci sono un po’ di lacrime, ma noi condividiamo le energie, condividiamo le storie, condividiamo noi stessi.

Cari amici, ultimamente molti di voi hanno sentito stress nel corpo. Lo sappiamo, riusciamo a vederlo mentre ci siamo seduti qui e vi osserviamo. Possiamo vedere ciò che somiglia a eruzioni solari uscire dal vostro campo aurico. Molto stress, anche nella vostra mente. Cercate di capire che questo è dovuto in gran parte al fatto che proprio ora si stanno facendo gli aggiustamenti finali alle griglie, cosa di cui abbiamo parlato il mese scorso. Voi sentite l’ingresso del nuovo potenziale, avvertite i cambiamenti che stanno avvenendo. L’energia si sta spostando a livelli più elevati, proprio ora l’energia si sta spostando verso i livelli interiori, dentro di voi. Il vostro corpo sa che qualcosa sta accadendo, il vostro corpo sa di dover cambiare per adattarsi alla vostra divinità, deve cambiare perché state permettendo alle vostre energie divine di salire da dentro di voi.

Queste sono energie ad alta, altissima frequenza, diverse da qualsiasi cosa il vostro corpo abbia sperimentato nelle vite passate. Queste energie sono forti, sono elevate, sono intense e stanno entrando ora. Il vostro corpo si sta preparando, sta attraversando i cambiamenti al livello più profondo. Il vostro corpo sta cambiando a livello dello spazio tra lo spazio, proseguendo poi attraverso il DNA e le cellule, i tessuti e gli organi. Ciò che state vivendo ora è un adattamento biologico che vi permetterà di affrontare tutte queste Nuove Energie che stanno entrando. Ecco perché il vostro corpo fa male, ecco il perché dei dolori. Anche questo passerà, quando il vostro corpo si abituerà e si aggiusterà alle nuove frequenze i mali e i dolori se ne andranno. Sappiamo che proprio ora c’è dello stress nella vostra mente, siete così abituati a vedere cosa c’è davanti a voi sul sentiero. Siete abituati a sapere cosa farete e dove sarete fra tre mesi o sei mesi: gli umani pianificano le proprie vite fino alla morte, pianificano i lavori, la pensione e persino la propria morte. Interessante!

Ora invece non riuscite a vedere nemmeno fino a domani, avete difficoltà a sapere cosa vi riserva il futuro. Questo causa stress alla mente, ma fa parte del cambiamento che sta avendo luogo. Una parte di voi ha paura, non sa cosa succederà dopo, non può prevedere, non può pianificare. Oh, questo causa grande stress nella mente! Sappiamo che molti di voi stanno svegli di notte a domandarsi cosa faranno. Preoccupati... siete preoccupati. Vi state dicendo: “Ho 30, 40, 50 anni, o più. Che cosa farò? Che ne sarà della mia pensione? Chi si prenderà cura di me? Come vivrò? Che cosa farò?” Lo sappiamo che vi preoccupate. Lo stress attuale è dovuto al fatto che state facendo degli aggiustamenti nella vostra mente e nel vostro spirito per vivere nel Presente, per vivere nel momento Ora, nel momento. È difficile perché volete ancora sapere cosa succederà domani. Vivere nel Presente è ORA, è il momento e così c’è tanto stress nella vostra mente...tanto stress nella vostra mente. Dovete capire che tutto ciò è appropriato e ha a che fare con l’allineamento delle griglie magnetiche. Dovete capire che presto lo stress se ne andrà e allora avrete un corpo che sarà stato ricostruito dal terreno in su, avrete una mente che capirà il momento, avrete uno spirito che capirà che tutto ciò che vi serve vi arriverà. É il nuovo paradigma in cui state vivendo. Ci vivete dentro, state partorendo la vostra divinità, la state portando nel momento Ora – non è un concetto intellettuale, bensì una realtà che è dentro di voi.

Nella nostra conversazione del mese scorso, cari amici, a un certo punto ho parlato abbastanza a lungo delle chiese. Ho parlato del come le chiese stanno trattenendo la coscienza. È un periodo di cambiamenti anche in questo. Ho parlato a lungo delle chiese e dei leader religiosi per una ragione specifica – per aiutarvi, Shaumbra, a capire il vostro nuovo ruolo - voi sarete i nuovi insegnanti spirituali. Sarete coloro che guideranno gli altri, sarete i nuovi sacerdoti e sacerdotesse, a modo vostro. Forse non avrete una grande costruzione dovei verranno a venerare una volta alla settimana, forse lo farete a modo vostro, da casa vostra, dalla vostra macchina, in un modo o nell’altro. Ma voi, voi siete i nuovi insegnanti.

Il mese scorso ho parlato delle chiese per sottolineare una cosa, per sottolineare una cosa ad ognuno di voi: non fate assegnamento su vecchi libri e vecchi modi. Quando sarete con i vostri studenti, siate nel Presente, nel momento: non riservate loro i cliché, non estraete vecchi trucchi dal vostro cappello. Siate nel Presente, leggete la loro energia. Sentite la loro energia, ascoltate le loro parole e allora saprete cosa dire, allora saprete come avere compassione per loro e saprete che cosa fare per loro. Le chiese, cari amici, hanno servito uno scopo. Voi siete quelli che aiutarono a crearle dall’inizio, molte vite fa! Ora il loro tempo sta giungendo a termine, esiste un’Energia completamente nuova e un tipo di Umano Divino del tutto nuovo pronto a fare il lavoro. Guardate come potete essere davvero in servizio, considerate il nuovo equilibrio tra energia maschile e femminile che è necessario sulla Terra. In effetti le chiese del mondo si fondano sul dominio maschile, presentano un orientamento maschile. Adesso è il momento appropriato per la fusione delle energie femminile e maschile, ora è il momento giusto per essere colui che riceve oltre che quello che dà.

Ecco perché Io, Tobias, il mese scorso mi sono lasciato prendere un po’ sulle chiese! Stavo cercando di far notare a tutti qualcosa – guardate ciò che proprio ora per tanti umani non funziona -  osservate cosa useranno come strumenti i nuovi insegnanti… e la cosa più importante di tutte, ricordarvi di ricordare sempre al vostro studente che anche lui è Dio, che ha il potere dentro di sé. Non è dentro di voi per lui o in un libro per lui o nei mantra per lui: è dentro di LUI. Continuate a ricordargli senza fine la stessa cosa che noi vi abbiamo ricordato – ANCHE TU SEI DIO. Inizia da voi, inizia da dentro, inizia quando fate il primo passo di divina acquisizione del vostro potere.

Cari amici, c’è un cambiamento in atto sulla Terra. Ne abbiamo parlato ripetutamente, abbiamo parlato di tempi difficili che la Terra nel suo insieme attraverserà perché le vecchie istituzioni non sono più appropriate in questa Nuova Energia… finiranno… i loro muri crolleranno. Gran parte di questo cambiamento riguarda l’equilibrio e la fusione dell’energia maschile e femminile, del femminile e del maschile. QQQui non stiamo parlando dei due sessi - maschile e femminile - stiamo parlando dell’energia del femminile e dell’energia del maschile, quella che dà e quella che riceve. È arrivato il momento che si giunga a un equilibrio che avverrà con il completamento dei cambiamenti della griglia magnetica, è arrivato il momento che ciò accada dentro ognuno di voi. Da un punto di vista energetico, nessuno dei presenti è maschile o femminile: siete entrambi. É arrivato il momento che vi consideriate come qualcuno che possiede tutte e due le energie - quella che dà e quella che riceve, il maschile e il femminile, la nutrice e la forza. Voi siete tutti maschili e femminili. (pausa)

Approfittiamo di questa occasione per chiedervi di amare, di riconoscere e di apprezzare nella vostra società quelli che sono arrivati in questa vita con un contratto che prevede che portino entrambe le energie in un corpo solo. Voi li chiamate “gay” e molte volte, troppo spesso vengono messi in ridicolo. I gay sono arrivati con un grande contratto per fondere entrambe le energie in un unico corpo e a volte questo ha causato loro degli squilibri, a volte ha causato loro grosse difficoltà interiori. Sono stati i primi a incorporare entrambe le energie in una volta. Quelli che voi chiamate “gay” o “lesbiche” adesso sono stanchi, hanno portato molta di quest’energia di fusione tra maschile e femminile.  Hanno svolto il loro compito ed è arrivata l’ora che accettiate la fusione delle energie dentro di voi. Non stiamo parlando di sesso qui, stiamo parlando di voi. Stiamo parlando del vostro equilibrio energetico tra femminile e maschile: è ora che accettiate entrambe le parti di voi.

In questi anni avete sperimentato molta conflittualità riguardo a ciò che siete. Vi siete chiesti quanto foste donne e quanto uomini: ora è il momento di essere entrambi. Quelli che nella vostra società sono stati definiti gay e lesbiche hanno spianato la strada e aperto la porta, così per voi ora è molto più accettabile portare la fusione d’energia. A proposito dell’energia divina femminile, oggi abbiamo un’ospite meravigliosa la quale arriva in questo periodo speciale dell’anno per stare con voi. La sua energia è stata forte attorno a tutti voi già da molti mesi, per molti di voi lei è stata una tale forza che vi ha guidati per tutta la vita. Ora lei si unisce a noi come il simbolo dell’energia femminile, come riequilibrio dell’energia femminile dentro di voi, dentro la società, dentro le chiese. Lei arriva come l’energia di Maria, quella che voi definireste “Maria Madre”, ma non si tratta soltanto della persona presente nelle Sacre Scritture delle chiese cristiane. Maria rappresenta la dea, Maria rappresenta l’equilibrio femminile. La vostra Terra sta arrivando ad un nuovo equilibrio, l’energia femminile sta entrando in maniera così forte proprio ora… è forte per essere in condizione di essere equilibrata fianco a fianco con l’energia maschile che per tanti secoli ha dominato la Terra. La Regina ritorna, l’energia della dea, simboleggiata attraverso Maria che si unisce a noi oggi come nostra ospite speciale e onorata. Lei vorrebbe passare un momento con ognuno di voi, vorrebbe passare un momento per permettervi di sentire il potenziale dell’energia divina femminile, Staremo in silenzio soltanto per un momento affinché la Regina possa sedersi accanto al Re dentro di voi. Sì, e questo sarebbe un buon momento per respirare profondamente. (pausa)

L’energia della Regina, del femminile, rappresentata qui oggi da Maria aiuta a riempire lo spazio tanto a lungo trascurato nelle vostre società. Lei viene qui per riprendersi il posto che le spetta, per un nuovo equilibrio tra il femminile e il maschile - il ritorno della Regina e l’equilibrio con il Re. Permettetevi di assorbire queste energie della cara Maria, permettetevi di sentire l’energia della Regina dentro di voi. Nei prossimi mesi queste energie saranno importanti perché sono nutrienti e compassionevoli, sono il dono della vita, sono le energie riceventi. Oh, cari amici, quanto bisogno ha ognuno di voi di ricevere, quanto bisogno ha di ricevere! Voi siete stati dei donatori, siete stati dei guerrieri, siete stati costruttori e pianificatori, la vostra energia è stata molto forte e assertiva. Sì, uomini e donne … stiamo parlando a entrambi ma ora, nel nuovo equilibrio della Nuova Terra, è importante essere anche dei ricevitori. Ci deve essere quell’equilibrio tra il dare e il ricevere, tra il maschile e il femminile, il dare vita, il creare, tutto dentro di voi, tutto dentro di voi.

E così è che l’energia di Maria è forte e presente in questo giorno come promemoria del fatto che fu l’energia del femminile a dare la vita a colui che chiamate Yeshua, a dare la vita al maschio che avrebbe insegnato in un modo nuovo, senza i muri. Lei dette alla luce Yeshua, il quale avrebbe cambiato il corso della storia; lei dette alla luce Yeshua, il quale non fu accettato allora, ma le cui parole vennero conosciute da così tanti in questo mondo. Tutto iniziò con la nascita dall’energia femminile. Tutto ciò… il femminile, il ricevere, il nutrire e la compassione è molto importante ora che gli aggiustamenti delle griglie sono terminati. Se oggi non dovessimo fare altro, vogliamo che sentiate dentro di voi questa fusione. Moltissimi di voi, persino alcune donne hanno bloccato il loro lato femminile o non l’hanno capito e tanti uomini, in verità, hanno pensato che non fosse appropriato esprimere il femminile e quindi hanno chiuso la porta a questo loro lato. Cari amici, è ora di aprire di nuovo quella porta, è ora di sentire l’energia fusa, plasmata ed equilibrata del maschile e del femminile dentro il nucleo del vostro essere. Possiamo percepire i cambiamenti già adesso, mentre siamo seduti qui; chi siede nel Secondo Cerchio riesce a vedere la trasformazione avvenire dentro di voi.

In questo giorno vogliamo aggiungere un altro punto. Molti di voi si stanno domandando quale lavoro svolgeranno. Ci avete sentiti parlare a lungo dell’insegnamento, ci avete sentiti parlare a lungo del nuovo lavoro e dei cambiamenti nella vostra vita. In effetti molti di voi affronteranno dei cambiamenti nei prossimi tre, sei e nove mesi. Ci saranno cambiamenti riguardo a dove vivrete, ai vostri lavori e alle vostre relazioni. A volte avete avvertito la pressione per effettuare dei cambiamenti nella vostra vita. Non capivate esattamente cosa dovevate fare e alcuni di voi hanno continuato a rimandare le grosse decisioni riguardanti la propria vita. Avete atteso, avete procrastinato. Oh, cari amici, l’energia di queste decisioni verrà a farvi visita in maniera forte, è ora di fare degli spostamenti nella vostra vita, è arrivato il momento di spostarsi al prossimo livello. Vi domandate quale lavoro farete: lasciateci dire semplicemente che sarà diverso. Sarà un lavoro di passione, un lavoro del vostro cuore.

Per arrivare a quel punto affronterete cambiamenti che avranno luogo presto. Vogliamo che una cosa vi sia molto chiara. Vi domandate del lavoro, di notte sentiamo molti di voi dire a noi, angeli e arcangeli: “Il mio lavoro è insignificante. Non mi sembra di far niente che ne valga la pena. Lavoro in un magazzino, ci passo delle ore. Non dovrei forse svolgere un grandioso lavoro spirituale?” Molti di voi – troppi – hanno lavori che non li soddisfano. Ciò cambierà, cambierà. Molti di voi sono pronti per intraprendere il nuovo lavoro – quello dell’insegnante. Essere un insegnante implica molte cose… ci sono molti diversi modi per farlo. L’importante è che state già facendo il lavoro, o che l’avete già fatto. Il lavoro è all’interno, il lavoro è all’interno. I cambiamenti sulla Terra, i cambiamenti nell’universo e tutto quello che c’è nel Secondo Cerchio sono influenzati da ciò che avviene dentro di voi. Quando vi sentiamo dire: “Caro Tobias, mi sembra di non fare alcun lavoro” ci viene da ridere. I cambiamenti che avete fatto dentro di voi, il rilascio del Vecchio, l’accettazione della vostra divinità...ciò fa la vera differenza. Sappiamo che siete passati attraverso molte lotte interiori, molta purificazione. Questo è un lavoro davvero potente, questo lavoro fa la differenza più di qualunque altra cosa.

Quando cambiate la vostra vibrazione, cambiate tutto attorno a voi: cambiate la vibrazione della coscienza di massa, la vibrazione degli angeli e degli arcangeli. Il vero lavoro è quello che avete fatto dentro di voi. Non si tratta di quello che c’è scritto sul vostro biglietto da visita, non si tratta della vostra occupazione o professione: si tratta di ciò che avete fatto dentro di voi. Molti di voi pensano di non essere degni, perché non stanno svolgendo quello che considerate un lavoro importante, ma noi scuotiamo la testa e diciamo: “No, ancora non capite.” Il lavoro importante è quello che svolgete dentro, i cambiamenti che fate affrontando l’oscurità dentro di voi, affrontando le vostre paure, lasciando andare vecchie ferite... questi cambiamenti hanno trasformato il vostro mondo a un punto tale che non avete avuto bisogno di subire alcun genere di catastrofe o fine. Il lavoro che avete fatto dentro di voi è il vero lavoro, il lavoro che avete fatto interiormente ha cambiato la gente tutt’attorno a voi, ha evitato quelli che potevano essere dei cambiamenti molto catastrofici della Terra. Oh, sì, per un po’vedrete la Terra tremare ed eruttare e questo è appropriato, ma noterete che non ci saranno grosse perdite di vite umane. Gaia è in grado di rilasciare in modi non distruttivi perché voi avete fatto il lavoro interiore. Non sono importanti la vostra carriera o il vostro lavoro quotidiano; quello che è importante è il lavoro che avete fatto dentro. Il vero lavoro è quello che avete fatto a livello interiore.

Voi SIETE degni, avete svolto il lavoro. Poiché avete fatto il lavoro, infatti, ci sarà una nuova chiamata per voi, ci sarà una nuova chiamata di qualche genere il prossimo anno, sarà lo spostamento a un nuovo livello o passo. Sì, lo sappiamo che ci sarà dello stress causato dai cambiamenti. Umani... a loro non piacciono i cambiamenti: si lamentano di ciò che hanno ma non vogliono cambiare. Shaumbra di tutto il mondo, ci diciamo che nelle vostre vite e ci saranno dei cambiamenti e ciò significherà lasciar andare qualcosa per far spazio a qualcosa di nuovo. Vi chiediamo di non maledirci quando attraverserete questo processo del lasciar andare qualcosa, vi chiediamo di onorarlo e di benedirlo. É giusto. Potrebbe trattarsi di amici, di famiglia, di una carriera, di un lavoro, forse è qualcosa nel vostro corpo che richiede di essere lasciata andare. Vi diciamo che sono in arrivo dei cambiamenti e se ci saranno tempi incerti, se non siete sicuri del vostro equilibrio, vi diciamo di parlare con altri Shaumbra. Ah, voi siete gli insegnanti migliori e gli studenti migliori l’un per l’altro. Sì, lo siete davvero.

A questo proposito, cari amici, ci piacerebbe raccontare una breve storia, una storia breve. Saremo brevi, ma Cauldre non ci crede molto. Per aiutarvi a capire - in parte - dove vi trovate racconteremo la storia di Joe, la storia che raccontammo molte settimane fa nella terra di Orion, che voi chiamate Corea. La raccontammo lì e la racconteremo di nuovo affinché tutti gli Shaumbra la sentano perché è la vostra storia, racconta di voi. Joe è Shaumbra come voi e sta attraversando tanti cambiamenti nella sua vita… sta imparando a capire che anche lui è Dio… sta imparando a lasciar andare le vecchie cose che non gli servono più… sta attraversando dei cambiamenti che, in certi giorni, lo fanno sentire confuso e insicuro di ciò che sta facendo… ma sa di essere guidato… sa di non essere mai solo. Proprio come voi, Joe sta cercando la sua illuminazione, Joe sta cercando di capire la sua divinità e la sua connessione con lo Spirito.

Una notte, in un sogno lucido Joe si trovò in viaggio verso il Tempio della Divinità interiore, il Tempio della Divinità dentro di sé. Sentì che stava viaggiando attraverso il tempo e lo spazio e le dimensioni anche se, in verità, stava facendo un viaggio all’interno del suo stesso essere. Nel suo sogno lucido Joe arrivò al Tempio della Divinità. Aprì la porta e… meraviglia, vide una sala grandiosa e bella e piena di luce, una luce che non sembrava avere alcuna sorgente. Tutto era illuminato, brillante, dorato e scintillante. Joe entrò nel Tempio della Divinità, si guardò intorno e notò che tutto il perimetro era pieno di angeli. Riconobbe molti di loro come aspetti di sé dal passato e riconobbe molti degli angeli riunitisi nella Sala della Divinità come quelli che gli erano stati accanto nelle vite passate o in questa vita. Gli angeli erano tutti familiari di Joe: ce n’erano centinaia e centinaia, si erano radunati perché sapevano che Joe sarebbe arrivato. Joe vide una sedia in mezzo alla sala e si rese conto che per lui era arrivato il momento di avvicinarsi alla Sedia della Divinità e di prendervi posto. Lentamente si avvicinò alla Sedia della Divinità, gettando uno sguardo su tutti gli angeli presenti, sapendo che avrebbe avuto luogo un qualche tipo di cerimonia. Salì sulla Sedia della Divinità, si sedette e disse: “Caro Spirito, sono pronto per la mia illuminazione? Sono pronto per la mia divinità?” Il silenzio cadde su tutta la sala.

Un angelo si staccò dal gruppo. Un angelo grande, bello, potente e risplendente si avvicinò alla sedia su cui Joe sedeva e disse: “Joe, siamo onorati di averti qui nel Tempio della Divinità e Joe, tu non sei ancora pronto per ricevere la tua illuminazione.” La tristezza s’impossessò di Joe, la confusione e la rabbia. La sua rabbia lo risvegliò dal sogno lucido, si svegliò ricordandosi tutti i dettagli della Sala della Divinità e anche del disappunto provato quando l’angelo gli disse che non era pronto. Per il resto della notte, per tutto il giorno seguente e il giorno dopo ancora si arrovellò chiedendosi cosa dovesse fare per ricevere la sua illuminazione.

Alla fine della seconda giornata Joe concluse che non aveva studiato abbastanza, che non aveva imparato abbastanza quindi iniziò un programma molto aggressivo di lettura di libri, frequentazione di seminari e apprendimento di tutto ciò che poteva apprendere. Per i successivi sei mesi Joe lesse, studiò ed ascoltò, trascorse ogni momento delle sue giornate ad assorbire materiale, a cercare di trovare perle di saggezza.

Dopo sei difficili, estenuanti e stancanti mesi di caricamento di informazioni nella mente, una sera nei suoi sogni lucidi ritornò nel Tempio della Divinità. Aprì di nuovo la porta del tempio e di nuovo c’erano centinaia e centinaia di angeli e Joe li riconobbe tutti. Ancora una volta si mosse verso la Sedia della Divinità e si sedette. Il grande angelo si fece avanti sapendo quello che Joe avrebbe chiesto. Con un leggero nervosismo nella voce, affaticato e stanco, Joe disse: “Sono pronto per la mia illuminazione?” E ancora una volta il grande angelo disse: “Joe, tu non sei pronto per l’illuminazione.”

L’emozione causata dalla risposta del grande angelo rigettò Joe nel suo quotidiano mondo umano. Si svegliò tutto sudato, ricordandosi ogni dettaglio del sogno. Di nuovo rimase sveglio tutto il resto della notte e per i due giorni successivi, domandandosi che cosa gli impedisse di raggiungere l’illuminazione. Alla fine ci arrivò: possedeva troppe cose che lo bloccavano, troppe cose materiali che lo tenevano lontano dall’illuminazione. Le percepì come ancore attorno alle gambe che lo tiravano giù impedendogli di raggiungere la sua illuminazione. Joe uscì e dette via tutto quello che possedeva – la casa, la macchina, i risparmi, tutto tranne i vestiti che indossava. Visse in strada come un mendicante mangiando soltanto quanto serviva per mantenere in vita il suo corpo fisico, accettando soltanto lo stretto necessario da chi gli dava soldi o cibo, accettando lo stretto necessario per sopravvivere. Per sei mesi Joe visse in povertà, nel bisogno, abbandonando tutte le cose materiali per non viverle come ancore.

Dopo sei mesi, ancora una volta Joe si trovò in un sogno lucido in cui viaggiava verso il Tempio della Divinità. Aprì la porta, entrò, questa volta molto stanco, emaciato ed affamato, ma senza cose materiali tranne i vestiti che aveva indosso. Joe si sedette sulla Sedia della Divinità sentendosi molto ansioso mentre l’angelo si avvicinava a lui. Ancora una volta Joe pose la domanda: “Sono pronto per la mia illuminazione?” Questa volta il grande, bellissimo angelo non disse una parola, scrollò semplicemente il capo: “No. No.” Questa risposta non verbale lo gettò fuori dal suo sogno lucido, di nuovo nel suo mondo umano. Si trovò disteso all’angolo della strada, perché non aveva un letto… disteso all’angolo della strada a domandarsi ripetutamente quale fosse la cosa che doveva sapere. Rimase sdraiato molto a lungo all’angolo della strada, finché non arrivò qualcuno a spostarlo, come fosse un pezzo di immondizia o polvere.

Joe pensò alla propria vita, pensò al proprio cammino. All’improvviso gli sovvenne che non aveva servito abbastanza gli altri, la sua vita era stata tutta centrata su di sé. Sapeva di essere stato un egoista ad aver speso tanto tempo nel proprio risveglio e viaggio spirituale. Di sicuro la ragione per cui non era ancora pronto per l’illuminazione stava nel fatto che non aveva dato abbastanza agli altri. Così Joe s’imbarcò in un programma completamente nuovo di servizio per gli altri. Trovò ogni opportunità per aiutare qualcuno: aiutò gli anziani con la spesa, aiutò i bambini che erano caduti e si erano fatti male nel parco, aiutò le coppie che litigavano. Cercò ogni opportunità possibile per servire gli altri, per acquistare i suoi “punti per l’illuminazione.”

Dopo essersi donato per sei mesi in ogni modo possibile a qualsiasi essere umano che glielo permettesse, una sera Joe ritornò al Tempio della Divinità. Aprì la porta, vide tutti gli angeli, ma stavolta non si fermò per sentire il loro amore e la loro energia, perché adesso era un tantino arrabbiato -  voleva la sua illuminazione. Marciò verso la Sedia della Divinità e si sedette. Già prima che l’angelo riuscisse ad avvicinarglisi, disse: “Ora sono pronto per la mia illuminazione?” Un silenzio scese sulla folla e all’unisono, centinaia e centinaia di angeli dissero: “No, no, Joe, non sei ancora pronto.

A quel punto Joe scoppiò in lacrime e disse: “Mi arrendo, mi arrendo. Ho provato tutto ciò che mi era possibile per raggiungere la mia illuminazione. Ho rinunciato a tutte le cose materiali, ho servito gli altri, ho studiato la spiritualità e le religioni; ora torno qui e voi mi dite ancora di no.

Joe crollò. Dai suoi occhi scendevano le lacrime e crollando rilasciò tutte le Vecchie Energie che erano state rinchiuse dentro di lui. Un angelo alto e grande si fece avanti, mise la mano sulla spalla di Joe e lo guardò con occhi di compassione. Anche attraverso la compassione, Joe riusciva a vedere che l’angelo stava sorridendo, persino ridacchiando e questo lo fece arrabbiare ancor di più, pensare che quest’angelo stesse ridendo di lui.

Joe chiese: “Cos’altro dovrei sapere? Che cosa dovrei fare per raggiungere la mia illuminazione?” L’angelo rise e gli disse: “Joe, è molto semplice, lo è sempre stato. Avresti potuto chiedere e basta e te l’avremmo detto ma ora che hai provato di tutto, ora che hai sperimentato molte diverse cose, ora tu fai la domanda. Ti mostreremo il tuo riflesso nello specchio e in quel riflesso vedrai la risposta.”

Joe lo fissò e all’improvviso poté vedere sé stesso nel viso dell’angelo. All’improvviso poté vedere il suo stesso essere riflesso nel grande angelo in piedi davanti a lui: allora gli arrivò la risposta, semplice, così semplice che per un attimo Joe si vergognò e poi scoppiò a ridere. La risposta fu, cari amici, che Joe non aveva alcuna autostima. Joe non apprezzava sé stesso né ciò che stava facendo. Come avrebbe potuto allora avere l’illuminazione? Joe si sentiva meno che perfetto, meno di Dio. Ogni volta che veniva a sedersi sulla Sedia dell’Illuminazione, la sua mancanza di autostima veniva messa in evidenza. Quando Joe si sedeva nella Sedia della Divinità e chiedeva se era pronto per la sua illuminazione, tutti gli angeli dovevano rispondere: “No, non sei pronto perché non hai autostima. Ti vedi come qualcosa di meno di Dio, come qualcosa meno che perfetto.”

Joe vide anche nel suo riflesso che tutto ciò che aveva fatto in ogni vita era stato perfetto, ogni cosa aveva fatto parte di un’esperienza di apprendimento e crescita. Tutto ciò che aveva fatto aveva contribuito a Tutto Ciò Che É’, tutto ciò che aveva fatto aveva creato nuove esperienze per la sua anima. Tutto era stato perfetto, non c’erano state svolte sbagliate nel sentiero... mai, neppure lungo le strade minori. Non c’erano stati errori lungo il cammino… mai, persino nelle vite in cui era stato un ladro, un bandito o un assassino… tutto era stato opportuno. Sì, anche le vite in cui era stato un guaritore, un dottore, un insegnante, uno che lavorava con gli altri… anche quelle erano state appropriate.

Seduto nella Sedia della Divinità, Joe si rese conto di non dover chiedere se fosse pronto per la sua illuminazione. La risposta era già lì. Non doveva chiedere agli angeli, tutto ciò che doveva fare era accettarsi con totale compassione e amore, proprio come lo accettavano gli angeli, ma doveva farlo dentro di sé…e in quel momento Joe raggiunse la sua illuminazione, in quel momento la sua divinità brillò dentro di lui. Nel momento si rese conto che tutto era perfetto e giusto. Così si conclude la storia di Joe, Shaumbra, come voi… voi che siete seduti in queste sedie oggi… voi che oggi siete seduti ad ascoltare o a leggere. Non dovete chiedere se siete pronti per la vostra illuminazione o per la vostra divinità. La vostra divinità è qui proprio ora, pronta per partire, pronta per farvi capire la perfezione di tutto ciò che avete fatto, da sempre. La vostra divinità è in attesa che riconosciate che per essere degni non dovete avere un lavoro con un grosso biglietto da visita e con un titolo importante stampato sopra. Per essere degni non dovete parlare a centinaia o migliaia di persone: il lavoro che avete fatto dentro di voi ha fatto la differenza. Il lavoro che avete fatto per arrivare a nuove comprensioni circa ciò che siete – quello ha fatto la differenza

Voi siete degni. Non siamo noi a dovervelo dire! Vogliamo che lo capiate dentro di voi, vogliamo che accettiate che tutto ciò che avete fatto, da sempre, è servito ad uno scopo ed è stato fatto con amore e nella perfezione. Siete così duri verso di voi: nella vostra vita state affrontando dei cambiamenti e pensate di fare errori, vi preoccupate delle persone che influenzate con le decisioni che prendete. Cari amici, voi non potete influenzarle, non potete proprio. Pensate di arrecare dolore agli altri a causa delle cose che proprio ora state facendo per voi nel vostro cammino spirituale. Dovete capire che non è così. In un certo senso, voi siete i migliori insegnanti possibili per loro. Pensate di utilizzare troppo del vostro tempo per voi stessi. Vi preoccupate di dover servire tutti gli altri, come Joe.

Voi pensate che vivere una vita di povertà vi porti illuminazione e così ai livelli interiori scegliete una vita in povertà. Cari amici, in questo lavoro dello Spirito nella Nuova Energia vi serve l’abbondanza, permettetele di entrare nella vostra vita. Troppo a lungo avete vissuto nella povertà, troppo a lungo avete vissuto nella mancanza. Forse questo vi ha portato all’illuminazione? No, vi ha portato soltanto dolore, ha esaurito la vostra forza e la vostra energia.

Pensando di trovare una risposta in un libro o da qualcun altro, avete studiato, studiato e studiato, finché i vostri occhi non si sono incrociati e offuscati, neanche questo ha funzionato. Voi siete gli insegnanti, voi siete quelli che scriveranno i nuovi libri, non quelli che studiano i vecchi. Avete imparato tutto ciò che c’era da imparare dallo studio, ora iniziate a praticare. Praticate, insegnate. Siate delle guide, siate delle Guide Umane Divine.

In un certo senso, cari amici, vi siete nascosti dietro le stesse cose dietro a cui si era nascosto Joe. Vi siete nascosti dietro al pensiero che non avevate imparato abbastanza, perciò non potevate insegnare. Vi siete nascosti dietro al fatto che dovevate punirvi attraverso la povertà e così siete rimasti nella povertà. Vi siete nascosti dietro al fatto che dovete fare tutte queste cose per le altre persone, per servirle.

Cari amici, vi poniamo una domanda difficile: “Come faranno LORO a raggiungere la LORO illuminazione se non permettete loro di seguire il loro cammino che può includere anche difficoltà e sfide? Se state cercando di interferire cercando di mettere delle pezze sulle loro vite, per loro, come faranno a raggiungere la loro illuminazione?” Voi non siete qui per guarire o per salvare qualcuno, siete qui per facilitare il loro stesso processo di guarigione, siete qui per essere delle guide compassionevoli ma non per farlo per conto loro. Dalla nostra parte del velo non riceverete dei “punti da giovane scout” per aver servito gli altri. Raggiungerete l’illuminazione quando arriverete al vostro senso pieno di autostima.

Non vogliamo dovervelo ripetere ancora! Dovete scoprirlo da soli. VOI SIETE DEGNI, ANCHE VOI SIETE DIO. Tutto ciò che avete fatto, da sempre, è stato nel nome dell’amore…tutto… tutto… tutto. Anche voi siete Dio. Non avete mai ucciso nessuno. Oh, avete distrutto il loro corpo fisico e abbiamo dovuto farli rinascere, ma la loro energia è ancora qui, adesso sono seduti accanto a voi. Come avreste potuto ucciderli? Sono seduti accanto a voi. Non avete mai recato danno allo Spirito e all’amore di Dio: avete solo fatto esperienza.

Con questo, cari amici, parliamo un attimo della Nuova Terra. Parliamo un attimo di dove state andando. Ma, vi ricordiamo… non vogliamo sollevare di nuovo questo argomento dell’autostima! Ora è un problema vostro!

Cari amici, avete lasciato Casa tanto tempo fa per un viaggio, per imparare qualcosa che lo Spirito non avrebbe potuto, che voi non avreste potuto imparare rimanendo nel Regno. Avete lasciato Casa per imparare qualcosa che lo Spirito non poteva imparare per conto suo. Parte di questo viaggio significava lasciare Casa e cancellare essenzialmente qualsiasi identità che avevate per crearne una nuova. Quando lasciaste Casa, creaste una nuova identità così da poter fare esperienza in un modo del tutto nuovo. Fu un piano brillante, davvero brillante per dimenticare chi eravate, per cancellare l’identità… per stare soli. Fu un piano brillante, dobbiamo ammetterlo.

Quando attraversaste il Muro di Fuoco, la prima domanda fu: “Chi sono io?” Non eravate più a Casa, non facevate più parte dell’unità, non eravate più il Principe o la Principessa di un Regno. Non eravate niente.

Vi trovavate nel Vuoto. Non eravate niente e nell’oscurità domandaste: “Chi sono io?” Quell’unica domanda energetica vi ha spinti ad affrontare un viaggio che è continuato per eoni. Quell’unica domanda – “Chi sono io?” – vi ha portati dentro al Vuoto, dove voi e tutti gli altri avete creato gli universi. Infatti, ci sono più universi: quello che vedete là fuori è il vostro universo fisico ma ci sono molti, molti strati, molte dimensioni che voi non vedete con il vostro occhio umano. Quando domandaste: “Chi sono io?” ciò dette inizio ad un lungo viaggio. Voi andaste là fuori per sapere come fosse avere una vostra identità. Imparaste cose nel punto più profondo delle profondità, imparaste cose nel punto più vasto delle vastità e nel più lungo delle lunghezze. Imparaste cose sul colore blu, sugli uccelli. Imparaste cose sulle le stelle e creaste tutte queste cose. Le creaste per poi farne esperienza.

Creaste l’acqua e poi vi incarnaste in un corpo così da poterla sperimentare. Creaste onde d’energia fluttuanti nello spazio per poi poterci giocare. Utilizzando queste onde d’energia creaste interi gruppi e società. Creaste storie, storie fuori dall’universo, fuori dal Vuoto, storie che saranno raccontate da qui all’eternità. Le storie raccontano del come passaste da un’identità all’altra e del come vi riuniste con altre identità che stavano cercando e si ponevano la stessa domanda: “Chi sono io?”

Imparaste com’era amare e odiare, imparaste la bellezza del tramonto e la tristezza della morte. Imparaste la risata, le lacrime e ciò che si portano dentro: imparaste le gioie di avere una famiglia, di incontrare qualcuno, di innamorarsi e di creare bambini che sarebbero diventati adolescenti turbolenti. Imparaste le emozioni come la paura e la rabbia. Imparaste da tutto ciò che avete creato e tutto è servito per rispondere alla domanda: “Chi sono io?”

Avete vissuto esperienze meravigliose… stupende. Avete creato la musica per poterla ascoltare, avete creato gli animali per poter imparare la biologia e per poter avere animali domestici che vi potessero mostrare l’amore incondizionato. Avete imparato come fosse innamorarsi di qualcuno così profondamente da lasciare che la vostra energia sprofondasse nella sua e avete imparato cosa volesse dire avere dei nemici che vi avrebbero invasi, che vi avrebbero annientati se non l’aveste fatto prima voi.

Che gioco meraviglioso… che gioco meraviglioso! Cari amici, “Chi sono io?” è la semplice domanda che ha creato tutto questo. Come potrebbe esserci qualcosa di sbagliato? Tutto è stato progettato per aiutarvi a imparare e a capire, per aiutarvi ad ottenere una nuova profondità di comprensione di “Chi sono io?”

E’ stato un viaggio meraviglioso, un viaggio lungo ma, sapete, cari amici, in realtà non è passato tanto tempo - per nulla - da quando avete lasciato il Regno. È un’illusione che siano passati tanti anni, secoli e eoni…in un certo senso è stato un batter d’occhio, è passato soltanto un respiro da quando lasciaste Casa e faceste la domanda: “Chi sono io?” Ora guardate, guardate e rendetevi conto di cosa avete creato. Avete creato dei corpi fisici per poter sperimentare le vostre creazioni. Tutto in risposta alla domanda: “Chi sono io?”

Come si applica tutto ciò alla Nuova Terra? La Nuova Terra non è un pianeta, anche se ha le caratteristiche di un pianeta. questo luogo che chiamiamo la Nuova Terra possiede un’attrazione gravitazionale, un tipo d’energia che in un certo momento potrebbe sembrare avere una massa e nel momento dopo non averne. La Nuova Terra viene costruita proprio adesso da voi, viene costruita a causa dei cambiamenti che state facendo dentro di voi. La Nuova Terra viene costruita con l’aiuto di tutti gli angeli dell’Ordine dell’Arco ma, in un certo senso, voi siete gli appaltatori principali. Gli angeli stanno semplicemente aiutandovi a dar forma, a tessere e a strutturare le energie grazie a ciò che voi dite loro di fare.

Tutti avete fatto dei viaggi lì, in alcuni dei vostri vagabondaggi notturni, nei vostri sogni, quindi avete già una percezione di quest’energia, di quest’energia della Nuova Terra. Quando lasceranno questo corpo fisico, quando finirà questa vita…alcuni di voi ci andranno e in un certo senso vi risiederanno, mentre altri sceglieranno di ritornare sulla Terra.

Lasciate che vi diciamo qual’é la differenza principale riguardante la nuova Terra paragonata a qualsiasi altra cosa. Proprio ora vi state ancora domandando: “Chi sono io?” Sulla Nuova Terra non esiste alcuna domanda, esiste solamente la conoscenza: “IO SONO. IO SONO. IO SONO.” Avete fatto un viaggio molto lungo per arrivare a questo punto e non vi serve più rispondere alla domanda: “Chi sono io?” Arriverete alla nuova consapevolezza dell’“Io Sono.” Quando andrete su questa Nuova Terra – prima o poi – troverete che le cose sono molto diverse dal vecchio pianeta Terra. Scoprirete di non dover creare per voi stessi delle situazioni per rispondere alla domanda: “Chi sono io?” Quando andrete nella Nuova Terra, capirete l’“Io Sono.”

Sulla Nuova Terra lavorerete e studierete e giocherete con Nuova Energia. Come vi abbiamo già detto, la Nuova Energia non è mai stata creata prima. Una quantità finita di energia lasciò il Regno e voi avete solo continuato a spostare avanti e indietro le sue forme e le sue proporzioni. In quanto umani sulla Terra per la prima volta al di fuori del Regno avete creato la Nuova Energia. La Nuova Terra è il luogo in cui studierete quest’energia, imparerete i potenziali della Nuova Energia, imparerete cos’è possibile farci. Imparerete ad essere dei veri creatori. La differenza maggiore è che non farete più la domanda: “Chi sono io?” Capirete invece l’affermazione: “Io Sono.”

Sulla Nuova Terra sarete sia ricevitori che datori di energie. Sapete, qui sulla Vecchia Terra voi date… e date… e date: per tutto il tempo si tratta di un’espressione indirizzata verso l’esterno: arrendersi alla creazione, arrendersi a creare nuove forme e nuove identità. Sulla Nuova Terra voi darete E riceverete. Sulla Nuova Terra sarete un’energia equilibrata tra maschile e femminile. In un certo senso, non ci saranno nemmeno più un maschile e un femminile: quello era il Vecchio, quello era la dualità - sarete totalmente integrati.

Sulla Nuova Terra sarete in grado di tornare indietro e cogliere qualunque attributo di qualsiasi cosa abbiate da sempre imparato e utilizzarlo là. Non avrete un corpo fisico umano a meno che non lo vogliate: lo potrete creare e potrete letteralmente ritornare nella biologia, nella massa, ma potrete uscirne in ogni momento.

Proprio ora sulla Vecchia Terra siete - come dite voi - bloccati in questi corpi e se ve ne andate sarà una morte sicura. Sulla Nuova Terra potrete creare il corpo e potrete creare massa in qualsiasi momento scegliate di farlo: se vorrete gustarvi un bel pranzo lo potrete fare e alla fine potrete uscire dalla forma fisica ritornando a una pura forma d’energia.

Vi ho raccontato come creo il mio scenario di una casetta in campagna ma, in un certo senso è solo il mio ologramma, un’illusione. Sulla Nuova Terra sarete in grado di creare realtà, realtà materiale quando lo vorrete. Sulla Nuova Terra non ci sarà morte, perché non ci sarà un corpo permanente: non morirete mai. Sulla Nuova Terra non esiste la morte, così non avrete da attendere quella cosa tanto temuta. Sulla Nuova Terra attraverserete cicli e cambiamenti, passerete da un livello di vibrazione al livello successivo, a quello successivo, facendo forse delle pause tra uno e l’altro, ma non esiste alcuna morte.

Sulla Nuova Terra non ci sarà alcun bisogno di cercare un partner o un compagno che faccia parte della vostra vita: sarete completi in voi stessi. Voi siete integri in voi, ma sulla Nuova Terra scoprirete che potrete facilmente fondere e mescolare la vostra energia con un’altra entità, se lo vorrete. Potrete diventare parte di lei e parte della sua esperienza, capirete ogni cosa che la sua anima abbia sperimentato da sempre. Potrete vederlo letteralmente dentro di lei ma, sulla Nuova Terra, non vi sarà necessario consumarla e lei non avrà bisogno di consumare voi. Sarete integri e completi in voi stessi.

Sulla Nuova Terra non avrete un cervello come quello che avete ora come umani, perché SENTIRETE tutto. Non avrete bisogno di questa barriera, di questo filtro del cervello per processare le cose attraverso. In un certo senso, tutti gli archivi di tutte le vostre esperienze saranno contenute dentro di voi: avrete accesso, ma non sarà come un cervello che spara giudizi, che dice cos’è giusto o sbagliato. Sulla Nuova Terra non esiste giusto o sbagliato. E’ semplicemente “Io Sono.”

Sulla Nuova Terra avrete sensi e percezioni incredibili… e comprensione… e compassione… e amore… e gioia. Sulla Nuova Terra non dovrete sperimentare la paura e la rabbia che avete sperimentato sulla Vecchia Terra perché quelle facevano tutte parte di questo gioco in risposta alla domanda: “Chi sono io?”

La Nuova Terra sarà un laboratorio per studiare le applicazioni della Nuova Energia e come usarla per la creazione. La Nuova Terra sarà un luogo di apprendimento dove le energie di Casa potranno entrare in pienezza. Sì, la Nuova Terra sarà davvero un faro per Casa, per permettere alle energie del Regno, del Re e della Regina, di espandersi ora verso l’esterno.

La Nuova Terra sarà un luogo in cui voi, voi angeli umani, potrete anche lavorare con gli umani che saranno rimasti sulla Vecchia Terra. Vi sarà letteralmente possibile sedervi accanto a loro e può darsi che non vi riconoscano, perché si trovano ancora nella dualità. Sarete in grado di trasportarvi indietro sulla Vecchia Terra, perché ci siete già stati, avete contribuito a crearla e sapete come funzionano le energie, quindi sarete in grado di tornare indietro per stare vicini a quelli che chiedono di essere guidati. Sarete in grado di andare a sedervi con loro e saranno molto pochi quelli che vi riconosceranno perché si troveranno ancora nella Vecchia Energia. Lo capite, cari amici, che anche noi che ci troviamo da questa parte del velo non possiamo avvicinarci troppo a voi, gli umani?

Ci sono barriere energetiche che c’impediscono di venire molto vicino, ma dalla Nuova Terra sarete in grado di venire e stare anche molto più vicino di quanto non stiamo noi adesso. Qui c’è una domanda - qualcuno si sta chiedendo se entità come me - Tobias - o Maria o qualcuno degli altri possano andare su questa Nuova Terra in qualsiasi momento? In un certo senso, sì, lo possiamo fare, ma non possiamo restarci. Possiamo solo visitarla e questo è il modo migliore di esprimerlo. Per poter essere veramente un residente della Nuova Terra bisogna passare attraverso tutto il processo di illuminazione sulla Vecchia Terra, questo è il sentiero che porta alla Nuova Terra. Gli angeli che si trovano da questa parte del velo non possono aggirare la Terra per arrivare in questo nuovo luogo.

Qualcuno chiede: “Qual è il nome della Nuova Terra?” Vi diciamo che non le è ancora stato dato un nome. Le energie sono ancora in costruzione e non sarebbe giusto darle un nome a questo punto. Vi diciamo anche che la Nuova Terra è un luogo separato - non un pianeta, ma piuttosto un costrutto d’energia. Da quanto abbiamo visto, da quello che percepiamo che sarà si tratta di un luogo meraviglioso, sarà un luogo in cui capirete davvero ‘l’Io Sono’ di chi siete.

Cosa succederà alla Vecchia Terra? Non lo sappiamo ancora. Dipende da voi, dipende dagli altri umani. Anche sulla Vecchia Terra vediamo il forte potenziale degli stessi cambiamenti che stanno accadendo sulla Nuova Terra, vediamo che la comprensione dell’‘Io Sono’ può avvenire altrettanto bene qui, su questa Terra fisica. Vediamo che la Vecchia Terra, anche la Terra fisica possiede il potenziale per lasciar andare la dualità. Vediamo per voi il potenziale di non dover portare il corpo fisico per tutto il tempo sulla Vecchia Terra. Vediamo il potenziale per l’assenza di guerre, perché non ci sarà più nulla per cui combattere: con la comprensione dell’“Io Sono” non ci sarà più alcuna necessità di combattere. La Vecchia Terra ha il potenziale del cambiamento, la Vecchia Terra ha il potenziale di introdurre gli attributi della Nuova Terra. La Vecchia Terra ha anche gli attributi, cari amici, per essere un luogo per le anime che vogliono continuare a giocare al vecchio gioco, che vogliono continuare a cercare la risposta alla domanda: “Chi sono io?” La Vecchia Terra ha il potenziale di proseguire le guerre... di continuare l’inquinamento... di continuare la sfiducia... di perpetuare le emozioni di rabbia, odio ed ira. Esiste anche questo potenziale e in realtà, a questo punto, dipende da voi e dagli altri umani in quale direzione andrà la Vecchia Terra. Dipende veramente dal lavoro che svolgete dentro di voi, nel profondo, dentro di voi.

Siamo a un punto in cui non siamo in grado di dirvi nulla, pro o contro. Non vediamo la Vecchia Terra subire alcun genere di distruzione o annientamento ma potrebbe darsi che resti un campo giochi della vecchia dualità. Questo si deciderà qui, nel corso dei prossimi anni, nel periodo di cui avete parlato definendolo il “salto quantico.” Ciò determinerà la direzione in cui andrà la Vecchia Terra, ma quello che sappiamo proprio ora è che la Nuova Terra è in costruzione, voi la state costruendo. Non ponetevi più la domanda: “Chi sono?” Avrete la comprensione dell’“Io Sono.” è qualcosa che state incominciando a sperimentare nella vostra vita proprio ora.

Sappiamo che ci saranno molte domande riguardanti la Nuova Terra. Ve ne saranno alcune a cui non saremo in grado di rispondere perché la cosa non è ancora stata definita, ma possiamo darvi un quadro d’insieme delle energie della Nuova Terra e la comprensione di come potrete prendere tutto ciò che avete fatto da sempre e giocarci sulla Nuova Terra. Sulla Nuova Terra potrete entrare nella materia fisica, potrete fare tutte queste cose.

E con questo, cari amici, è arrivato per voi il momento di parlare. E’ il momento dello Shoud, perché voi parliate a voi stessi di ciò che sta avvenendo nelle vostre vite. Io, Tobias, mi farò da parte per un momento e sentirete il suono del vostro stesso cuore, del vostro stesso essere farsi avanti. Ci prendiamo un attimo per adattare le energie.

(pausa mentre Cauldre passa da Tobias allo Shoud)

SHOUD: Noi siamo Shaumbra e siamo famiglia. Siamo una voce e siamo molte voci. Insieme facciamo un viaggio, un viaggio di Shaumbra, un viaggio che ci conduce da Casa a questo nuovo luogo di cui parla Tobias, la Nuova Terra. Mentre ascoltiamo le parole di Tobias, sogniamo che la Nuova Terra si trovi esattamente qui, in questo luogo dove viviamo ora. Sogniamo di portare queste stesse energie su quella che è stata chiamata la Vecchia Terra. Come Shaumbra, vediamo il potenziale perché tutte queste cose avvengano su questa Terra.

Come Shaumbra, proprio ora ci sono tali e tanti cambiamenti sul nostro cammino che certe volte è molto difficile. A volte non siamo sicuri di dove svoltare, non siamo sicuri di quello che ci sta sbarrando la strada. Oggi siamo qui per dirci una cosa breve e semplice: in passato abbiamo creato tantissime regole per noi, abbiamo creato regole che ci aiutassero a superare i tempi difficili, regole su come dovevamo agire… su ciò che dovevamo mangiare… che dovevamo pensare… con chi ci dovevamo associare. Ci siamo creati delle regole su ciò che è giusto e su ciò che è sbagliato, su ciò che è bene e su ciò che è male. Abbiamo creato tantissime regole e a volte è difficile andare avanti.

Come Shaumbra, ci ricordiamo che proprio adesso è ora che crollino tutte le regole, che nella nostra vita non ci sia alcuna regola. Da adesso e fino alla fine di quest’anno prenderemo in considerazione le regole che abbiamo creato sul modo giusto di vestirsi… sul modo giusto di parlare… sul modo giusto di agire… sulle cose giuste in cui credere… sui cibi giusti da ingerire.

Abbiamo creato volumi su volumi di regole e nessuna di loro è ancora applicabile. Nei prossimi giorni e settimane, mentre sperimenteremo le cose nella nostra vita ne terremo conto: osserveremo tutte le regole che abbiamo e arriveremo a capire che le regole forse ci sono servite in passato, ma non sono più adatte.

E’ ora che tutte le regole scompaiano. Abbiamo permesso alle regole di regolare la nostra vita, abbiamo ceduto il controllo e il potere di ciò che siamo a regole che non sono più valide. Abbiamo lasciato che una porzione della nostra identità fosse il giudice e la giuria. Queste sono le voci che sentiamo nella nostra testa, sono le voci delle stesse regole che abbiamo inventato, dando poi l’autorità a una parte di noi stessi. Per rafforzare le regole noi sentiamo la voce del giudice e della giuria che stanno controllando e guidando gran parte delle nostre vite. E’ ora di prendere tutti quei libri di legge che abbiamo scritto per noi e buttarli via; quelle vecchie regole non ci si adattano più, le vecchie regole non ci stanno più bene addosso, non ci servono più.

Come Shaumbra, abbiamo ceduto il potere a vecchie regole che il vecchio sé aveva creato. Come Shaumbra, abbiamo lasciato che il nostro regno fosse governato da alcuni aspetti di noi - il giudice e la giuria che ci dicevano cosa fare e cosa non fare. Osservando il nostro cammino e ciò che ci sta davanti ci rendiamo conto che le vecchie regole ci impediscono di diventare ciò che siamo, ci impediscono di comprendere il vero “Io Sono.” perciò è ora di capire come quelle vecchie regole dettano e guidano le nostre vite e poi le lasceremo andare, proprio tutte.

Ci sono regole che guidano le nostre vite e non le percepiamo neppure come regole. Sono penetrate e cementate dentro di noi così profondamente che non ci rendiamo conto che erano solo illusioni, che non ne abbiamo più bisogno. Tendiamo a crearci linee guida talmente sottili che non ci permettono di esprimerci davvero né di godere veramente. Abbiamo creato gran parte delle regole perché non avevamo fiducia in noi, non avevamo fiducia nel nostro potere e nella nostra divinità quindici siamo limitati con regole su regole su regole circa il modo di vivere… circa ciò che dovevamo essere… circa il modo in cui gli altri ci dovevano percepire.

Ci rendiamo conto che queste vecchie regole sono gli ultimi baluardi di ciò che deve essere rilasciato per diventare un Umano Divino. Abbiamo lasciato andare le vite passate, abbiamo lasciato andare le vecchie energie, abbiamo lasciato andare altre persone. Ora, come Shaumbra ci rendiamo conto che è ora di lasciar andare tutte le vecchie regole che abbiamo creato. Nessuna di loro è ancora valida e non c’è alcuna ragione per scriverne delle nuove. Se intendiamo lasciare che la nostra divinità sia la nostra guida perché mai dovremmo aver bisogno di regole? Perché mai dovremmo creare delle restrizioni? Se davvero ci fidiamo di noi come angeli divini non ci sono regole, esiste solo la creazione, esiste solamente l’‘Io Sono.”E così è. (breve pausa mentre Tobias ritorna)

TOBIAS: Io, Tobias, ritorno solo per un momento. Ah, ci piace osservarvi, ci piace questo tempo trascorso insieme. Abbiamo fatto un bel pezzo di strada oggi. Parleremo ancora della Nuova Terra nelle prossime riunioni, parleremo ancora di ciò che avete detto – di come quest’energia della Nuova Terra possa far parte anche della Vecchia Terra. Possiamo vedere la fusione della Vecchia Terra con la Nuova Terra così che siano una, così che non debbano essere separate. Ciò potrebbe richiedere un po’ di tempo ma, cari amici, con il lavoro che state facendo esiste il potenziale perché questo accada, esiste il potenziale perché la Nuova Terra sia proprio qui.

Voi non siete mai soli. Avete Shaumbra come famiglia. Avete noi, gli angeli, come cari amici.

E così è.

La Serie dell’Umanodivino

UMD5 – DOMANDE & RISPOSTE

E così è, cari amici, che proseguiamo con l’energia della nostra riunione. Noi osserviamo ciò che succede e vediamo che tanti di voi usano questa opportunità della riunione degli Shaumbra per lasciar andare cose che non sono più adatte a loro. Le lasciate andare ai livelli profondi, interiori e nei giorni e nelle settimane successive dopo che vi siete riuniti in questo modo le cose emergeranno per essere rilasciate.

Voi venite qui con la passione, il desiderio e la forza di lasciar andare tutte queste cose per poter essere davvero liberi, veramente liberi dalle vecchie identità. Potete essere liberi, proprio come avete detto nello Shoud, dalle vecchie regole. Ci veniva proprio da ridere mentre vi sentivamo esprimere questo concetto, stavamo aspettando che lo diceste – che era ora di lasciar andare le vecchie regole che vi siete portati dietro così a lungo.

Nelle vecchie chiese esistono vecchie regole su ciò che è giusto e ciò che è sbagliato e queste non fanno altro che intensificare la dualità e persino nella vostra New Age esistono regole su a ciò che è giusto e ciò che è sbagliato. Molti di quelli che si stanno risvegliando nel cammino spirituale cercano gli insegnanti New Age e si trovano ad affrontare altrettante regole quante ce n’erano nelle vecchie chiese.

Perciò è un piacere sentire voi, Shaumbra, dire che siete pronti a lasciar andare le regole. Nello Shoud dite che le regole non vi servono più, dite di essere pronti a riprendere possesso del vostro regno, del vostro Sé. Sì, davvero, come avete detto nello Shoud osservatevi oggi, domani, nelle prossime settimane e mesi... osservate come le vecchie regole si ripresentano a dettar legge nella vostra vita. Quando lo faranno riconoscetele per ciò che sono, riconoscete che non ne avete più bisogno. Voi non avete bisogno che queste regole vi dicano cos’è bene o male, giusto o sbagliato, perché in un certo senso non esiste alcun bene o male. Come vi abbiamo detto prima, tutte le cose che avete fatto da sempre sono servite allo scopo di aiutarvi a capire chi siete. Tutto ciò che avete fatto, da sempre, vi ha dato nuove capacità di penetrazione e nuove dimensioni.

La dualità è stata un gioco meraviglioso che avete creato per aiutarvi a vedere entrambi i lati di voi, per aiutarvi a vedere lo specchio, per capire chi eravate, ma ora vi state spostando in un tempo e verso l’energia del “Io Sono. Io Sono Spirito. Anch’io Sono Dio. Io Sono la luce e Io Sono l’oscurità. Io Sono Ciò Che Io Sono.”

In passato avete già sentito queste parole, molte volte, da molti altri ma adesso è il momento di viverle e non come concetto intellettuale, non come uno slogan quando parlate agli altri, ma viverle nella vostra vita: “Io sono spirito. Io sono divino. Io sono degno. Io sono l’inizio. Io sono la fine. Io sono sempre.”

Cari amici, cari amici, questa è la Nuova Energia. E’ così che funziona la Nuova Energia: questa è l’energia dietro alla Nuova Terra, ma può anche essere l’energia nella vostra vita, oggi. “Io Sono” – non cercate più di scoprire chi siete… non dover più cercare la vostra identità. L’avete cercata così a lungo.

È arrivato il momento di vivere senza le regole che vi siete imposti, è ora di vivere con dignità e con la comprensione che tutto ciò che da sempre avete fatto è servito ad uno scopo, tutto ciò che avete fatto finora ha costruito il veicolo della vostra anima. Ora è arrivato il momento di essere degli angeli umani sulla Terra con la comprensione che Io Sono… Io Sono.

Con questo saremmo lieti di rispondere alle vostre domande.

DOMANDA DA SHAUMBRA 1: Ciao, Tobias. La mia domanda riguarda… beh, in realtà si tratta solo di una conferma sugli esseri interdimensionali che hai menzionato prima. Mi sembra che noi possiamo vedere questi esseri, per esempio nei sassi o negli alberi o persino nei lampioni. Mi stavo solo chiedendo quali erano i tuoi pensieri su questo?

TOBIAS: Questa è un’eccellente domanda. Vorremmo iniziare col dire che ogni cosa ha coscienza... ogni cosa... ogni cosa. La Terra, gli alberi, le foglie sugli alberi, gli animali... sì, persino le cose create dall’uomo – bottiglie di plastica, una sedia, la luce. Qualsiasi cosa possiede una coscienza e una vibrazione unica e infatti, diventando sempre più sensibili, quando lascerete cadere tutti i vecchi filtri potrete vederle.

Le coscienze esistono a molteplici livelli. Per esempio un singolo uccello, come una ghiandaia, può avere una sua coscienza, mentre al livello successivo esiste la coscienza di tutte le ghiandaie, la coscienza “ghiandaia.” C’è poi un altro livello - la coscienza degli uccelli, poi un ulteriore livello - la coscienza degli animali che a sua volta incorpora la coscienza di tutta la Terra, perciò esistono molteplici strati e molteplici livelli.

Quando vi aprirete e diventerete più consapevoli di queste cose potrete parlare a queste energie. Sì, davvero… Shaumbra, incoraggiamo tutti voi a parlare a queste energie, a comunicare con loro. Persino l’energia di una penna che tenete in mano ha una sua coscienza, non uno spirito come il vostro, ma ha una coscienza e potrete parlarle.

Potrete parlare ai vecchi mobili che sono stati lì per centinaia di anni… e le storie che vi racconteranno sulla gente che ci si è seduta sopra! Tutte queste cose sono vive e vibranti e in quanto umani illuminati, potrete attingervi, potrete divertirvi molto giocando con tutto questo.

Mentre guidate lungo la strada, il segnale dello stop ha coscienza e vi racconterà quante persone gli sono passate accanto, vi racconterà quante persone l’hanno maledetto, vi permetterà di sentire la parte metallica di sé, vi permetterà di percepire la forza del suo messaggio. Esistono tanti strati e tanti livelli.

Ora, a volte sarete un po’ confusi perché entrerete tra tutti i diversi strati e livelli e può darsi che all’inizio questo vi causi un po’ di confusione ma, lavorandoci su, parlando a tutto ciò che vi circond, sarete in grado di discernere il livello o lo strato su cui vi trovate… con chi state comunicando… che cosa state sentendo.

Poi questo andrà ben oltre le cose che vi circondano. Ci sono strati e livelli di coscienza interdimensionale che esistono persino in questa stanza, strati con entità che hanno abbandonato il corpo umano ma stanno ancora camminando sulla Terra: voi li definite fantasmi e proprio adesso ce ne sono alcuni in questa stanza. Sono molto perplessi riguardo a voi, a tutti voi e non sono sicuri del perché si trovano qui, ma c’è qualcosa che li ha attirati.

Poi ci sono gli strati di coscienza degli angeli che sono qui e amano sentirvi parlare con loro e questo li fa brillare e scintillare. Esistono livelli intergalattici di coscienza, esistono - come direste voi - tipi di forme di vita intelligente negli strati dei livelli intergalattici. Abbiamo detto che quando osservate il vostro universo fisico là fuori non c’è un granché, ma c'è molto in mezzo, negli altri strati e livelli. Su questi altri pianeti del vostro universo non ci sono molte forme di vita, ma ci sono forme di vita negli strati che si trovano al di sopra, al di sotto e accanto.

Tra parentesi, tutti stanno aspettando di poter venire un giorno in questo strato che chiamate il vostro universo. Stanno aspettando che voi facciate il lavoro che permetterà alla porta di aprirsi, in modo che possano entrare in quello che conoscete come il vostro universo fisico. Molti di questi, che voi chiamate alieni, esistono su altri livelli interdimensionali.

Come abbiamo detto prima sono voi dal passato, sono voi dal passato. In un certo senso, in termini di tempo sono il vostro passato e in un certo senso, è perché voi avete piantato i semi di quelle razze che definireste alieni; avete piantato i semi e avete dato inizio a quelle famiglie e a quei gruppi, poi avete proseguito e per questo possiedono ancora tanta della vostra energia.

C’è vita tutt’attorno a voi. Se state in silenzio e aprite quel vostro cuore la sentirete tutta e presto sarete in grado di vederla tutta. C’è coscienza in una roccia ed essa vi parlerà. Quando imparerete a comunicare con la roccia, allora capirete come spostarla senza toccarla.

DOMANDA DA SHAUMBRA 2: Tobias, come membro gay degli Shaumbra vorrei semplicemente ringraziarti per le tue parole compassionevoli e per la comprensione.  Vorrei solo che tutti i gay, tutte le lesbiche e i bisessuali avessero quella compassione e comprensione.

TOBIAS: E noi ti ringraziamo per il tuo viaggio e per ciò che hai sopportato nella tua vita. Chiediamo che tutti gli Shaumbra qui presenti ti onorino adesso con un applauso per ciò che hai fatto. Un giorno tutti gli umani guarderanno indietro ai giorni in cui esisteva la dura separazione tra maschile e femminile, tra uomo e donna e si domanderanno perché mai sia successo. Un giorno guarderanno indietro ai veri guerrieri della causa per riportare insieme queste energie, a quelli come te, quelli che si trovano nella vostra società ora a sostenere delle difficoltà, a sostenere l’indignazione di quelli che si professano religiosi. Grazie.

DOMANDA DA SHAUMBRA 3: Tobias, Fin dalla Serie del Creatore ci hai detto che se scegliamo di creare qualcosa, lo possiamo fare. Perché non lo stiamo facendo?

TOBIAS: Regole! Le vostre regole! La vostra autostima! Tutti questi argomenti di cui vi parliamo e riparliamo… vecchi argomenti da vite passate che sono ancora bloccati, da vite passate in cui avete fatto voto di povertà… regole che vi imponete adesso, in questa vita!

Lo sapete, cari amici, che la vostra paura più grande è la vostra abilità di creare? Vi preoccupate che lasciati senza muri, senza regole e restrizioni e senza barriere e filtri potreste creare qualcosa di brutto o terribile. Ripensate ai tempi in cui, già prima di venire sulla Terra, avete creato l’universo fisico e c’erano grandi guerre e grandi battaglie.  Vi siete detti:  “NON esprimerò MAI PIÙ il mio potere in questo modo!”  ed eccovi qui, davanti a noi, a chiedere come mai non riuscite a creare.

Non riuscite a vedere da soli perché non riuscite a creare? Non vedete tutti i filtri e tutte le barriere che vi siete messi intorno, la paura di essere creatori? Ora lasciatele andare e create, lasciatele andare e create qualunque cosa il vostro cuore desideri.

Non preoccupatevi di creare troppo per voi, non preoccupatevi del fatto che se create abbondanza per voi togliete qualcosa agli altri. Questo non avverrà, c’è abbondanza per tutti: è tutta questione di autostima, tutto si riduce al vostro essere degni.

Voi avete la capacità di creare universi. Ora, portate questa capacità e questo potere sulla Terra e non temete di essere chi siete. “Io Sono”, ricordatevi del “Io Sono.” Dovrete anche esercitarvi a creare prima che succeda qualcosa. Vediamo degli umani che stanno seduti e attendono, attendono di creare, ma senza esprimere. Non accadrà, se voi non fate il primo passo. L’abbondanza inizia quando voi iniziate, la salute inizia quando voi iniziate. Le relazioni, o tutte queste altre cose di cui gli umani si preoccupano… tutto inizia quando voi iniziate. Prendete quella bacchetta magica che avete e fatelo. E così sia! Tu sei un creatore!

DOMANDA DA SHAUMBRA 4: Sono davvero felice che tu abbia detto questo. Io sento che sto infrangendo le regole, e che è ora per me di creare. Mi chiamo Linda Lee e sono qui per aiutare l’umanità e mi potete contattare al This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.. Vi ringrazio tanto per il mio viaggio e sono felice di aiutare gli altri nel loro viaggio.

TOBIAS: Proprio così e grazie ai cambiamenti che hai fatto dentro di te stai aiutando l’umanità. Rendendoti disponibile e affermando di essere un’insegnante sei pronta a guidare gli altri che vengono da te. Già in questo tu fai una grande differenza. In verità, per tutti voi, per tutti voi, c’è soltanto una cosa da insegnare agli altri - che anche loro sono Dio. L’insegnamento verrà fatto in molti modi diversi a seconda della persona che si rivolge a voi ma, davvero, rendetevi disponibili. Affermate che siete insegnanti, lasciate che la vostra anima lo senta. Affermate di essere pronti per qualunque cosa si presenti e così sarà.

DOMANDA DA SHAUMBRA 5: Salve, prima di tutto voglio dire: “Grazie, Tobias… grazie, Geoff… grazie Linda.” E una parte di questo “grazie” è dovuta al fatto che da circa 10-12 anni sono terrorizzato quando devo alzarmi e parlare davanti alla gente. Eccomi qua!  Penso che lo Spirito mi abbia spinto molto forte, altrimenti non sarei qui proprio adesso. Oh, che cosa voglio dire? Sapete, quando ero bambino ho avuto un’educazione cattolica romana e la primissima domanda del catechismo è: “Dov’è Dio?” E Dio è dappertutto. Così, negli anni 80 lessi “Io sono Dio” e fu abbastanza facile accettarlo poi, in qualche punto del cammino scoprì che cattolico voleva dire “universale.” Allora fu come dire “Oh, non sono cattolico romano, sono solo cattolico” eccomi qui e sono bloccato. C’è questa… Tobias, sapresti cosa intendo se dicessi “la lettera”? Tu sapresti, Tobias, che cosa intendo se mi riferissi “alla lettera”? E’ qualcosa che ho scritto che sembra tenermi bloccato. Comunque, non mi sembra di aver a che fare con la mancanza di autostima, bensì con due cose diverse – l’incomprensione e la sfiducia. Puoi commentare per me, per favore, perché voglio aiutare più gente possibile, per il bene supremo…ma sono bloccato.

TOBIAS: Sappiamo che tanti di voi proprio ora si sentono bloccati. Parte di ciò è dovuto al fatto che ci sono tanti vecchi argomenti che stanno ancora venendo a galla e come abbiamo detto prima, nei prossimi mesi. diventerà più facile, sarà più facile. Parte dell’altra cosa è quello che avete detto voi stessi nello Shoud oggi – che ci sono così tante vecchie regole, che VOI avete messo lì, che stanno in mezzo. È ora di lasciarle andare, le lasciate andare osservando e vedendo che cos’erano per poi rilasciarle.

Cari amici, per chi ha fatto la domanda – come dire – non sta a te o a nessuno di voi cambiare o salvare il mondo. Sappiamo che tantissimi di voi nell’amore più grande, dal proprio cuore dicono: “Sono qui per aiutare l’umanità, per salvare l’umanità” ma non c’è nulla da cui l’umanità debba essere salvata! Tutti si stanno godendo il loro gioco, si stanno deliziando e divertendo con le malattie del loro corpo e con i problemi che stanno affrontando con i loro coniugi e amici e si divertono con le battaglie che portano avanti nella mente. Lo capite che anche voi siete venuti da lì? Siete passati attraverso tutte queste esperienze e fino a quando non eravate pronti per il vostro risveglio, questo faceva parte del vostro viaggio.

Così, ricordiamo a tutti voi che siete degli insegnanti e loro verranno da voi, verranno da voi quando sarà il momento giusto. Non c’è nulla che dobbiate andare a predicare agli altri, non c’è bisogno che saliate su un palco improvvisato per predicare delle regole. Non c’è bisogno che raccontiate a altri che cosa dice Tobias: dovete raccontare loro quello che dice il vostro cuore.

Per te, in particolare, che ci hai rivolto la domanda, ci sono – come dire – alcuni argomenti personali che sarebbe meglio non discutere qui proprio ora. Perciò ti chiediamo di parlarne dopo con Cauldre. Ci piace offrirlo volontario! Trova un momento per discuterne con lui. Ci sta chiedendo dove potrà trovare il tempo, ma sappiamo che lo troverà. Sarebbe meglio non discutere questo argomento piuttosto personale, ma ti ringraziamo per l’opportunità di parlare di queste altre cose.

DOMANDA DA SHAUMBRA 6: Salve, Tobias. Io sono Jim. Grazie di essere qui e di passarci questa bella illuminazione, questa informazione che ci stai dando che sta cambiando le nostre vite e sento... o cambiando la mia coscienza. Sento, secondo la mia percezione che sto cambiando non solo la mia vita, ma quelli che mi stanno attorno. Una delle domande che ho per te è – nella nostra vita scegliamo il dolore per cambiare noi stessi?

TOBIAS: Sì, lo fate proprio perché lo Spirito non agisce dietro le quinte, non agisce dietro le quinte, mai. Gli angeli non agiscono mai dietro le quinte. Siete voi stessi a preparare ogni esperienza per voi e la difficoltà sta nel fatto che voi non vi rendete sempre conto di come le preparate queste cose. Questo avviene ad altri livelli interiori che non riconoscete a livello consapevole e quindi vi regalate ogni tipo di esperienza.

In passato vi siete preparati esperienze basate sulla vostra percezione del karma, sulla vostra percezione di una legge di equilibri. Ora tanti di voi l’hanno superato, ora capite che non esiste alcun karma e voi predisponete tutto come parte della vostra crescita e della vostra comprensione.

Ora, ci troviamo in un momento di transizione in cui non c’è alcun bisogno di lezioni, non c’è alcun bisogno di passare attraverso dolore e difficoltà. State transitando dal vostro lavoro a essere presenti per gli altri, quando sarà arrivato il loro momento di venire da voi e il vostro momento per entrare in servizio. Ne abbiamo parlato già prima quando abbiamo detto: “Non si tratta più di voi.” Nella vostra vita avverranno cose che per cui sarete le guide e i facilitatori per gli altri, ma siete voi a preparare anche questo. Vi state posizionando per essere i loro insegnanti.

In risposta alla tua domanda – lo Spirito e gli angeli non creano mai lo scenario per voi, mai. Tutto viene dal di dentro e quando lo osservate da questo punto di vista, arrivate a capire meglio che siete davvero dei creatori.

LINDA: Questa sarebbe stata l’ultima domanda.

TOBIAS: Un’altra ancora andrebbe bene.

DOMANDA DA SHAUMBRA 7: Grazie per tutto quello che fai, Tobias, e tutti quanti. Vorrei liberarmi dal dolore. Vorrei… voglio che se ne vada! Non m’importa qual’é il mio viaggio. Voglio che se ne vada. Come faccio a farlo?

TOBIAS: Ti amiamo per quanto l’hai fatta semplice! In realtà – come possiamo dirlo – devi capire che, per quanto possa essere difficile, devi capire che questo dolore che provi prima di tutto è solo un’illusione. Non sembra così ma è davvero solo un’illusione. Devi capire che tu puoi esigere che questo dolore se ne vada, puoi insistere: TU sei il creatore, tu sei il sovrano del tuo regno. In realtà questo dolore esiste a causa di vecchi problemi, ma tu gli permetti ancora di risiedere dentro di te.

Tu puoi rimuovere il dolore: digli di andarsene e se ritorna, ti sta solo mettendo alla prova per vedere quanto sei forte. Ti stai soltanto mettendo alla prova per vedere quanto sei forte. Se ritorna, esigi che se ne vada di nuovo, esigi che ti lasci.

Questo è un ottimo argomento, Shaumbra, perché accade spesso che quando cambiate la struttura mentale, quando lasciate andare le cose, queste ritornano perché si tratta di un auto-test: è il modo in cui verificate se eravate davvero seri su ciò che siete e ciò che fate. Qualche volta dovete ripeterlo più volte finché non capite a livello dell’anima e non riuscite a sentire la vostra stessa voce dire: “Io Sono” perciò la cosa migliore da fare con questo dolore è dirgli che non c’è più posto per lui nella tua vita, dirgli di andarsene. Tu sei il creatore, tu sei il sovrano del tuo regno.

E così è, cari amici, che ci avviciniamo a questo periodo meraviglioso di vacanze e di Natale sulla Terra. Ci avviciniamo a questo momento di completamento delle griglie. Godetevi queste prossime settimane, queste ultime settimane che rimangono con la griglia nella posizione in cui era, capendo che ora avete accesso a tutta la vostra divinità. Ora sta a voi farla entrare, possederla e usarla.

Noi amiamo questo periodo dell’anno sulla Terra perché le energie sono così meravigliose. C’è tanta apertura del cuore, c’è tanto amore e tanto ricevere. Sì, certo, c’è dello stress e ci sarà dello stress, come abbiamo detto all’inizio del nostro discorso oggi, stress causato da questi cambiamenti che proseguono. Noi saremo con voi mentre vi godete questa stagione di vacanze con chi amate e con chi condividete la vostra vita.

Saremo proprio accanto a voi. In verità, non siete mai soli. 

E così è!

La serie dell’Umanodivino

SHOUD5 - LA NUOVA TERRA

presentato al Crimson Circle l’8 dicembre 2002



E è così, cari amici, che ci riuniamo di nuovo come famiglia, come Shaumbra.

Noi condividiamo le nostre energie, condividiamo il nostro amore e condividiamo il nostro viaggio. È vero che a me, Tobias, piace tanto arrivare rombando, come dice Cauldre. Mi piace entrare nel vostro spazio, sedermi accanto a voi, stare con voi, sentirvi così vicini. Noi che stiamo da questa parte del velo, non possiamo avvicinarci a voi a meno che non ce lo permettiate e naturalmente non possiamo interferire. Non possiamo neanche avvicinarci a voi a meno che voi non ci diate il permesso e non apriate i vostri cuori.

Ecco perché è una grande gioia per me, Tobias e per tutti gli altri angeli ed entità che siedono nel Secondo Cerchio riunirci con voi in questo modo. Oh, loro sono eccitati quanto lo sono io, sono qui oggi a riempire il Secondo Cerchio centinaia e centinaia di angeli ed entità che, in un certo senso, devono acquistare i biglietti per questo show perché per mantenere un certo equilibrio, noi limitiamo il numero e il quoziente energetico che entra.

Gli angeli arrivano, attendono di stare con voi, attendono di sentire la vostra energia e il vostro amore, attendono di vedere questa sorprendente creatura chiamata umano che ora si sta trasformando in un Umano Divino. Vengono per osservare perché sanno che arriverà il loro momento di entrare in un corpo fisico e di camminare sulla Terra come umani. Gli angeli sono affascinati da tutto ciò che fate, prendono nota, trascrivono. Stanno osservando come il primo gruppo di umani si sta integrando pienamente nella Nuova Energia. Stanno aspettando che voi comunichiate con loro al vostro livello, che parliate loro e li sentiate. Sì, è verso questo che state andando - parlare loro dal cuore e sentire la loro risposta senza filtri, senza gli strati che interferiscono con le comunicazioni. Come fate a realizzare questo, cari amici? Lo fate aprendovi, ma piuttosto che con il pensiero, lo fate attraverso il sentire. Sentirete le loro vibrazioni, li canalizzerete, davvero, mentre imparate a canalizzare voi stessi e gli altri umani. Poi, li canalizzerete e ciò che sentirete da loro, dietro a tutte le parole, dietro a tutti i sentimenti è che voi siete i gloriosi, siete coloro che hanno intrapreso il viaggio difficile. Siete i loro insegnanti: ecco cosa sentirete.

Noi amiamo tanto queste riunioni! Amiamo questo tempo passato insieme a voi e proprio tanto di ciò che viene detto va oltre le parole. Sì, come Cauldre stava dicendo prima della canalizzazione, egli ha imparato – voi state imparando – che non si tratta delle parole… si tratta delle energie e cari amici, quando voi, come Shaumbra, imparerete a canalizzare, imparerete a capire queste energie e non dovrete preoccuparvi delle parole. Non dovrete tradurle in parole. Si possono dire tante cose senza le parole perché senza le parole si aggira il cervello, la mente e si va direttamente nel cuore, si va direttamente verso la profondità. Gran parte di ciò che viene detto alle nostre riunioni non viene espressa in parole. Ecco perché moltissimi di voi entrano nella “zona” e altri scivolano via, perché vi permettete di ricevere queste energie.

Che gruppo meraviglioso abbiamo qui oggi, quelli seduti sulle sedie e quelli che si sono connessi da tutto il mondo - un gruppo di persone, come dicevamo, che alzarono la mano quando la tromba di Gabriele suonò e dissero: “Caro Dio, caro Spirito, mi dedico al servizio. Farò qualunque cosa.” Eccovi qui seduti, dopo molti anni, dopo molti anni, dopo aver attraversato molte difficoltà e sfide, dopo aver rinunciato a tutto ciò che pensavate di essere per diventare tutto quello che vi è possibile diventare. Eccovi qui seduti, pronti per affrontare dell’altro, in attesa di ciò che seguirà, mentre cantate ancora la canzone del vostro cuore che dice: “Spirito, io mi metto al tuo servizio, al servizio del Tutto.” Ci incontriamo in questo modo tante volte quando sognate, quando di notte state dormendo. Sì, tutti noi ci incontriamo in questo modo, come gruppo. Se è per questo che l’energia sembra tanto familiare è perché ci incontriamo davvero e molto spesso stiamo seduti così, in silenzio, spesso a sentire solo le vibrazioni. Ecco dove andate di notte, tra gli altri vostri viaggi. Voi venite in questo posto di energia ‘shaumbratica’, stiamo seduti e sorridiamo. Ci sono un po’ di lacrime, ma noi condividiamo le energie, condividiamo le storie, condividiamo noi stessi.

Cari amici, ultimamente molti di voi hanno sentito stress nel corpo. Lo sappiamo, riusciamo a vederlo mentre ci siamo seduti qui e vi osserviamo. Possiamo vedere ciò che somiglia a eruzioni solari uscire dal vostro campo aurico. Molto stress, anche nella vostra mente. Cercate di capire che questo è dovuto in gran parte al fatto che proprio ora si stanno facendo gli aggiustamenti finali alle griglie, cosa di cui abbiamo parlato il mese scorso. Voi sentite l’ingresso del nuovo potenziale, avvertite i cambiamenti che stanno avvenendo. L’energia si sta spostando a livelli più elevati, proprio ora l’energia si sta spostando verso i livelli interiori, dentro di voi. Il vostro corpo sa che qualcosa sta accadendo, il vostro corpo sa di dover cambiare per adattarsi alla vostra divinità, deve cambiare perché state permettendo alle vostre energie divine di salire da dentro di voi.

Queste sono energie ad alta, altissima frequenza, diverse da qualsiasi cosa il vostro corpo abbia sperimentato nelle vite passate. Queste energie sono forti, sono elevate, sono intense e stanno entrando ora. Il vostro corpo si sta preparando, sta attraversando i cambiamenti al livello più profondo. Il vostro corpo sta cambiando a livello dello spazio tra lo spazio, proseguendo poi attraverso il DNA e le cellule, i tessuti e gli organi. Ciò che state vivendo ora è un adattamento biologico che vi permetterà di affrontare tutte queste Nuove Energie che stanno entrando. Ecco perché il vostro corpo fa male, ecco il perché dei dolori. Anche questo passerà, quando il vostro corpo si abituerà e si aggiusterà alle nuove frequenze i mali e i dolori se ne andranno. Sappiamo che proprio ora c’è dello stress nella vostra mente, siete così abituati a vedere cosa c’è davanti a voi sul sentiero. Siete abituati a sapere cosa farete e dove sarete fra tre mesi o sei mesi: gli umani pianificano le proprie vite fino alla morte, pianificano i lavori, la pensione e persino la propria morte. Interessante!

Ora invece non riuscite a vedere nemmeno fino a domani, avete difficoltà a sapere cosa vi riserva il futuro. Questo causa stress alla mente, ma fa parte del cambiamento che sta avendo luogo. Una parte di voi ha paura, non sa cosa succederà dopo, non può prevedere, non può pianificare. Oh, questo causa grande stress nella mente! Sappiamo che molti di voi stanno svegli di notte a domandarsi cosa faranno. Preoccupati... siete preoccupati. Vi state dicendo: “Ho 30, 40, 50 anni, o più. Che cosa farò? Che ne sarà della mia pensione? Chi si prenderà cura di me? Come vivrò? Che cosa farò?” Lo sappiamo che vi preoccupate. Lo stress attuale è dovuto al fatto che state facendo degli aggiustamenti nella vostra mente e nel vostro spirito per vivere nel Presente, per vivere nel momento Ora, nel momento. È difficile perché volete ancora sapere cosa succederà domani. Vivere nel Presente è ORA, è il momento e così c’è tanto stress nella vostra mente...tanto stress nella vostra mente. Dovete capire che tutto ciò è appropriato e ha a che fare con l’allineamento delle griglie magnetiche. Dovete capire che presto lo stress se ne andrà e allora avrete un corpo che sarà stato ricostruito dal terreno in su, avrete una mente che capirà il momento, avrete uno spirito che capirà che tutto ciò che vi serve vi arriverà. É il nuovo paradigma in cui state vivendo. Ci vivete dentro, state partorendo la vostra divinità, la state portando nel momento Ora – non è un concetto intellettuale, bensì una realtà che è dentro di voi.

Nella nostra conversazione del mese scorso, cari amici, a un certo punto ho parlato abbastanza a lungo delle chiese. Ho parlato del come le chiese stanno trattenendo la coscienza. È un periodo di cambiamenti anche in questo. Ho parlato a lungo delle chiese e dei leader religiosi per una ragione specifica – per aiutarvi, Shaumbra, a capire il vostro nuovo ruolo - voi sarete i nuovi insegnanti spirituali. Sarete coloro che guideranno gli altri, sarete i nuovi sacerdoti e sacerdotesse, a modo vostro. Forse non avrete una grande costruzione dovei verranno a venerare una volta alla settimana, forse lo farete a modo vostro, da casa vostra, dalla vostra macchina, in un modo o nell’altro. Ma voi, voi siete i nuovi insegnanti.

Il mese scorso ho parlato delle chiese per sottolineare una cosa, per sottolineare una cosa ad ognuno di voi: non fate assegnamento su vecchi libri e vecchi modi. Quando sarete con i vostri studenti, siate nel Presente, nel momento: non riservate loro i cliché, non estraete vecchi trucchi dal vostro cappello. Siate nel Presente, leggete la loro energia. Sentite la loro energia, ascoltate le loro parole e allora saprete cosa dire, allora saprete come avere compassione per loro e saprete che cosa fare per loro. Le chiese, cari amici, hanno servito uno scopo. Voi siete quelli che aiutarono a crearle dall’inizio, molte vite fa! Ora il loro tempo sta giungendo a termine, esiste un’Energia completamente nuova e un tipo di Umano Divino del tutto nuovo pronto a fare il lavoro. Guardate come potete essere davvero in servizio, considerate il nuovo equilibrio tra energia maschile e femminile che è necessario sulla Terra. In effetti le chiese del mondo si fondano sul dominio maschile, presentano un orientamento maschile. Adesso è il momento appropriato per la fusione delle energie femminile e maschile, ora è il momento giusto per essere colui che riceve oltre che quello che dà.

Ecco perché Io, Tobias, il mese scorso mi sono lasciato prendere un po’ sulle chiese! Stavo cercando di far notare a tutti qualcosa – guardate ciò che proprio ora per tanti umani non funziona - osservate cosa useranno come strumenti i nuovi insegnanti… e la cosa più importante di tutte, ricordarvi di ricordare sempre al vostro studente che anche lui è Dio, che ha il potere dentro di sé. Non è dentro di voi per lui o in un libro per lui o nei mantra per lui: è dentro di LUI. Continuate a ricordargli senza fine la stessa cosa che noi vi abbiamo ricordato – ANCHE TU SEI DIO. Inizia da voi, inizia da dentro, inizia quando fate il primo passo di divina acquisizione del vostro potere.

Cari amici, c’è un cambiamento in atto sulla Terra. Ne abbiamo parlato ripetutamente, abbiamo parlato di tempi difficili che la Terra nel suo insieme attraverserà perché le vecchie istituzioni non sono più appropriate in questa Nuova Energia… finiranno… i loro muri crolleranno. Gran parte di questo cambiamento riguarda l’equilibrio e la fusione dell’energia maschile e femminile, del femminile e del maschile. QQQui non stiamo parlando dei due sessi - maschile e femminile - stiamo parlando dell’energia del femminile e dell’energia del maschile, quella che dà e quella che riceve. È arrivato il momento che si giunga a un equilibrio che avverrà con il completamento dei cambiamenti della griglia magnetica, è arrivato il momento che ciò accada dentro ognuno di voi. Da un punto di vista energetico, nessuno dei presenti è maschile o femminile: siete entrambi. É arrivato il momento che vi consideriate come qualcuno che possiede tutte e due le energie - quella che dà e quella che riceve, il maschile e il femminile, la nutrice e la forza. Voi siete tutti maschili e femminili. (pausa)

Approfittiamo di questa occasione per chiedervi di amare, di riconoscere e di apprezzare nella vostra società quelli che sono arrivati in questa vita con un contratto che prevede che portino entrambe le energie in un corpo solo. Voi li chiamate “gay” e molte volte, troppo spesso vengono messi in ridicolo. I gay sono arrivati con un grande contratto per fondere entrambe le energie in un unico corpo e a volte questo ha causato loro degli squilibri, a volte ha causato loro grosse difficoltà interiori. Sono stati i primi a incorporare entrambe le energie in una volta. Quelli che voi chiamate “gay” o “lesbiche” adesso sono stanchi, hanno portato molta di quest’energia di fusione tra maschile e femminile. Hanno svolto il loro compito ed è arrivata l’ora che accettiate la fusione delle energie dentro di voi. Non stiamo parlando di sesso qui, stiamo parlando di voi. Stiamo parlando del vostro equilibrio energetico tra femminile e maschile: è ora che accettiate entrambe le parti di voi.

In questi anni avete sperimentato molta conflittualità riguardo a ciò che siete. Vi siete chiesti quanto foste donne e quanto uomini: ora è il momento di essere entrambi. Quelli che nella vostra società sono stati definiti gay e lesbiche hanno spianato la strada e aperto la porta, così per voi ora è molto più accettabile portare la fusione d’energia. A proposito dell’energia divina femminile, oggi abbiamo un’ospite meravigliosa la quale arriva in questo periodo speciale dell’anno per stare con voi. La sua energia è stata forte attorno a tutti voi già da molti mesi, per molti di voi lei è stata una tale forza che vi ha guidati per tutta la vita. Ora lei si unisce a noi come il simbolo dell’energia femminile, come riequilibrio dell’energia femminile dentro di voi, dentro la società, dentro le chiese. Lei arriva come l’energia di Maria, quella che voi definireste “Maria Madre”, ma non si tratta soltanto della persona presente nelle Sacre Scritture delle chiese cristiane. Maria rappresenta la dea, Maria rappresenta l’equilibrio femminile. La vostra Terra sta arrivando ad un nuovo equilibrio, l’energia femminile sta entrando in maniera così forte proprio ora… è forte per essere in condizione di essere equilibrata fianco a fianco con l’energia maschile che per tanti secoli ha dominato la Terra. La Regina ritorna, l’energia della dea, simboleggiata attraverso Maria che si unisce a noi oggi come nostra ospite speciale e onorata. Lei vorrebbe passare un momento con ognuno di voi, vorrebbe passare un momento per permettervi di sentire il potenziale dell’energia divina femminile, Staremo in silenzio soltanto per un momento affinché la Regina possa sedersi accanto al Re dentro di voi. Sì, e questo sarebbe un buon momento per respirare profondamente. (pausa)

L’energia della Regina, del femminile, rappresentata qui oggi da Maria aiuta a riempire lo spazio tanto a lungo trascurato nelle vostre società. Lei viene qui per riprendersi il posto che le spetta, per un nuovo equilibrio tra il femminile e il maschile - il ritorno della Regina e l’equilibrio con il Re. Permettetevi di assorbire queste energie della cara Maria, permettetevi di sentire l’energia della Regina dentro di voi. Nei prossimi mesi queste energie saranno importanti perché sono nutrienti e compassionevoli, sono il dono della vita, sono le energie riceventi. Oh, cari amici, quanto bisogno ha ognuno di voi di ricevere, quanto bisogno ha di ricevere! Voi siete stati dei donatori, siete stati dei guerrieri, siete stati costruttori e pianificatori, la vostra energia è stata molto forte e assertiva. Sì, uomini e donne … stiamo parlando a entrambi ma ora, nel nuovo equilibrio della Nuova Terra, è importante essere anche dei ricevitori. Ci deve essere quell’equilibrio tra il dare e il ricevere, tra il maschile e il femminile, il dare vita, il creare, tutto dentro di voi, tutto dentro di voi.

E così è che l’energia di Maria è forte e presente in questo giorno come promemoria del fatto che fu l’energia del femminile a dare la vita a colui che chiamate Yeshua, a dare la vita al maschio che avrebbe insegnato in un modo nuovo, senza i muri. Lei dette alla luce Yeshua, il quale avrebbe cambiato il corso della storia; lei dette alla luce Yeshua, il quale non fu accettato allora, ma le cui parole vennero conosciute da così tanti in questo mondo. Tutto iniziò con la nascita dall’energia femminile. Tutto ciò… il femminile, il ricevere, il nutrire e la compassione è molto importante ora che gli aggiustamenti delle griglie sono terminati. Se oggi non dovessimo fare altro, vogliamo che sentiate dentro di voi questa fusione. Moltissimi di voi, persino alcune donne hanno bloccato il loro lato femminile o non l’hanno capito e tanti uomini, in verità, hanno pensato che non fosse appropriato esprimere il femminile e quindi hanno chiuso la porta a questo loro lato. Cari amici, è ora di aprire di nuovo quella porta, è ora di sentire l’energia fusa, plasmata ed equilibrata del maschile e del femminile dentro il nucleo del vostro essere. Possiamo percepire i cambiamenti già adesso, mentre siamo seduti qui; chi siede nel Secondo Cerchio riesce a vedere la trasformazione avvenire dentro di voi.

In questo giorno vogliamo aggiungere un altro punto. Molti di voi si stanno domandando quale lavoro svolgeranno. Ci avete sentiti parlare a lungo dell’insegnamento, ci avete sentiti parlare a lungo del nuovo lavoro e dei cambiamenti nella vostra vita. In effetti molti di voi affronteranno dei cambiamenti nei prossimi tre, sei e nove mesi. Ci saranno cambiamenti riguardo a dove vivrete, ai vostri lavori e alle vostre relazioni. A volte avete avvertito la pressione per effettuare dei cambiamenti nella vostra vita. Non capivate esattamente cosa dovevate fare e alcuni di voi hanno continuato a rimandare le grosse decisioni riguardanti la propria vita. Avete atteso, avete procrastinato. Oh, cari amici, l’energia di queste decisioni verrà a farvi visita in maniera forte, è ora di fare degli spostamenti nella vostra vita, è arrivato il momento di spostarsi al prossimo livello. Vi domandate quale lavoro farete: lasciateci dire semplicemente che sarà diverso. Sarà un lavoro di passione, un lavoro del vostro cuore.

Per arrivare a quel punto affronterete cambiamenti che avranno luogo presto. Vogliamo che una cosa vi sia molto chiara. Vi domandate del lavoro, di notte sentiamo molti di voi dire a noi, angeli e arcangeli: “Il mio lavoro è insignificante. Non mi sembra di far niente che ne valga la pena. Lavoro in un magazzino, ci passo delle ore. Non dovrei forse svolgere un grandioso lavoro spirituale?” Molti di voi – troppi – hanno lavori che non li soddisfano. Ciò cambierà, cambierà. Molti di voi sono pronti per intraprendere il nuovo lavoro – quello dell’insegnante. Essere un insegnante implica molte cose… ci sono molti diversi modi per farlo. L’importante è che state già facendo il lavoro, o che l’avete già fatto. Il lavoro è all’interno, il lavoro è all’interno. I cambiamenti sulla Terra, i cambiamenti nell’universo e tutto quello che c’è nel Secondo Cerchio sono influenzati da ciò che avviene dentro di voi. Quando vi sentiamo dire: “Caro Tobias, mi sembra di non fare alcun lavoro” ci viene da ridere. I cambiamenti che avete fatto dentro di voi, il rilascio del Vecchio, l’accettazione della vostra divinità...ciò fa la vera differenza. Sappiamo che siete passati attraverso molte lotte interiori, molta purificazione. Questo è un lavoro davvero potente, questo lavoro fa la differenza più di qualunque altra cosa.

Quando cambiate la vostra vibrazione, cambiate tutto attorno a voi: cambiate la vibrazione della coscienza di massa, la vibrazione degli angeli e degli arcangeli. Il vero lavoro è quello che avete fatto dentro di voi. Non si tratta di quello che c’è scritto sul vostro biglietto da visita, non si tratta della vostra occupazione o professione: si tratta di ciò che avete fatto dentro di voi. Molti di voi pensano di non essere degni, perché non stanno svolgendo quello che considerate un lavoro importante, ma noi scuotiamo la testa e diciamo: “No, ancora non capite.” Il lavoro importante è quello che svolgete dentro, i cambiamenti che fate affrontando l’oscurità dentro di voi, affrontando le vostre paure, lasciando andare vecchie ferite... questi cambiamenti hanno trasformato il vostro mondo a un punto tale che non avete avuto bisogno di subire alcun genere di catastrofe o fine. Il lavoro che avete fatto dentro di voi è il vero lavoro, il lavoro che avete fatto interiormente ha cambiato la gente tutt’attorno a voi, ha evitato quelli che potevano essere dei cambiamenti molto catastrofici della Terra. Oh, sì, per un po’vedrete la Terra tremare ed eruttare e questo è appropriato, ma noterete che non ci saranno grosse perdite di vite umane. Gaia è in grado di rilasciare in modi non distruttivi perché voi avete fatto il lavoro interiore. Non sono importanti la vostra carriera o il vostro lavoro quotidiano; quello che è importante è il lavoro che avete fatto dentro. Il vero lavoro è quello che avete fatto a livello interiore.

Voi SIETE degni, avete svolto il lavoro. Poiché avete fatto il lavoro, infatti, ci sarà una nuova chiamata per voi, ci sarà una nuova chiamata di qualche genere il prossimo anno, sarà lo spostamento a un nuovo livello o passo. Sì, lo sappiamo che ci sarà dello stress causato dai cambiamenti. Umani... a loro non piacciono i cambiamenti: si lamentano di ciò che hanno ma non vogliono cambiare. Shaumbra di tutto il mondo, ci diciamo che nelle vostre vite e ci saranno dei cambiamenti e ciò significherà lasciar andare qualcosa per far spazio a qualcosa di nuovo. Vi chiediamo di non maledirci quando attraverserete questo processo del lasciar andare qualcosa, vi chiediamo di onorarlo e di benedirlo. É giusto. Potrebbe trattarsi di amici, di famiglia, di una carriera, di un lavoro, forse è qualcosa nel vostro corpo che richiede di essere lasciata andare. Vi diciamo che sono in arrivo dei cambiamenti e se ci saranno tempi incerti, se non siete sicuri del vostro equilibrio, vi diciamo di parlare con altri Shaumbra. Ah, voi siete gli insegnanti migliori e gli studenti migliori l’un per l’altro. Sì, lo siete davvero.

A questo proposito, cari amici, ci piacerebbe raccontare una breve storia, una storia breve. Saremo brevi, ma Cauldre non ci crede molto. Per aiutarvi a capire - in parte - dove vi trovate racconteremo la storia di Joe, la storia che raccontammo molte settimane fa nella terra di Orion, che voi chiamate Corea. La raccontammo lì e la racconteremo di nuovo affinché tutti gli Shaumbra la sentano perché è la vostra storia, racconta di voi. Joe è Shaumbra come voi e sta attraversando tanti cambiamenti nella sua vita… sta imparando a capire che anche lui è Dio… sta imparando a lasciar andare le vecchie cose che non gli servono più… sta attraversando dei cambiamenti che, in certi giorni, lo fanno sentire confuso e insicuro di ciò che sta facendo… ma sa di essere guidato… sa di non essere mai solo. Proprio come voi, Joe sta cercando la sua illuminazione, Joe sta cercando di capire la sua divinità e la sua connessione con lo Spirito.

Una notte, in un sogno lucido Joe si trovò in viaggio verso il Tempio della Divinità interiore, il Tempio della Divinità dentro di sé. Sentì che stava viaggiando attraverso il tempo e lo spazio e le dimensioni anche se, in verità, stava facendo un viaggio all’interno del suo stesso essere. Nel suo sogno lucido Joe arrivò al Tempio della Divinità. Aprì la porta e… meraviglia, vide una sala grandiosa e bella e piena di luce, una luce che non sembrava avere alcuna sorgente. Tutto era illuminato, brillante, dorato e scintillante. Joe entrò nel Tempio della Divinità, si guardò intorno e notò che tutto il perimetro era pieno di angeli. Riconobbe molti di loro come aspetti di sé dal passato e riconobbe molti degli angeli riunitisi nella Sala della Divinità come quelli che gli erano stati accanto nelle vite passate o in questa vita. Gli angeli erano tutti familiari di Joe: ce n’erano centinaia e centinaia, si erano radunati perché sapevano che Joe sarebbe arrivato. Joe vide una sedia in mezzo alla sala e si rese conto che per lui era arrivato il momento di avvicinarsi alla Sedia della Divinità e di prendervi posto. Lentamente si avvicinò alla Sedia della Divinità, gettando uno sguardo su tutti gli angeli presenti, sapendo che avrebbe avuto luogo un qualche tipo di cerimonia. Salì sulla Sedia della Divinità, si sedette e disse: “Caro Spirito, sono pronto per la mia illuminazione? Sono pronto per la mia divinità?” Il silenzio cadde su tutta la sala.

Un angelo si staccò dal gruppo. Un angelo grande, bello, potente e risplendente si avvicinò alla sedia su cui Joe sedeva e disse: “Joe, siamo onorati di averti qui nel Tempio della Divinità e Joe, tu non sei ancora pronto per ricevere la tua illuminazione.” La tristezza s’impossessò di Joe, la confusione e la rabbia. La sua rabbia lo risvegliò dal sogno lucido, si svegliò ricordandosi tutti i dettagli della Sala della Divinità e anche del disappunto provato quando l’angelo gli disse che non era pronto. Per il resto della notte, per tutto il giorno seguente e il giorno dopo ancora si arrovellò chiedendosi cosa dovesse fare per ricevere la sua illuminazione.

Alla fine della seconda giornata Joe concluse che non aveva studiato abbastanza, che non aveva imparato abbastanza quindi iniziò un programma molto aggressivo di lettura di libri, frequentazione di seminari e apprendimento di tutto ciò che poteva apprendere. Per i successivi sei mesi Joe lesse, studiò ed ascoltò, trascorse ogni momento delle sue giornate ad assorbire materiale, a cercare di trovare perle di saggezza.

Dopo sei difficili, estenuanti e stancanti mesi di caricamento di informazioni nella mente, una sera nei suoi sogni lucidi ritornò nel Tempio della Divinità. Aprì di nuovo la porta del tempio e di nuovo c’erano centinaia e centinaia di angeli e Joe li riconobbe tutti. Ancora una volta si mosse verso la Sedia della Divinità e si sedette. Il grande angelo si fece avanti sapendo quello che Joe avrebbe chiesto. Con un leggero nervosismo nella voce, affaticato e stanco, Joe disse: “Sono pronto per la mia illuminazione?” E ancora una volta il grande angelo disse: “Joe, tu non sei pronto per l’illuminazione.”

L’emozione causata dalla risposta del grande angelo rigettò Joe nel suo quotidiano mondo umano. Si svegliò tutto sudato, ricordandosi ogni dettaglio del sogno. Di nuovo rimase sveglio tutto il resto della notte e per i due giorni successivi, domandandosi che cosa gli impedisse di raggiungere l’illuminazione. Alla fine ci arrivò: possedeva troppe cose che lo bloccavano, troppe cose materiali che lo tenevano lontano dall’illuminazione. Le percepì come ancore attorno alle gambe che lo tiravano giù impedendogli di raggiungere la sua illuminazione. Joe uscì e dette via tutto quello che possedeva – la casa, la macchina, i risparmi, tutto tranne i vestiti che indossava. Visse in strada come un mendicante mangiando soltanto quanto serviva per mantenere in vita il suo corpo fisico, accettando soltanto lo stretto necessario da chi gli dava soldi o cibo, accettando lo stretto necessario per sopravvivere. Per sei mesi Joe visse in povertà, nel bisogno, abbandonando tutte le cose materiali per non viverle come ancore.

Dopo sei mesi, ancora una volta Joe si trovò in un sogno lucido in cui viaggiava verso il Tempio della Divinità. Aprì la porta, entrò, questa volta molto stanco, emaciato ed affamato, ma senza cose materiali tranne i vestiti che aveva indosso. Joe si sedette sulla Sedia della Divinità sentendosi molto ansioso mentre l’angelo si avvicinava a lui. Ancora una volta Joe pose la domanda: “Sono pronto per la mia illuminazione?” Questa volta il grande, bellissimo angelo non disse una parola, scrollò semplicemente il capo: “No. No.” Questa risposta non verbale lo gettò fuori dal suo sogno lucido, di nuovo nel suo mondo umano. Si trovò disteso all’angolo della strada, perché non aveva un letto… disteso all’angolo della strada a domandarsi ripetutamente quale fosse la cosa che doveva sapere. Rimase sdraiato molto a lungo all’angolo della strada, finché non arrivò qualcuno a spostarlo, come fosse un pezzo di immondizia o polvere.

Joe pensò alla propria vita, pensò al proprio cammino. All’improvviso gli sovvenne che non aveva servito abbastanza gli altri, la sua vita era stata tutta centrata su di sé. Sapeva di essere stato un egoista ad aver speso tanto tempo nel proprio risveglio e viaggio spirituale. Di sicuro la ragione per cui non era ancora pronto per l’illuminazione stava nel fatto che non aveva dato abbastanza agli altri. Così Joe s’imbarcò in un programma completamente nuovo di servizio per gli altri. Trovò ogni opportunità per aiutare qualcuno: aiutò gli anziani con la spesa, aiutò i bambini che erano caduti e si erano fatti male nel parco, aiutò le coppie che litigavano. Cercò ogni opportunità possibile per servire gli altri, per acquistare i suoi “punti per l’illuminazione.”

Dopo essersi donato per sei mesi in ogni modo possibile a qualsiasi essere umano che glielo permettesse, una sera Joe ritornò al Tempio della Divinità. Aprì la porta, vide tutti gli angeli, ma stavolta non si fermò per sentire il loro amore e la loro energia, perché adesso era un tantino arrabbiato - voleva la sua illuminazione. Marciò verso la Sedia della Divinità e si sedette. Già prima che l’angelo riuscisse ad avvicinarglisi, disse: “Ora sono pronto per la mia illuminazione?” Un silenzio scese sulla folla e all’unisono, centinaia e centinaia di angeli dissero: “No, no, Joe, non sei ancora pronto.

A quel punto Joe scoppiò in lacrime e disse: “Mi arrendo, mi arrendo. Ho provato tutto ciò che mi era possibile per raggiungere la mia illuminazione. Ho rinunciato a tutte le cose materiali, ho servito gli altri, ho studiato la spiritualità e le religioni; ora torno qui e voi mi dite ancora di no.

Joe crollò. Dai suoi occhi scendevano le lacrime e crollando rilasciò tutte le Vecchie Energie che erano state rinchiuse dentro di lui. Un angelo alto e grande si fece avanti, mise la mano sulla spalla di Joe e lo guardò con occhi di compassione. Anche attraverso la compassione, Joe riusciva a vedere che l’angelo stava sorridendo, persino ridacchiando e questo lo fece arrabbiare ancor di più, pensare che quest’angelo stesse ridendo di lui.

Joe chiese: “Cos’altro dovrei sapere? Che cosa dovrei fare per raggiungere la mia illuminazione?” L’angelo rise e gli disse: “Joe, è molto semplice, lo è sempre stato. Avresti potuto chiedere e basta e te l’avremmo detto ma ora che hai provato di tutto, ora che hai sperimentato molte diverse cose, ora tu fai la domanda. Ti mostreremo il tuo riflesso nello specchio e in quel riflesso vedrai la risposta.”

Joe lo fissò e all’improvviso poté vedere sé stesso nel viso dell’angelo. All’improvviso poté vedere il suo stesso essere riflesso nel grande angelo in piedi davanti a lui: allora gli arrivò la risposta, semplice, così semplice che per un attimo Joe si vergognò e poi scoppiò a ridere. La risposta fu, cari amici, che Joe non aveva alcuna autostima. Joe non apprezzava sé stesso né ciò che stava facendo. Come avrebbe potuto allora avere l’illuminazione? Joe si sentiva meno che perfetto, meno di Dio. Ogni volta che veniva a sedersi sulla Sedia dell’Illuminazione, la sua mancanza di autostima veniva messa in evidenza. Quando Joe si sedeva nella Sedia della Divinità e chiedeva se era pronto per la sua illuminazione, tutti gli angeli dovevano rispondere: “No, non sei pronto perché non hai autostima. Ti vedi come qualcosa di meno di Dio, come qualcosa meno che perfetto.”

Joe vide anche nel suo riflesso che tutto ciò che aveva fatto in ogni vita era stato perfetto, ogni cosa aveva fatto parte di un’esperienza di apprendimento e crescita. Tutto ciò che aveva fatto aveva contribuito a Tutto Ciò Che É’, tutto ciò che aveva fatto aveva creato nuove esperienze per la sua anima. Tutto era stato perfetto, non c’erano state svolte sbagliate nel sentiero... mai, neppure lungo le strade minori. Non c’erano stati errori lungo il cammino… mai, persino nelle vite in cui era stato un ladro, un bandito o un assassino… tutto era stato opportuno. Sì, anche le vite in cui era stato un guaritore, un dottore, un insegnante, uno che lavorava con gli altri… anche quelle erano state appropriate.

Seduto nella Sedia della Divinità, Joe si rese conto di non dover chiedere se fosse pronto per la sua illuminazione. La risposta era già lì. Non doveva chiedere agli angeli, tutto ciò che doveva fare era accettarsi con totale compassione e amore, proprio come lo accettavano gli angeli, ma doveva farlo dentro di sé…e in quel momento Joe raggiunse la sua illuminazione, in quel momento la sua divinità brillò dentro di lui. Nel momento si rese conto che tutto era perfetto e giusto. Così si conclude la storia di Joe, Shaumbra, come voi… voi che siete seduti in queste sedie oggi… voi che oggi siete seduti ad ascoltare o a leggere. Non dovete chiedere se siete pronti per la vostra illuminazione o per la vostra divinità. La vostra divinità è qui proprio ora, pronta per partire, pronta per farvi capire la perfezione di tutto ciò che avete fatto, da sempre. La vostra divinità è in attesa che riconosciate che per essere degni non dovete avere un lavoro con un grosso biglietto da visita e con un titolo importante stampato sopra. Per essere degni non dovete parlare a centinaia o migliaia di persone: il lavoro che avete fatto dentro di voi ha fatto la differenza. Il lavoro che avete fatto per arrivare a nuove comprensioni circa ciò che siete – quello ha fatto la differenza

Voi siete degni. Non siamo noi a dovervelo dire! Vogliamo che lo capiate dentro di voi, vogliamo che accettiate che tutto ciò che avete fatto, da sempre, è servito ad uno scopo ed è stato fatto con amore e nella perfezione. Siete così duri verso di voi: nella vostra vita state affrontando dei cambiamenti e pensate di fare errori, vi preoccupate delle persone che influenzate con le decisioni che prendete. Cari amici, voi non potete influenzarle, non potete proprio. Pensate di arrecare dolore agli altri a causa delle cose che proprio ora state facendo per voi nel vostro cammino spirituale. Dovete capire che non è così. In un certo senso, voi siete i migliori insegnanti possibili per loro. Pensate di utilizzare troppo del vostro tempo per voi stessi. Vi preoccupate di dover servire tutti gli altri, come Joe.

Voi pensate che vivere una vita di povertà vi porti illuminazione e così ai livelli interiori scegliete una vita in povertà. Cari amici, in questo lavoro dello Spirito nella Nuova Energia vi serve l’abbondanza, permettetele di entrare nella vostra vita. Troppo a lungo avete vissuto nella povertà, troppo a lungo avete vissuto nella mancanza. Forse questo vi ha portato all’illuminazione? No, vi ha portato soltanto dolore, ha esaurito la vostra forza e la vostra energia.

Pensando di trovare una risposta in un libro o da qualcun altro, avete studiato, studiato e studiato, finché i vostri occhi non si sono incrociati e offuscati, neanche questo ha funzionato. Voi siete gli insegnanti, voi siete quelli che scriveranno i nuovi libri, non quelli che studiano i vecchi. Avete imparato tutto ciò che c’era da imparare dallo studio, ora iniziate a praticare. Praticate, insegnate. Siate delle guide, siate delle Guide Umane Divine.

In un certo senso, cari amici, vi siete nascosti dietro le stesse cose dietro a cui si era nascosto Joe. Vi siete nascosti dietro al pensiero che non avevate imparato abbastanza, perciò non potevate insegnare. Vi siete nascosti dietro al fatto che dovevate punirvi attraverso la povertà e così siete rimasti nella povertà. Vi siete nascosti dietro al fatto che dovete fare tutte queste cose per le altre persone, per servirle.

Cari amici, vi poniamo una domanda difficile: “Come faranno LORO a raggiungere la LORO illuminazione se non permettete loro di seguire il loro cammino che può includere anche difficoltà e sfide? Se state cercando di interferire cercando di mettere delle pezze sulle loro vite, per loro, come faranno a raggiungere la loro illuminazione?” Voi non siete qui per guarire o per salvare qualcuno, siete qui per facilitare il loro stesso processo di guarigione, siete qui per essere delle guide compassionevoli ma non per farlo per conto loro. Dalla nostra parte del velo non riceverete dei “punti da giovane scout” per aver servito gli altri. Raggiungerete l’illuminazione quando arriverete al vostro senso pieno di autostima.

Non vogliamo dovervelo ripetere ancora! Dovete scoprirlo da soli. VOI SIETE DEGNI, ANCHE VOI SIETE DIO. Tutto ciò che avete fatto, da sempre, è stato nel nome dell’amore…tutto… tutto… tutto. Anche voi siete Dio. Non avete mai ucciso nessuno. Oh, avete distrutto il loro corpo fisico e abbiamo dovuto farli rinascere, ma la loro energia è ancora qui, adesso sono seduti accanto a voi. Come avreste potuto ucciderli? Sono seduti accanto a voi. Non avete mai recato danno allo Spirito e all’amore di Dio: avete solo fatto esperienza.

Con questo, cari amici, parliamo un attimo della Nuova Terra. Parliamo un attimo di dove state andando. Ma, vi ricordiamo… non vogliamo sollevare di nuovo questo argomento dell’autostima! Ora è un problema vostro!

Cari amici, avete lasciato Casa tanto tempo fa per un viaggio, per imparare qualcosa che lo Spirito non avrebbe potuto, che voi non avreste potuto imparare rimanendo nel Regno. Avete lasciato Casa per imparare qualcosa che lo Spirito non poteva imparare per conto suo. Parte di questo viaggio significava lasciare Casa e cancellare essenzialmente qualsiasi identità che avevate per crearne una nuova. Quando lasciaste Casa, creaste una nuova identità così da poter fare esperienza in un modo del tutto nuovo. Fu un piano brillante, davvero brillante per dimenticare chi eravate, per cancellare l’identità… per stare soli. Fu un piano brillante, dobbiamo ammetterlo.

Quando attraversaste il Muro di Fuoco, la prima domanda fu: “Chi sono io?” Non eravate più a Casa, non facevate più parte dell’unità, non eravate più il Principe o la Principessa di un Regno. Non eravate niente.

Vi trovavate nel Vuoto. Non eravate niente e nell’oscurità domandaste: “Chi sono io?” Quell’unica domanda energetica vi ha spinti ad affrontare un viaggio che è continuato per eoni. Quell’unica domanda – “Chi sono io?” – vi ha portati dentro al Vuoto, dove voi e tutti gli altri avete creato gli universi. Infatti, ci sono più universi: quello che vedete là fuori è il vostro universo fisico ma ci sono molti, molti strati, molte dimensioni che voi non vedete con il vostro occhio umano. Quando domandaste: “Chi sono io?” ciò dette inizio ad un lungo viaggio. Voi andaste là fuori per sapere come fosse avere una vostra identità. Imparaste cose nel punto più profondo delle profondità, imparaste cose nel punto più vasto delle vastità e nel più lungo delle lunghezze. Imparaste cose sul colore blu, sugli uccelli. Imparaste cose sulle le stelle e creaste tutte queste cose. Le creaste per poi farne esperienza.

Creaste l’acqua e poi vi incarnaste in un corpo così da poterla sperimentare. Creaste onde d’energia fluttuanti nello spazio per poi poterci giocare. Utilizzando queste onde d’energia creaste interi gruppi e società. Creaste storie, storie fuori dall’universo, fuori dal Vuoto, storie che saranno raccontate da qui all’eternità. Le storie raccontano del come passaste da un’identità all’altra e del come vi riuniste con altre identità che stavano cercando e si ponevano la stessa domanda: “Chi sono io?”

Imparaste com’era amare e odiare, imparaste la bellezza del tramonto e la tristezza della morte. Imparaste la risata, le lacrime e ciò che si portano dentro: imparaste le gioie di avere una famiglia, di incontrare qualcuno, di innamorarsi e di creare bambini che sarebbero diventati adolescenti turbolenti. Imparaste le emozioni come la paura e la rabbia. Imparaste da tutto ciò che avete creato e tutto è servito per rispondere alla domanda: “Chi sono io?”

Avete vissuto esperienze meravigliose… stupende. Avete creato la musica per poterla ascoltare, avete creato gli animali per poter imparare la biologia e per poter avere animali domestici che vi potessero mostrare l’amore incondizionato. Avete imparato come fosse innamorarsi di qualcuno così profondamente da lasciare che la vostra energia sprofondasse nella sua e avete imparato cosa volesse dire avere dei nemici che vi avrebbero invasi, che vi avrebbero annientati se non l’aveste fatto prima voi.

Che gioco meraviglioso… che gioco meraviglioso! Cari amici, “Chi sono io?” è la semplice domanda che ha creato tutto questo. Come potrebbe esserci qualcosa di sbagliato? Tutto è stato progettato per aiutarvi a imparare e a capire, per aiutarvi ad ottenere una nuova profondità di comprensione di “Chi sono io?”

E’ stato un viaggio meraviglioso, un viaggio lungo ma, sapete, cari amici, in realtà non è passato tanto tempo - per nulla - da quando avete lasciato il Regno. È un’illusione che siano passati tanti anni, secoli e eoni…in un certo senso è stato un batter d’occhio, è passato soltanto un respiro da quando lasciaste Casa e faceste la domanda: “Chi sono io?” Ora guardate, guardate e rendetevi conto di cosa avete creato. Avete creato dei corpi fisici per poter sperimentare le vostre creazioni. Tutto in risposta alla domanda: “Chi sono io?”

Come si applica tutto ciò alla Nuova Terra? La Nuova Terra non è un pianeta, anche se ha le caratteristiche di un pianeta. questo luogo che chiamiamo la Nuova Terra possiede un’attrazione gravitazionale, un tipo d’energia che in un certo momento potrebbe sembrare avere una massa e nel momento dopo non averne. La Nuova Terra viene costruita proprio adesso da voi, viene costruita a causa dei cambiamenti che state facendo dentro di voi. La Nuova Terra viene costruita con l’aiuto di tutti gli angeli dell’Ordine dell’Arco ma, in un certo senso, voi siete gli appaltatori principali. Gli angeli stanno semplicemente aiutandovi a dar forma, a tessere e a strutturare le energie grazie a ciò che voi dite loro di fare.

Tutti avete fatto dei viaggi lì, in alcuni dei vostri vagabondaggi notturni, nei vostri sogni, quindi avete già una percezione di quest’energia, di quest’energia della Nuova Terra. Quando lasceranno questo corpo fisico, quando finirà questa vita…alcuni di voi ci andranno e in un certo senso vi risiederanno, mentre altri sceglieranno di ritornare sulla Terra.

Lasciate che vi diciamo qual’é la differenza principale riguardante la nuova Terra paragonata a qualsiasi altra cosa. Proprio ora vi state ancora domandando: “Chi sono io?” Sulla Nuova Terra non esiste alcuna domanda, esiste solamente la conoscenza: “IO SONO. IO SONO. IO SONO.” Avete fatto un viaggio molto lungo per arrivare a questo punto e non vi serve più rispondere alla domanda: “Chi sono io?” Arriverete alla nuova consapevolezza dell’“Io Sono.” Quando andrete su questa Nuova Terra – prima o poi – troverete che le cose sono molto diverse dal vecchio pianeta Terra. Scoprirete di non dover creare per voi stessi delle situazioni per rispondere alla domanda: “Chi sono io?” Quando andrete nella Nuova Terra, capirete l’“Io Sono.”

Sulla Nuova Terra lavorerete e studierete e giocherete con Nuova Energia. Come vi abbiamo già detto, la Nuova Energia non è mai stata creata prima. Una quantità finita di energia lasciò il Regno e voi avete solo continuato a spostare avanti e indietro le sue forme e le sue proporzioni. In quanto umani sulla Terra per la prima volta al di fuori del Regno avete creato la Nuova Energia. La Nuova Terra è il luogo in cui studierete quest’energia, imparerete i potenziali della Nuova Energia, imparerete cos’è possibile farci. Imparerete ad essere dei veri creatori. La differenza maggiore è che non farete più la domanda: “Chi sono io?” Capirete invece l’affermazione: “Io Sono.”

Sulla Nuova Terra sarete sia ricevitori che datori di energie. Sapete, qui sulla Vecchia Terra voi date… e date… e date: per tutto il tempo si tratta di un’espressione indirizzata verso l’esterno: arrendersi alla creazione, arrendersi a creare nuove forme e nuove identità. Sulla Nuova Terra voi darete E riceverete. Sulla Nuova Terra sarete un’energia equilibrata tra maschile e femminile. In un certo senso, non ci saranno nemmeno più un maschile e un femminile: quello era il Vecchio, quello era la dualità - sarete totalmente integrati.

Sulla Nuova Terra sarete in grado di tornare indietro e cogliere qualunque attributo di qualsiasi cosa abbiate da sempre imparato e utilizzarlo là. Non avrete un corpo fisico umano a meno che non lo vogliate: lo potrete creare e potrete letteralmente ritornare nella biologia, nella massa, ma potrete uscirne in ogni momento.

Proprio ora sulla Vecchia Terra siete - come dite voi - bloccati in questi corpi e se ve ne andate sarà una morte sicura. Sulla Nuova Terra potrete creare il corpo e potrete creare massa in qualsiasi momento scegliate di farlo: se vorrete gustarvi un bel pranzo lo potrete fare e alla fine potrete uscire dalla forma fisica ritornando a una pura forma d’energia.

Vi ho raccontato come creo il mio scenario di una casetta in campagna ma, in un certo senso è solo il mio ologramma, un’illusione. Sulla Nuova Terra sarete in grado di creare realtà, realtà materiale quando lo vorrete. Sulla Nuova Terra non ci sarà morte, perché non ci sarà un corpo permanente: non morirete mai. Sulla Nuova Terra non esiste la morte, così non avrete da attendere quella cosa tanto temuta. Sulla Nuova Terra attraverserete cicli e cambiamenti, passerete da un livello di vibrazione al livello successivo, a quello successivo, facendo forse delle pause tra uno e l’altro, ma non esiste alcuna morte.

Sulla Nuova Terra non ci sarà alcun bisogno di cercare un partner o un compagno che faccia parte della vostra vita: sarete completi in voi stessi. Voi siete integri in voi, ma sulla Nuova Terra scoprirete che potrete facilmente fondere e mescolare la vostra energia con un’altra entità, se lo vorrete. Potrete diventare parte di lei e parte della sua esperienza, capirete ogni cosa che la sua anima abbia sperimentato da sempre. Potrete vederlo letteralmente dentro di lei ma, sulla Nuova Terra, non vi sarà necessario consumarla e lei non avrà bisogno di consumare voi. Sarete integri e completi in voi stessi.

Sulla Nuova Terra non avrete un cervello come quello che avete ora come umani, perché SENTIRETE tutto. Non avrete bisogno di questa barriera, di questo filtro del cervello per processare le cose attraverso. In un certo senso, tutti gli archivi di tutte le vostre esperienze saranno contenute dentro di voi: avrete accesso, ma non sarà come un cervello che spara giudizi, che dice cos’è giusto o sbagliato. Sulla Nuova Terra non esiste giusto o sbagliato. E’ semplicemente “Io Sono.”

Sulla Nuova Terra avrete sensi e percezioni incredibili… e comprensione… e compassione… e amore… e gioia. Sulla Nuova Terra non dovrete sperimentare la paura e la rabbia che avete sperimentato sulla Vecchia Terra perché quelle facevano tutte parte di questo gioco in risposta alla domanda: “Chi sono io?”

La Nuova Terra sarà un laboratorio per studiare le applicazioni della Nuova Energia e come usarla per la creazione. La Nuova Terra sarà un luogo di apprendimento dove le energie di Casa potranno entrare in pienezza. Sì, la Nuova Terra sarà davvero un faro per Casa, per permettere alle energie del Regno, del Re e della Regina, di espandersi ora verso l’esterno.

La Nuova Terra sarà un luogo in cui voi, voi angeli umani, potrete anche lavorare con gli umani che saranno rimasti sulla Vecchia Terra. Vi sarà letteralmente possibile sedervi accanto a loro e può darsi che non vi riconoscano, perché si trovano ancora nella dualità. Sarete in grado di trasportarvi indietro sulla Vecchia Terra, perché ci siete già stati, avete contribuito a crearla e sapete come funzionano le energie, quindi sarete in grado di tornare indietro per stare vicini a quelli che chiedono di essere guidati. Sarete in grado di andare a sedervi con loro e saranno molto pochi quelli che vi riconosceranno perché si troveranno ancora nella Vecchia Energia. Lo capite, cari amici, che anche noi che ci troviamo da questa parte del velo non possiamo avvicinarci troppo a voi, gli umani?

Ci sono barriere energetiche che c’impediscono di venire molto vicino, ma dalla Nuova Terra sarete in grado di venire e stare anche molto più vicino di quanto non stiamo noi adesso. Qui c’è una domanda - qualcuno si sta chiedendo se entità come me - Tobias - o Maria o qualcuno degli altri possano andare su questa Nuova Terra in qualsiasi momento? In un certo senso, sì, lo possiamo fare, ma non possiamo restarci. Possiamo solo visitarla e questo è il modo migliore di esprimerlo. Per poter essere veramente un residente della Nuova Terra bisogna passare attraverso tutto il processo di illuminazione sulla Vecchia Terra, questo è il sentiero che porta alla Nuova Terra. Gli angeli che si trovano da questa parte del velo non possono aggirare la Terra per arrivare in questo nuovo luogo.

Qualcuno chiede: “Qual è il nome della Nuova Terra?” Vi diciamo che non le è ancora stato dato un nome. Le energie sono ancora in costruzione e non sarebbe giusto darle un nome a questo punto. Vi diciamo anche che la Nuova Terra è un luogo separato - non un pianeta, ma piuttosto un costrutto d’energia. Da quanto abbiamo visto, da quello che percepiamo che sarà si tratta di un luogo meraviglioso, sarà un luogo in cui capirete davvero ‘l’Io Sono’ di chi siete.

Cosa succederà alla Vecchia Terra? Non lo sappiamo ancora. Dipende da voi, dipende dagli altri umani. Anche sulla Vecchia Terra vediamo il forte potenziale degli stessi cambiamenti che stanno accadendo sulla Nuova Terra, vediamo che la comprensione dell’‘Io Sono’ può avvenire altrettanto bene qui, su questa Terra fisica. Vediamo che la Vecchia Terra, anche la Terra fisica possiede il potenziale per lasciar andare la dualità. Vediamo per voi il potenziale di non dover portare il corpo fisico per tutto il tempo sulla Vecchia Terra. Vediamo il potenziale per l’assenza di guerre, perché non ci sarà più nulla per cui combattere: con la comprensione dell’“Io Sono” non ci sarà più alcuna necessità di combattere. La Vecchia Terra ha il potenziale del cambiamento, la Vecchia Terra ha il potenziale di introdurre gli attributi della Nuova Terra. La Vecchia Terra ha anche gli attributi, cari amici, per essere un luogo per le anime che vogliono continuare a giocare al vecchio gioco, che vogliono continuare a cercare la risposta alla domanda: “Chi sono io?” La Vecchia Terra ha il potenziale di proseguire le guerre... di continuare l’inquinamento... di continuare la sfiducia... di perpetuare le emozioni di rabbia, odio ed ira. Esiste anche questo potenziale e in realtà, a questo punto, dipende da voi e dagli altri umani in quale direzione andrà la Vecchia Terra. Dipende veramente dal lavoro che svolgete dentro di voi, nel profondo, dentro di voi.

Siamo a un punto in cui non siamo in grado di dirvi nulla, pro o contro. Non vediamo la Vecchia Terra subire alcun genere di distruzione o annientamento ma potrebbe darsi che resti un campo giochi della vecchia dualità. Questo si deciderà qui, nel corso dei prossimi anni, nel periodo di cui avete parlato definendolo il “salto quantico.” Ciò determinerà la direzione in cui andrà la Vecchia Terra, ma quello che sappiamo proprio ora è che la Nuova Terra è in costruzione, voi la state costruendo. Non ponetevi più la domanda: “Chi sono?” Avrete la comprensione dell’“Io Sono.” è qualcosa che state incominciando a sperimentare nella vostra vita proprio ora.

Sappiamo che ci saranno molte domande riguardanti la Nuova Terra. Ve ne saranno alcune a cui non saremo in grado di rispondere perché la cosa non è ancora stata definita, ma possiamo darvi un quadro d’insieme delle energie della Nuova Terra e la comprensione di come potrete prendere tutto ciò che avete fatto da sempre e giocarci sulla Nuova Terra. Sulla Nuova Terra potrete entrare nella materia fisica, potrete fare tutte queste cose.

E con questo, cari amici, è arrivato per voi il momento di parlare. E’ il momento dello Shoud, perché voi parliate a voi stessi di ciò che sta avvenendo nelle vostre vite. Io, Tobias, mi farò da parte per un momento e sentirete il suono del vostro stesso cuore, del vostro stesso essere farsi avanti. Ci prendiamo un attimo per adattare le energie.

(pausa mentre Cauldre passa da Tobias allo Shoud)

 

SHOUD: Noi siamo Shaumbra e siamo famiglia. Siamo una voce e siamo molte voci. Insieme facciamo un viaggio, un viaggio di Shaumbra, un viaggio che ci conduce da Casa a questo nuovo luogo di cui parla Tobias, la Nuova Terra. Mentre ascoltiamo le parole di Tobias, sogniamo che la Nuova Terra si trovi esattamente qui, in questo luogo dove viviamo ora. Sogniamo di portare queste stesse energie su quella che è stata chiamata la Vecchia Terra. Come Shaumbra, vediamo il potenziale perché tutte queste cose avvengano su questa Terra.

Come Shaumbra, proprio ora ci sono tali e tanti cambiamenti sul nostro cammino che certe volte è molto difficile. A volte non siamo sicuri di dove svoltare, non siamo sicuri di quello che ci sta sbarrando la strada. Oggi siamo qui per dirci una cosa breve e semplice: in passato abbiamo creato tantissime regole per noi, abbiamo creato regole che ci aiutassero a superare i tempi difficili, regole su come dovevamo agire… su ciò che dovevamo mangiare… che dovevamo pensare… con chi ci dovevamo associare. Ci siamo creati delle regole su ciò che è giusto e su ciò che è sbagliato, su ciò che è bene e su ciò che è male. Abbiamo creato tantissime regole e a volte è difficile andare avanti.

Come Shaumbra, ci ricordiamo che proprio adesso è ora che crollino tutte le regole, che nella nostra vita non ci sia alcuna regola. Da adesso e fino alla fine di quest’anno prenderemo in considerazione le regole che abbiamo creato sul modo giusto di vestirsi… sul modo giusto di parlare… sul modo giusto di agire… sulle cose giuste in cui credere… sui cibi giusti da ingerire.

Abbiamo creato volumi su volumi di regole e nessuna di loro è ancora applicabile. Nei prossimi giorni e settimane, mentre sperimenteremo le cose nella nostra vita ne terremo conto: osserveremo tutte le regole che abbiamo e arriveremo a capire che le regole forse ci sono servite in passato, ma non sono più adatte.

E’ ora che tutte le regole scompaiano. Abbiamo permesso alle regole di regolare la nostra vita, abbiamo ceduto il controllo e il potere di ciò che siamo a regole che non sono più valide. Abbiamo lasciato che una porzione della nostra identità fosse il giudice e la giuria. Queste sono le voci che sentiamo nella nostra testa, sono le voci delle stesse regole che abbiamo inventato, dando poi l’autorità a una parte di noi stessi. Per rafforzare le regole noi sentiamo la voce del giudice e della giuria che stanno controllando e guidando gran parte delle nostre vite. E’ ora di prendere tutti quei libri di legge che abbiamo scritto per noi e buttarli via; quelle vecchie regole non ci si adattano più, le vecchie regole non ci stanno più bene addosso, non ci servono più.

Come Shaumbra, abbiamo ceduto il potere a vecchie regole che il vecchio sé aveva creato. Come Shaumbra, abbiamo lasciato che il nostro regno fosse governato da alcuni aspetti di noi - il giudice e la giuria che ci dicevano cosa fare e cosa non fare. Osservando il nostro cammino e ciò che ci sta davanti ci rendiamo conto che le vecchie regole ci impediscono di diventare ciò che siamo, ci impediscono di comprendere il vero “Io Sono.” perciò è ora di capire come quelle vecchie regole dettano e guidano le nostre vite e poi le lasceremo andare, proprio tutte.

Ci sono regole che guidano le nostre vite e non le percepiamo neppure come regole. Sono penetrate e cementate dentro di noi così profondamente che non ci rendiamo conto che erano solo illusioni, che non ne abbiamo più bisogno. Tendiamo a crearci linee guida talmente sottili che non ci permettono di esprimerci davvero né di godere veramente. Abbiamo creato gran parte delle regole perché non avevamo fiducia in noi, non avevamo fiducia nel nostro potere e nella nostra divinità quindici siamo limitati con regole su regole su regole circa il modo di vivere… circa ciò che dovevamo essere… circa il modo in cui gli altri ci dovevano percepire.

Ci rendiamo conto che queste vecchie regole sono gli ultimi baluardi di ciò che deve essere rilasciato per diventare un Umano Divino. Abbiamo lasciato andare le vite passate, abbiamo lasciato andare le vecchie energie, abbiamo lasciato andare altre persone. Ora, come Shaumbra ci rendiamo conto che è ora di lasciar andare tutte le vecchie regole che abbiamo creato. Nessuna di loro è ancora valida e non c’è alcuna ragione per scriverne delle nuove. Se intendiamo lasciare che la nostra divinità sia la nostra guida perché mai dovremmo aver bisogno di regole? Perché mai dovremmo creare delle restrizioni? Se davvero ci fidiamo di noi come angeli divini non ci sono regole, esiste solo la creazione, esiste solamente l’‘Io Sono.”E così è. (breve pausa mentre Tobias ritorna)

TOBIAS: Io, Tobias, ritorno solo per un momento. Ah, ci piace osservarvi, ci piace questo tempo trascorso insieme. Abbiamo fatto un bel pezzo di strada oggi. Parleremo ancora della Nuova Terra nelle prossime riunioni, parleremo ancora di ciò che avete detto – di come quest’energia della Nuova Terra possa far parte anche della Vecchia Terra. Possiamo vedere la fusione della Vecchia Terra con la Nuova Terra così che siano una, così che non debbano essere separate. Ciò potrebbe richiedere un po’ di tempo ma, cari amici, con il lavoro che state facendo esiste il potenziale perché questo accada, esiste il potenziale perché la Nuova Terra sia proprio qui.

Voi non siete mai soli. Avete Shaumbra come famiglia. Avete noi, gli angeli, come cari amici.

E così è.

 

 

La Serie dell’Umanodivino

UMD5 – DOMANDE & RISPOSTE

 

E così è, cari amici, che proseguiamo con l’energia della nostra riunione. Noi osserviamo ciò che succede e vediamo che tanti di voi usano questa opportunità della riunione degli Shaumbra per lasciar andare cose che non sono più adatte a loro. Le lasciate andare ai livelli profondi, interiori e nei giorni e nelle settimane successive dopo che vi siete riuniti in questo modo le cose emergeranno per essere rilasciate.

Voi venite qui con la passione, il desiderio e la forza di lasciar andare tutte queste cose per poter essere davvero liberi, veramente liberi dalle vecchie identità. Potete essere liberi, proprio come avete detto nello Shoud, dalle vecchie regole. Ci veniva proprio da ridere mentre vi sentivamo esprimere questo concetto, stavamo aspettando che lo diceste – che era ora di lasciar andare le vecchie regole che vi siete portati dietro così a lungo.

Nelle vecchie chiese esistono vecchie regole su ciò che è giusto e ciò che è sbagliato e queste non fanno altro che intensificare la dualità e persino nella vostra New Age esistono regole su a ciò che è giusto e ciò che è sbagliato. Molti di quelli che si stanno risvegliando nel cammino spirituale cercano gli insegnanti New Age e si trovano ad affrontare altrettante regole quante ce n’erano nelle vecchie chiese.

Perciò è un piacere sentire voi, Shaumbra, dire che siete pronti a lasciar andare le regole. Nello Shoud dite che le regole non vi servono più, dite di essere pronti a riprendere possesso del vostro regno, del vostro Sé. Sì, davvero, come avete detto nello Shoud osservatevi oggi, domani, nelle prossime settimane e mesi... osservate come le vecchie regole si ripresentano a dettar legge nella vostra vita. Quando lo faranno riconoscetele per ciò che sono, riconoscete che non ne avete più bisogno. Voi non avete bisogno che queste regole vi dicano cos’è bene o male, giusto o sbagliato, perché in un certo senso non esiste alcun bene o male. Come vi abbiamo detto prima, tutte le cose che avete fatto da sempre sono servite allo scopo di aiutarvi a capire chi siete. Tutto ciò che avete fatto, da sempre, vi ha dato nuove capacità di penetrazione e nuove dimensioni.

La dualità è stata un gioco meraviglioso che avete creato per aiutarvi a vedere entrambi i lati di voi, per aiutarvi a vedere lo specchio, per capire chi eravate, ma ora vi state spostando in un tempo e verso l’energia del “Io Sono. Io Sono Spirito. Anch’io Sono Dio. Io Sono la luce e Io Sono l’oscurità. Io Sono Ciò Che Io Sono.”

In passato avete già sentito queste parole, molte volte, da molti altri ma adesso è il momento di viverle e non come concetto intellettuale, non come uno slogan quando parlate agli altri, ma viverle nella vostra vita: “Io sono spirito. Io sono divino. Io sono degno. Io sono l’inizio. Io sono la fine. Io sono sempre.”

Cari amici, cari amici, questa è la Nuova Energia. E’ così che funziona la Nuova Energia: questa è l’energia dietro alla Nuova Terra, ma può anche essere l’energia nella vostra vita, oggi. “Io Sono” – non cercate più di scoprire chi siete… non dover più cercare la vostra identità. L’avete cercata così a lungo.

È arrivato il momento di vivere senza le regole che vi siete imposti, è ora di vivere con dignità e con la comprensione che tutto ciò che da sempre avete fatto è servito ad uno scopo, tutto ciò che avete fatto finora ha costruito il veicolo della vostra anima. Ora è arrivato il momento di essere degli angeli umani sulla Terra con la comprensione che Io Sono… Io Sono.

Con questo saremmo lieti di rispondere alle vostre domande.

 

DOMANDA DA SHAUMBRA 1: Ciao, Tobias. La mia domanda riguarda… beh, in realtà si tratta solo di una conferma sugli esseri interdimensionali che hai menzionato prima. Mi sembra che noi possiamo vedere questi esseri, per esempio nei sassi o negli alberi o persino nei lampioni. Mi stavo solo chiedendo quali erano i tuoi pensieri su questo?

TOBIAS: Questa è un’eccellente domanda. Vorremmo iniziare col dire che ogni cosa ha coscienza... ogni cosa... ogni cosa. La Terra, gli alberi, le foglie sugli alberi, gli animali... sì, persino le cose create dall’uomo – bottiglie di plastica, una sedia, la luce. Qualsiasi cosa possiede una coscienza e una vibrazione unica e infatti, diventando sempre più sensibili, quando lascerete cadere tutti i vecchi filtri potrete vederle.

Le coscienze esistono a molteplici livelli. Per esempio un singolo uccello, come una ghiandaia, può avere una sua coscienza, mentre al livello successivo esiste la coscienza di tutte le ghiandaie, la coscienza “ghiandaia.” C’è poi un altro livello - la coscienza degli uccelli, poi un ulteriore livello - la coscienza degli animali che a sua volta incorpora la coscienza di tutta la Terra, perciò esistono molteplici strati e molteplici livelli.

Quando vi aprirete e diventerete più consapevoli di queste cose potrete parlare a queste energie. Sì, davvero… Shaumbra, incoraggiamo tutti voi a parlare a queste energie, a comunicare con loro. Persino l’energia di una penna che tenete in mano ha una sua coscienza, non uno spirito come il vostro, ma ha una coscienza e potrete parlarle.

Potrete parlare ai vecchi mobili che sono stati lì per centinaia di anni… e le storie che vi racconteranno sulla gente che ci si è seduta sopra! Tutte queste cose sono vive e vibranti e in quanto umani illuminati, potrete attingervi, potrete divertirvi molto giocando con tutto questo.

Mentre guidate lungo la strada, il segnale dello stop ha coscienza e vi racconterà quante persone gli sono passate accanto, vi racconterà quante persone l’hanno maledetto, vi permetterà di sentire la parte metallica di sé, vi permetterà di percepire la forza del suo messaggio. Esistono tanti strati e tanti livelli.

Ora, a volte sarete un po’ confusi perché entrerete tra tutti i diversi strati e livelli e può darsi che all’inizio questo vi causi un po’ di confusione ma, lavorandoci su, parlando a tutto ciò che vi circond, sarete in grado di discernere il livello o lo strato su cui vi trovate… con chi state comunicando… che cosa state sentendo.

Poi questo andrà ben oltre le cose che vi circondano. Ci sono strati e livelli di coscienza interdimensionale che esistono persino in questa stanza, strati con entità che hanno abbandonato il corpo umano ma stanno ancora camminando sulla Terra: voi li definite fantasmi e proprio adesso ce ne sono alcuni in questa stanza. Sono molto perplessi riguardo a voi, a tutti voi e non sono sicuri del perché si trovano qui, ma c’è qualcosa che li ha attirati.

Poi ci sono gli strati di coscienza degli angeli che sono qui e amano sentirvi parlare con loro e questo li fa brillare e scintillare. Esistono livelli intergalattici di coscienza, esistono - come direste voi - tipi di forme di vita intelligente negli strati dei livelli intergalattici. Abbiamo detto che quando osservate il vostro universo fisico là fuori non c’è un granché, ma c'è molto in mezzo, negli altri strati e livelli. Su questi altri pianeti del vostro universo non ci sono molte forme di vita, ma ci sono forme di vita negli strati che si trovano al di sopra, al di sotto e accanto.

Tra parentesi, tutti stanno aspettando di poter venire un giorno in questo strato che chiamate il vostro universo. Stanno aspettando che voi facciate il lavoro che permetterà alla porta di aprirsi, in modo che possano entrare in quello che conoscete come il vostro universo fisico. Molti di questi, che voi chiamate alieni, esistono su altri livelli interdimensionali.

Come abbiamo detto prima sono voi dal passato, sono voi dal passato. In un certo senso, in termini di tempo sono il vostro passato e in un certo senso, è perché voi avete piantato i semi di quelle razze che definireste alieni; avete piantato i semi e avete dato inizio a quelle famiglie e a quei gruppi, poi avete proseguito e per questo possiedono ancora tanta della vostra energia.

C’è vita tutt’attorno a voi. Se state in silenzio e aprite quel vostro cuore la sentirete tutta e presto sarete in grado di vederla tutta. C’è coscienza in una roccia ed essa vi parlerà. Quando imparerete a comunicare con la roccia, allora capirete come spostarla senza toccarla.

 

DOMANDA DA SHAUMBRA 2: Tobias, come membro gay degli Shaumbra vorrei semplicemente ringraziarti per le tue parole compassionevoli e per la comprensione. Vorrei solo che tutti i gay, tutte le lesbiche e i bisessuali avessero quella compassione e comprensione.

TOBIAS: E noi ti ringraziamo per il tuo viaggio e per ciò che hai sopportato nella tua vita. Chiediamo che tutti gli Shaumbra qui presenti ti onorino adesso con un applauso per ciò che hai fatto. Un giorno tutti gli umani guarderanno indietro ai giorni in cui esisteva la dura separazione tra maschile e femminile, tra uomo e donna e si domanderanno perché mai sia successo. Un giorno guarderanno indietro ai veri guerrieri della causa per riportare insieme queste energie, a quelli come te, quelli che si trovano nella vostra società ora a sostenere delle difficoltà, a sostenere l’indignazione di quelli che si professano religiosi. Grazie.

 

DOMANDA DA SHAUMBRA 3: Tobias, Fin dalla Serie del Creatore ci hai detto che se scegliamo di creare qualcosa, lo possiamo fare. Perché non lo stiamo facendo?

TOBIAS: Regole! Le vostre regole! La vostra autostima! Tutti questi argomenti di cui vi parliamo e riparliamo… vecchi argomenti da vite passate che sono ancora bloccati, da vite passate in cui avete fatto voto di povertà… regole che vi imponete adesso, in questa vita!

Lo sapete, cari amici, che la vostra paura più grande è la vostra abilità di creare? Vi preoccupate che lasciati senza muri, senza regole e restrizioni e senza barriere e filtri potreste creare qualcosa di brutto o terribile. Ripensate ai tempi in cui, già prima di venire sulla Terra, avete creato l’universo fisico e c’erano grandi guerre e grandi battaglie. Vi siete detti: “NON esprimerò MAI PIÙ il mio potere in questo modo!” ed eccovi qui, davanti a noi, a chiedere come mai non riuscite a creare.

Non riuscite a vedere da soli perché non riuscite a creare? Non vedete tutti i filtri e tutte le barriere che vi siete messi intorno, la paura di essere creatori? Ora lasciatele andare e create, lasciatele andare e create qualunque cosa il vostro cuore desideri.

Non preoccupatevi di creare troppo per voi, non preoccupatevi del fatto che se create abbondanza per voi togliete qualcosa agli altri. Questo non avverrà, c’è abbondanza per tutti: è tutta questione di autostima, tutto si riduce al vostro essere degni.

Voi avete la capacità di creare universi. Ora, portate questa capacità e questo potere sulla Terra e non temete di essere chi siete. “Io Sono”, ricordatevi del “Io Sono.” Dovrete anche esercitarvi a creare prima che succeda qualcosa. Vediamo degli umani che stanno seduti e attendono, attendono di creare, ma senza esprimere. Non accadrà, se voi non fate il primo passo. L’abbondanza inizia quando voi iniziate, la salute inizia quando voi iniziate. Le relazioni, o tutte queste altre cose di cui gli umani si preoccupano… tutto inizia quando voi iniziate. Prendete quella bacchetta magica che avete e fatelo. E così sia! Tu sei un creatore!

 

DOMANDA DA SHAUMBRA 4: Sono davvero felice che tu abbia detto questo. Io sento che sto infrangendo le regole, e che è ora per me di creare. Mi chiamo Linda Lee e sono qui per aiutare l’umanità e mi potete contattare al This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.. Vi ringrazio tanto per il mio viaggio e sono felice di aiutare gli altri nel loro viaggio.

TOBIAS: Proprio così e grazie ai cambiamenti che hai fatto dentro di te stai aiutando l’umanità. Rendendoti disponibile e affermando di essere un’insegnante sei pronta a guidare gli altri che vengono da te. Già in questo tu fai una grande differenza. In verità, per tutti voi, per tutti voi, c’è soltanto una cosa da insegnare agli altri - che anche loro sono Dio. L’insegnamento verrà fatto in molti modi diversi a seconda della persona che si rivolge a voi ma, davvero, rendetevi disponibili. Affermate che siete insegnanti, lasciate che la vostra anima lo senta. Affermate di essere pronti per qualunque cosa si presenti e così sarà.

 

DOMANDA DA SHAUMBRA 5: Salve, prima di tutto voglio dire: “Grazie, Tobias… grazie, Geoff… grazie Linda.” E una parte di questo “grazie” è dovuta al fatto che da circa 10-12 anni sono terrorizzato quando devo alzarmi e parlare davanti alla gente. Eccomi qua! Penso che lo Spirito mi abbia spinto molto forte, altrimenti non sarei qui proprio adesso. Oh, che cosa voglio dire? Sapete, quando ero bambino ho avuto un’educazione cattolica romana e la primissima domanda del catechismo è: “Dov’è Dio?” E Dio è dappertutto. Così, negli anni 80 lessi “Io sono Dio” e fu abbastanza facile accettarlo poi, in qualche punto del cammino scoprì che cattolico voleva dire “universale.” Allora fu come dire “Oh, non sono cattolico romano, sono solo cattolico” eccomi qui e sono bloccato. C’è questa… Tobias, sapresti cosa intendo se dicessi “la lettera”? Tu sapresti, Tobias, che cosa intendo se mi riferissi “alla lettera”? E’ qualcosa che ho scritto che sembra tenermi bloccato. Comunque, non mi sembra di aver a che fare con la mancanza di autostima, bensì con due cose diverse – l’incomprensione e la sfiducia. Puoi commentare per me, per favore, perché voglio aiutare più gente possibile, per il bene supremo…ma sono bloccato.

TOBIAS: Sappiamo che tanti di voi proprio ora si sentono bloccati. Parte di ciò è dovuto al fatto che ci sono tanti vecchi argomenti che stanno ancora venendo a galla e come abbiamo detto prima, nei prossimi mesi. diventerà più facile, sarà più facile. Parte dell’altra cosa è quello che avete detto voi stessi nello Shoud oggi – che ci sono così tante vecchie regole, che VOI avete messo lì, che stanno in mezzo. È ora di lasciarle andare, le lasciate andare osservando e vedendo che cos’erano per poi rilasciarle.

Cari amici, per chi ha fatto la domanda – come dire – non sta a te o a nessuno di voi cambiare o salvare il mondo. Sappiamo che tantissimi di voi nell’amore più grande, dal proprio cuore dicono: “Sono qui per aiutare l’umanità, per salvare l’umanità” ma non c’è nulla da cui l’umanità debba essere salvata! Tutti si stanno godendo il loro gioco, si stanno deliziando e divertendo con le malattie del loro corpo e con i problemi che stanno affrontando con i loro coniugi e amici e si divertono con le battaglie che portano avanti nella mente. Lo capite che anche voi siete venuti da lì? Siete passati attraverso tutte queste esperienze e fino a quando non eravate pronti per il vostro risveglio, questo faceva parte del vostro viaggio.

Così, ricordiamo a tutti voi che siete degli insegnanti e loro verranno da voi, verranno da voi quando sarà il momento giusto. Non c’è nulla che dobbiate andare a predicare agli altri, non c’è bisogno che saliate su un palco improvvisato per predicare delle regole. Non c’è bisogno che raccontiate a altri che cosa dice Tobias: dovete raccontare loro quello che dice il vostro cuore.

Per te, in particolare, che ci hai rivolto la domanda, ci sono – come dire – alcuni argomenti personali che sarebbe meglio non discutere qui proprio ora. Perciò ti chiediamo di parlarne dopo con Cauldre. Ci piace offrirlo volontario! Trova un momento per discuterne con lui. Ci sta chiedendo dove potrà trovare il tempo, ma sappiamo che lo troverà. Sarebbe meglio non discutere questo argomento piuttosto personale, ma ti ringraziamo per l’opportunità di parlare di queste altre cose.

 

DOMANDA DA SHAUMBRA 6: Salve, Tobias. Io sono Jim. Grazie di essere qui e di passarci questa bella illuminazione, questa informazione che ci stai dando che sta cambiando le nostre vite e sento... o cambiando la mia coscienza. Sento, secondo la mia percezione che sto cambiando non solo la mia vita, ma quelli che mi stanno attorno. Una delle domande che ho per te è – nella nostra vita scegliamo il dolore per cambiare noi stessi?

TOBIAS: Sì, lo fate proprio perché lo Spirito non agisce dietro le quinte, non agisce dietro le quinte, mai. Gli angeli non agiscono mai dietro le quinte. Siete voi stessi a preparare ogni esperienza per voi e la difficoltà sta nel fatto che voi non vi rendete sempre conto di come le preparate queste cose. Questo avviene ad altri livelli interiori che non riconoscete a livello consapevole e quindi vi regalate ogni tipo di esperienza.

In passato vi siete preparati esperienze basate sulla vostra percezione del karma, sulla vostra percezione di una legge di equilibri. Ora tanti di voi l’hanno superato, ora capite che non esiste alcun karma e voi predisponete tutto come parte della vostra crescita e della vostra comprensione.

Ora, ci troviamo in un momento di transizione in cui non c’è alcun bisogno di lezioni, non c’è alcun bisogno di passare attraverso dolore e difficoltà. State transitando dal vostro lavoro a essere presenti per gli altri, quando sarà arrivato il loro momento di venire da voi e il vostro momento per entrare in servizio. Ne abbiamo parlato già prima quando abbiamo detto: “Non si tratta più di voi.” Nella vostra vita avverranno cose che per cui sarete le guide e i facilitatori per gli altri, ma siete voi a preparare anche questo. Vi state posizionando per essere i loro insegnanti.

In risposta alla tua domanda – lo Spirito e gli angeli non creano mai lo scenario per voi, mai. Tutto viene dal di dentro e quando lo osservate da questo punto di vista, arrivate a capire meglio che siete davvero dei creatori.

LINDA: Questa sarebbe stata l’ultima domanda.

TOBIAS: Un’altra ancora andrebbe bene.

 

DOMANDA DA SHAUMBRA 7: Grazie per tutto quello che fai, Tobias, e tutti quanti. Vorrei liberarmi dal dolore. Vorrei… voglio che se ne vada! Non m’importa qual’é il mio viaggio. Voglio che se ne vada. Come faccio a farlo?

TOBIAS: Ti amiamo per quanto l’hai fatta semplice! In realtà – come possiamo dirlo – devi capire che, per quanto possa essere difficile, devi capire che questo dolore che provi prima di tutto è solo un’illusione. Non sembra così ma è davvero solo un’illusione. Devi capire che tu puoi esigere che questo dolore se ne vada, puoi insistere: TU sei il creatore, tu sei il sovrano del tuo regno. In realtà questo dolore esiste a causa di vecchi problemi, ma tu gli permetti ancora di risiedere dentro di te.

Tu puoi rimuovere il dolore: digli di andarsene e se ritorna, ti sta solo mettendo alla prova per vedere quanto sei forte. Ti stai soltanto mettendo alla prova per vedere quanto sei forte. Se ritorna, esigi che se ne vada di nuovo, esigi che ti lasci.

Questo è un ottimo argomento, Shaumbra, perché accade spesso che quando cambiate la struttura mentale, quando lasciate andare le cose, queste ritornano perché si tratta di un auto-test: è il modo in cui verificate se eravate davvero seri su ciò che siete e ciò che fate. Qualche volta dovete ripeterlo più volte finché non capite a livello dell’anima e non riuscite a sentire la vostra stessa voce dire: “Io Sono” perciò la cosa migliore da fare con questo dolore è dirgli che non c’è più posto per lui nella tua vita, dirgli di andarsene. Tu sei il creatore, tu sei il sovrano del tuo regno.

E così è, cari amici, che ci avviciniamo a questo periodo meraviglioso di vacanze e di Natale sulla Terra. Ci avviciniamo a questo momento di completamento delle griglie. Godetevi queste prossime settimane, queste ultime settimane che rimangono con la griglia nella posizione in cui era, capendo che ora avete accesso a tutta la vostra divinità. Ora sta a voi farla entrare, possederla e usarla.

Noi amiamo questo periodo dell’anno sulla Terra perché le energie sono così meravigliose. C’è tanta apertura del cuore, c’è tanto amore e tanto ricevere. Sì, certo, c’è dello stress e ci sarà dello stress, come abbiamo detto all’inizio del nostro discorso oggi, stress causato da questi cambiamenti che proseguono. Noi saremo con voi mentre vi godete questa stagione di vacanze con chi amate e con chi condividete la vostra vita.

 

Saremo proprio accanto a voi. In verità, non siete mai soli.

 

E così è!